Luca Napolitano: per Lancia puntiamo su mercato premium Ue. Ipotesi HF e Rally. Nel 2024 Ypsilon hatchback, poi crossover e Delta. Elettrico dal 2028



Per Lancia è prevista l'estensione della gamme, il ritorno in Europa, far tornare prestigioso e premium il marchio e si punta all'elettrico e sostenibilità con un piano finanziato e approvato, un manager e un centro stile dedicati. Sono previsti tre modelli, uno ogni due anni a partire dal 2024 con la nuova Ypsilon che rimarrà una classica hatchback ma più grande, poi nel 2026 un crossover sportback (CUV) e nel 2028 la nuova Delta (ispirata alle geometrie del modello anni '80), per riportare Lancia fra i brand premium europei, con l’ipotesi di una gamma HF e del ritorno ai Rally. A poche settimane dalla presentazione, il Ceo di Lancia, Luca Napolitano, racconta nuovi dettagli del piano di rilancio del brand, che punta a lanciare nuovi modelli solo elettrici dal 2026, per diventare full electric nel 2028 e a tornare all’estero con 100 concessionari in 60 città europee.

“Tavares è stato molto chiaro: Lancia deve tornare ad essere un brand credibile e rispettato nel mercato premium europeo. L’ambizione è enorme. La regola è fare un cosa per volta, e farla bene. In Stellantis non si fanno sconti se non si fanno profitti”, afferma Napolitano.

Lancia è nel cluster premium-lusso con Alfa Romeo, DS e Maserati, cui spetta il compito di moltiplicare per cinque i profitti e passare dal 4 all’11% dei ricavi. “Quando ho sentito parlare di cluster europeo per il gruppo, ho capito che era un piano solido e concreto”. Anche il capo designer di Stellantis, Jean-Pierre Ploué, ha un debole per Lancia e si è trasferito a Torino per seguire da vicino lo sviluppo dei nuovi modelli al centro stile di Mirafiori, la nuova casa del brand. “Le auto saranno disegnate e progettate in Italia”, spiega Napolitano.

Si parte nel 2024 con la nuova Ypsilon 100% elettrificata, che probabilmente utilizzerà la piattaforma Stla small. Sarà più grande, ma dentro i 4 metri, e avrà le forme di una hatchback, con la parte posteriore allungata. “Non è una sostituzione della Ypsilon di oggi, sarà una vettura molto diversa. Rappresenta il primo passo del rinascimento di Lancia. La macchina è quasi pronta. Nei clinic test, il design è stato definito futuristico e darà l’imprinting anche agli altri modelli”.

Naturale la scelta di partire dalla Ypsilon. “Partiamo dall’Italia e dal segmento B, perché è più sano iniziare dalle cose che sappiamo fare meglio. L’elettrico non ci spaventa, l’Ypsilon ibrida oggi rappresenta quasi il 90% delle vendite”, spiega il Ceo. Il successo commerciale di Ypsilon è una delle ragioni che hanno convinto Tavares a rilanciare il brand: l’unico modello rimasto della casa è da anni al vertice del mercato italiano (43.735 unità vendute nel 2021, +2%) e leader del segmento B. Da inizio anno, in scia anche all’edizione Alberta Ferretti, la quota di mercato è aumentata al 3,2% (+0,3%).

La produzione della nuova Ypsilon potrebbe essere trasferita a Saragozza in Spagna. Oggi viene prodotta a Tychy in Polonia, insieme alla 500 termica, in attesa dell’arrivo nel 2023 del crossover compatto Fiat. La 500 elettrica, invece, viene prodotta a Mirafiori, il polo per l’elettrificazione del gruppo.

A seguire nel 2026 ci sarà l’ammiraglia, che non avrà le forme classiche di modelli come Thema o Kappa, ma sarà un crossover sportback, o compact utility vehicle, solo elettrico di 4,6 metri di lunghezza. Potrebbe essere prodotto a Melfi sulla piattaforma Stla Medium, con batterie con autonomia fino a 700 km. Il nome scelto internamente era Aurelia, “ma è stato superato dall’evoluzione del progetto che paragonerei a una sportback crossover, un grosso cuv, per entrare nel segmento più rilevante in Europa. Per il nome guardiamo al passato, ci piace l’alfabeto greco, o un nome romano, sicuramente non sarà un numero”.

Nel 2028 invece arriverà la “Delta” electtrica, una due volumi compatta su piattaforma Stla Medium. “Tutti vogliamo la Delta. Sarà una vettura con linee geometriche, scolpite e muscolose, come ci chiedono gli appassionati”. Il nome Delta è legato a doppio filo con il marchio HF che potrebbe tornare in versione solo elettrica e declinato su tutti i modelli, come fanno i competitor premium. “Il progetto non è ancora stato approvato, ma ci stiamo lavorando. Su HF però non possiamo scherzare e fare una cosa a metà. Il progetto ci piace, interpreta l’agilità del brand e ci permetterebbe di allargare il segmento di mercato dei prodotti, migliorare il ciclo vita e la profittabilità”.

HF vuol dire anche motorsport e rally, dove Lancia è il marchio che ha vinto di più. Tavares è aperto al progetto: “Deciderà Napolitano”, ha detto a Roma al GP di Formula E. “C’è spazio per tornare nel motorsport e nei rally. Ma le aspettative sono enormi e il progetto deve avere un programma di marketing interessante. Se faremo bene i compiti, torno da Tavares e glielo chiedo”.

Sul ritorno in Europa di Lancia il piano del Ceo Napolitano prevede 100 concessionari in 60 città, con una forte spinta sul digitale: oltre il 50% delle vendite saranno generate online. I primi paesi ad ospitare il brand dovrebbero essere Germania, Francia, Belgio, Olanda e Austria. “A breve definiremo i country manager. Con Jean-Philippe Imparato (Alfa Romeo) e Beatrice Foucher (DS), abbiamo incontrato le associazioni dei concessionari. Siamo soddisfatti, l’interesse è stato superiore alle attese”. Si partirà dai dealer Alfa Romeo, con cui Lancia è sincronizzata nel lancio dei nuovi modelli, e DS, ma la collaborazione è aperta a tutti brand del gruppo.

“Useremo stesse piattaforme, software e tecnologia di Alfa Romeo e DS, quindi la parola d’ordine è diversificazione. Alfa Romeo è impostata sulle performance. DS incarna l’eleganza francese, ricca e opulenta. Lancia invece si ispira all’eleganza italiana, semplice e basata sull’understatement”, spiega Napolitano.

Il focus sarà sull’esperienza a bordo. “Stiamo lavorando con interior designer e marchi italiani di arredamento, mentre la tecnologia sarà effortless” cioè di facile utilizzo. Come l’interfaccia SALA: Sound, Air, Light Augmented, che permette di regolare diversi parametri con un solo gesto. Anche la sostenibilità sarà protagonista: gli interni saranno realizzati per oltre il 50% con materiali riciclati: “fra i livelli più alti della media dei brand del gruppo”.

La nuova Lancia punta anche ad allargare la propria base clienti, oggi prevalentemente donne (65%). L’obiettivo sono i “progressive cultural influencer”, cioè clienti esigenti che abitano nelle grandi città, vivono responsabilmente e vogliono guidare il cambiamento. Anche il modo di presentare le vetture sarà rivisto: “Non penso vedrete la nuova Ypsilon ai Saloni di Ginevra o Parigi, ma piuttosto a eventi come il Salone del Mobile, dove il Made in Italy è protagonista”.

Guarda anche questi video dal canale YouTube Passione Auto Italiane:




Commenti

  1. Grande fiducia per il Lancia e per Napolitano!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, credo che faranno un buon lavoro e come base di partenza vanno benissimo i modelli programmati. Finalmente si parla di hatchback e non di suv

      Elimina
  2. alla faccia di PaoloB e Triglia!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla faccia di chi?
      Io ho sempre atteso questo momento.
      Erano altri quelli che davano per chiusa Lancia.
      Devi ringraziare Marchionne che ha mantenuto il marchio aperto in Italia visto che per Morchio andava chiusa

      Elimina
  3. PS: bella la nuova grafica e la semplificazione del sito, complimenti per tutto!!!

    RispondiElimina
  4. una bella Ypsilon Elefantino Rosso non sarebbe male

    RispondiElimina
  5. Elettrica e già fallita 😣 infatti in America e in altri continenti stanno investendo sui motori endotermici Toyota ha pubblicato infatti un articolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi tutti i marchi europei falliranno

      Elimina
    2. @anonimo
      Quindi solo perché viene continuato lo sviluppo di motori endotermici sei arrivato a presupporre il fallimento dell'auto elettrica......
      Argomenta meglio e soprattutto datti un Nick

      Elimina
    3. In Europa tutte le case automobilistiche avranno elettrico e idrogeno. Anche per cambio delle abitudini degli automobilisti, ma soprattutto delle normative. Chi non lo fa fallisce ma la gente è talmente ignorante che non lo capisce

      Elimina
  6. Discorso condiviso.... Che identità avrà Maserati?... Scenderà nei segmenti più bassi?... E cosa pensate di distribuire alcuni marchi premium italiani da concessionari che vendono solo vetture generaliste?...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maserati non la faranno andare sotto al Grecale. Con Alfa Romeo già in FCA avevano chiesto ai concessionari di separare il marchio da Fiat. Quindi sicuramente lo faranno anche con Stellantis . Lancia avrà un servizio da marchio Premium quindi sicuramente non faranno più stare insieme a Fiat

      Elimina

Posta un commento