Nuova Alfa Romeo Giulia elettrica e le altre novità in programma



L'Alfa Romeo Giulia continuerà a vivere come una berlina completamente elettrica.

L'amministratore delegato Imparato dice che Alfa non sarà un marchio solo di SUV, ma ci sarà una Giulia berlina completamente elettrica confermata nella sua futura gamma di prodotti.

L'Alfa Romeo Giulia continuerà a vivere come una berlina completamente elettrica, secondo l'amministratore delegato del marchio, Jean-Philippe Imparato.

Mentre l'azienda si concentrerà anche sui SUV elettrici, con il primo full EV di Alfa Romeo in arrivo nel 2024, Imparato ha detto ad Auto Express che "Alfa Romeo darà un futuro per Giulia, perché quella forma della Giulia è fantastica, e non voglio perderla".

“L'auto è assolutamente stupenda, quindi c'è un futuro per questo tipo di auto, ma sarà un futuro che sarà elettrificato. Significa 100% BEV [veicolo elettrico a batteria] per Alfa Romeo”.

Secondo Imparato, il passaggio alla completa elettrificazione per la sua berlina principale è un must poiché il marchio cerca di trasformare il suo portafoglio di modelli in completamente elettrici entro il 2027.

“Devo fare delle scelte importanti. Se voglio avere prestazioni di livello superiore alla media, devo essere audace", ha detto.

Nonostante il passaggio a propulsori completamente elettrici, il capo dell'Alfa ha sottolineato che il marchio continuerà a dare la priorità all'approccio sportivo e incentrato sul guidatore con cui le sue auto sono diventate famose nel corso dei suoi 111 anni di storia.

"Mi piacerebbe avere questo slogan 'la luce è giusta' per Alfa Romeo", ha detto Imparato. “Anche se ho una tonnellata di batteria alle spalle, voglio trasmettere un'idea di leggerezza, anche se sono elettrizzato. È un elemento fondamentale dell'Alfa Romeo e su questo stiamo costruendo questa nuova gamma. Ma non basta, stiamo lavorando sulle vibrazioni che proverai quando guidi un'Alfa Romeo nel 2025”.

Anche questo non sarà un suono artificiale, secondo Imparato. Il francese ha precisato di non voler portare sulle vetture Alfa caratteristiche false, che non sarebbero in linea con i suoi valori.

Di conseguenza, il suo team di innovazione sta lavorando su sensazioni che vuole che i suoi clienti provino, vibrazioni, feedback "probabilmente alcuni nuovi suoni e movimenti, ma niente di falso - questa è l'intenzione".

Per quanto riguarda le basi tecniche della nuova Giulia, la berlina passerà dalla piattaforma Giorgio con motore a combustione esistente all'architettura STLA Large della società madre Stellantis, che offrirà un'autonomia minima di 800 km (497 miglia), con batterie di dimensioni comprese tra Da 101kWh a 118kWh, secondo le informazioni per gli investitori di Stellantis. Offrirà anche una capacità di ricarica rapida leader della categoria, con un'autonomia aggiunta fino a 20 miglia al minuto.

STLA Large è progettato per modelli con prestazioni a trazione integrale, con la casa madre di Alfa che delinea un possibile tempo di 0-100 km/h a partire da 2,0 secondi per le auto basate su questa tecnologia. In combinazione con gli elementi che le sue auto normali devono offrire, secondo Imparato, il marchio studierà una versione Quadrifoglio incentrata sulle prestazioni su tutti i suoi lanci di nuove auto, cercando di offrire questa opzione più potente e più aggressiva che sia "pienamente coerente con il Il messaggio Quadrifoglio che rappresentiamo sin dall'inizio del marchio.”

Imparato ha aggiunto che se l'Alfa Romeo non fosse in grado di fornire il giusto livello di prestazioni necessario per un modello Quadrifoglio in un dato settore, il marchio non scenderebbe a compromessi costruendo un'auto del genere.

Stellantis avrà a disposizione tre moduli di azionamento elettrico, con il terzo che offre tecnologia da 400 o 800 V e fino a 443 CV per motore. Significa raggiungere il livello di prestazioni richiesto per una Giulia Quadrifoglio che probabilmente utilizzerebbe un assetto a quattro ruote motrici con doppio motore.

Per proteggere le caratteristiche Alfa ha bisogno che le sue future auto abbiano un membro del suo team di prodotto integrato nello sviluppo dell'architettura STLA Large. “Il ragazzo che è incastonato da noi per definire le specifiche, le caratteristiche, le prestazioni, è Fabio Migliavacca, il ragazzo che ha sviluppato la versione GTA per Alfa Romeo. Respira Alfa Romeo, quindi darà le caratteristiche di cui abbiamo bisogno per definire questo design totalmente pulito”.

È improbabile che ci sarà una GTV in futuro, tuttavia, con Imparato che cita il volume delle vendite di coupé a tre porte in questo segmento come un potenziale punto critico rispetto alle vendite delle berline a cinque porte.

La Giulia farà parte dell'offensiva di prodotti completamente elettrici Alfa che prenderà il via nel 2024 – probabilmente un SUV – che offrirà un assetto e due propulsori. Sarà seguito da un lancio o da un grande evento di prodotto all'anno nei prossimi cinque anni, con questo piano già firmato e con fondi assegnati.

Il Tonale verrà lanciato nel 2022 dopo un ritardo di 12 settimane per migliorare le prestazioni dell'auto, seguito da un evento sul prodotto nel 2023, che sarà probabilmente un piccolo SUV. "Il primo veicolo elettrico completo arriverà nel 2024 e assisteremo a un grande lancio nel 2025, 2026 e vedremo Alfa Romeo come BEV completo nel 2027. Questo è convalidato e finanziato."

Ci sono anche una serie di "macchine da sogno" che Imparato vorrebbe creare. Mentre ha ammesso che una GTV è in quella lista, ha detto: “Se devo fare una scelta, vado per la Duetto Spider. Ovviamente, abbiamo progettato quella macchina, ma non oserò metterla sul tavolo prima che l'Alfa Romeo sia completamente sicura [nelle sue finanze]. Ma possiamo farlo con il ponte tecnologico che abbiamo nel piano del prodotto, nessun problema".

Commenti

  1. Ciao Matteo sono Salvatore di Pomigliano complimenti per il tuo sito. A riguardo L Alfa romeo speriamo che si facciano tutti Questi modelli già la Tonale e un inizio ciao Matteo e buona giornata

    RispondiElimina
  2. Le lavatrici elettriche, le compro, al Trony! E questo sarebbe, il futuro "glorioso"? BMW intanto ha annunciato di volere continuare la produzione dei motori termici, e si salverà! Quindi Imparato vuole la morte di Alfa Romeo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che prima di scrivere cazzate pubbliche bisognerebbe guardarsi un po' in torno e senza paraocchi.
      Se non ti è ancora chiaro che per obblighi legislativi si andrà tutti verso la mobilità elettrica sei fuori da questo mondo.
      A parte che non sai nemmeno come ti chiami, visto che non ti firmi

      Elimina
    2. Come siete antichi...il motore termico è morto! Io non vedo l'ora di vedere Alfa Romeo che fa il culo a Tesla e Teslari

      Elimina
    3. Forse è il contrario. Stellantis è furba a spingere sull'elettrico visto che sarà obbligatorio. I fessi sono quelli che investono sul termico

      Elimina
    4. Veramente è più intelligente chi investe nell'elettrico per come stanno cambiando le cose

      Elimina

Posta un commento

I più letti della settimana