Alfa Romeo Giulia Spider è "Classica dell'anno"



I lettori di AUTO BILD KLASSIK scelgono le leggendarie auto d'epoca degli anni '60 come vincitrici nella categoria "Cabriolet e Roadster" come "Golden Classic of the Year 2022" [1] .


Il design Pininfarina rende l'Alfa Romeo Giulia Spider una delle roadster italiane più belle di tutti i tempi.


I modelli storici e attuali dell'Alfa Romeo vincono ripetutamente il concorso dei lettori di AUTO BILD KLASSIK.


Quasi nessun'altra decappottabile incarna lo stile di vita italiano degli anni '60 così perfettamente come l'Alfa Romeo Giulia Spider. I lettori di AUTO BILD KLASSIK sono della stessa opinione e hanno votato l'elegante due posti come "Golden Classic of the Year 2022" nella categoria del concorso "Cabriolet e Roadster"*.


AUTO BILD KLASSIK ha offerto ai lettori la possibilità di scegliere tra un totale di 50 vintage e youngtimer in cinque categorie, che festeggiano un compleanno importante nel 2022. La maggioranza dei voti nel segmento “Cabrio e Roadster” è andata all'Alfa Romeo Giulia Spider, che ha piazzato al secondo posto due forti concorrenti provenienti da Gran Bretagna e Stati Uniti.


“In quanto marchio con una lunga storia, Alfa Romeo è particolarmente apprezzata dagli appassionati di auto d'epoca tedesche. Siamo orgogliosi di ricevere ancora una volta il trofeo del vincitore per l'Alfa Romeo Giulia Spider nel concorso dei lettori di AUTO BILD KLASSIK. Questo è un grande regalo per il 60° compleanno di quella che considero una delle roadster italiane più belle di tutti i tempi”, ha commentato Niccolò Biagioli, Brand Country Director Alfa Romeo.


I modelli storici e attuali di Alfa Romeo sono regolarmente tra i vincitori nei sondaggi AUTO BILD KLASSIK. In passato, i lettori hanno votato l'Alfa Romeo Spider del 1966 "Classic of the Year" e l'Alfa Romeo Giulia, costruita dal 2016, come "Future Classic".


 


Alfa Romeo Giulia Spider (1962)


I fan delle roadster italiane devono ringraziare l'Alfa Romeo Giulia Spider Max per Hoffman. Essendo uno dei maggiori importatori statunitensi di auto europee, il nativo austriaco ha avuto una grande influenza sulla politica dei modelli dei marchi di cui era responsabile negli anni '50. Hoffman voleva dall'Alfa Romeo una roadster piccola e manovrabile per i soleggiati stati della California e della Florida. Non si poteva lasciare questo mercato ai produttori britannici, sostenne Hoffman e ordinò sommariamente un contingente iniziale di 600 veicoli per confermarlo.


L'Alfa Romeo era convinta. Il modello Giulietta presentato poco prima ha fornito la base tecnica del progetto. Per la carrozzeria ha prevalso il design dello studio di design Pininfarina. L'Alfa Romeo Giulietta Spider fu presentata al Salone di Parigi e all'IAA di Francoforte nell'autunno del 1955. La risposta travolgente ha mostrato rapidamente che Hoffman non solo aveva il polso del polso negli Stati Uniti. Fino al 1962 furono costruite circa 17.000 Giulietta Spider, tutte con motori a quattro cilindri da 1,3 litri.


Nel 1962 il modello Giulia completamente ridisegnato sostituì la Giulietta, ma inizialmente solo nella versione berlina. La Spider continuò ad essere costruita con un nome adattato da Giulietta a Giulia e con una tecnologia in gran parte identica. Il cambiamento più grande è stato il quattro cilindri Giulia da 1,6 litri che ora è stato utilizzato come motore. Un rigonfiamento sul cofano offre più spazio al motore leggermente più alto e ottimizza anche il flusso d'aria di raffreddamento. È il caratteristico differenziatore tra Giulietta Spider e Giulia Spider. 


Basato sul predecessore, più piccolo di 300 centimetri cubi, anche il motore della Giulia incarna la tecnologia da corsa nella sua forma più pura. Il monoblocco e la testata sono in alluminio. Due alberi a camme in testa sono responsabili del controllo delle valvole e le camere di combustione hanno una forma emisferica. Oltre alla versione standard da 92 CV è disponibile anche l'Alfa Romeo Giulia Spider Veloce da 112 CV. In entrambe le versioni, il quattro cilindri ad alti regimi convince con il suono robusto tipico del marchio.


Anche il telaio testimonia i geni da corsa della roadster. L'assale anteriore è guidato da doppi bracci trasversali triangolari, montanti a molla e barra antirollio. Sull'assale posteriore rigido vengono utilizzati bracci longitudinali e un triangolo di reazione centrale.


Tra il 1962 e il 1965 Alfa Romeo e Pininfarina produssero congiuntamente circa 10.300 Giulia Spider. Poi continuò a fare scalpore l'erede, senza il nome Giulia: l'Alfa Romeo Spider, inconfondibile anche per la coda tonda.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel 2023 arriverà la nuova Fiat 600. Nel 2024 la nuova Abarth 600

Nuove anticipazioni sulla Nuova Lancia Ypsilon 2024!

Imparato “L'elettricità è efficienza. Così aereo. La berlina è più aerodinamica. Per me, l'industria tornerà a questo tipo di auto. Quindi sì, ci sarà una futura Giulia”.

Fiat conferma il nuovo pick-up medio per il 2023

Fiat si consolida già a novembre leader assoluto in Brasile nelle vendite del 2022 e raggiunge nel mese il 23,3% di quota di mercato

Paesi in cui è tornato l'ufficio stampa Lancia

Tutte le novità Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth in programma

Nuova Lancia Ypsilon MY'23, la city car più connessa di sempre

TORNA IL FIAT TALENTO. SI POSIZIONERA' TRA SCUDO E DUCATO. ARRIVA ANCHE IL NUOVO FIORINO?