Passa ai contenuti principali

L’Heritage di Stellantis protagonista al salone parigino Rétromobile con Alfa Romeo, Fiat-Abarth e Lancia



1-5 febbraio 2023, queste le date di Rétromobile, il salone dedicato alle vetture classiche più antico d’Europa, giunto ormai alla 47^ edizione.

Tra gli oltre 600 espositori, spicca lo stand dell’Heritage di Stellantis sul quale fanno bella mostra di sé quattro gioielli d’epoca: Alfa Romeo S.Z. (1989) e Alfa Romeo 1900 Super Sprint (1956), Lancia Rally 037 (1982), Fiat-Abarth 850 TC (1964).

Valorizzazione del patrimonio storico dei marchi Abarth, Alfa Romeo, Fiat e Lancia: questo l’obiettivo dell’Heritage di Stellantis, ribadito attraverso nuovi servizi e opportunità per gli appassionati di vetture d’epoca, quali le visite all’Heritage Hub di Torino e al Museo Alfa Romeo di Arese, i Certificati di Origine, le Certificazioni di Autenticità, i restauri e tanti altri servizi.

 


Torino, 30 gennaio 2023 - 130.000 visitatori attesi, oltre 600 espositori da tutto il mondo e più di 1.000 vetture esposte: questi i numeri della 47^ edizione di Rétromobile a Parigi, a Porte de Versailles, il salone dedicato alle vetture classiche più antico d’Europa.

A questo appuntamento non poteva mancare Heritage di Stellantis, creato a Torino nel 2015, con la missione di recuperare, custodire e valorizzare il patrimonio storico dei marchi Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth per promuoverne e diffonderne i valori ancora attuali, sia attraverso la partecipazione a manifestazioni di settore, sia offrendo nuovi servizi e opportunità agli appassionati delle vetture classiche.


Servizi e opportunità che vengono sottolineati grazie al legame con le vetture presenti sullo stand allestito per Rétromobile: così l’Alfa Romeo S.Z. e l’Alfa Romeo 1900 Super Sprint richiamano le nuove procedure adottate per la Certificazione di Autenticità delle vetture classiche di questo marchio, realizzate in stretto coordinamento con la Casa del Biscione: il riconoscimento ufficiale dell’originalità delle auto storiche ora viene infatti rilasciato da un comitato di certificazione composto dai vertici del brand, da esperti del marchio e dai tecnici di Heritage e costituisce lo strumento per rendere ogni Alfa Romeo storica unica.


Le stesse procedure vengono applicate nel programma “Lancia Classiche” in cui il top management del Marchio e il responsabile dell’Heritage presiedono il comitato che valuta le auto storiche e rilascia le certificazioni di Origine e di Autenticità, attraverso cui si attestano sia l’anno di produzione e la configurazione originale dell’auto, sia l'autenticità della vettura e dei suoi componenti e il funzionamento delle principali parti meccaniche.

Sullo stand di Rétromobile, Lancia si mette quindi in evidenza grazie alla Lancia Rally 037, per la quale quest'anno ricorre il 40° anniversario della vittoria del Mondiale Rally. Questo esemplare ha la sua normale collocazione nell’area “The Rally Era” di Heritage HUB e testimonia quindi anche la ricchezza della collezione storica di Stellantis, aperta al pubblico a Torino, in Via Plava all’interno del comprensorio industriale di Mirafiori. L’esposizione di Heritage Hub si estende su un’area di 15.000 mq e ospita circa 300 vetture dei tre marchi “torinesi” (Lancia, Abarth e Fiat) oltre a un significativo numero di Alfa Romeo, Autobianchi e Jeep. Lo spazio è fruibile previa prenotazione online della visita guidata: si svela così un patrimonio storico inestimabile, testimonianza di un’avventura iniziata oltre 120 anni fa.


Infine, la Fiat-Abarth 850 TC, acquisita da Heritage nelle condizioni di “barn find”, è stata riportata all’antico splendore grazie a un minuzioso e laborioso lavoro di restauro operato dai tecnici delle Officine Classiche, che ha interessato carrozzeria, meccanica, interni e strumentazione. La vettura sarà esposta nello stato di work-in-progress, a testimonianza della qualità delle lavorazioni effettuate.


Esaminiamo in dettaglio i quattro gioielli esposti.


 


Alfa Romeo S.Z. (ES30), 1989


L’esemplare esposto è più che unico. Tra le prime prodotte, si tratta di una vettura “ex-works”, proveniente dal circuito di prova di Balocco, dove è stata impiegata per sperimentare differenti soluzioni. Autentica vettura laboratorio, è diversa in alcuni dettagli rispetto alle altre S.Z. successivamente prodotte, tanto da poter essere considerata un prototipo. Si tratta di un progetto ambizioso, denominato ES30, cioè “Experimental Sportcar 3.0 litres”, sorto dalla volontà dell’Alfa Romeo di ribadire la sua tradizione di vetture sportive a trazione posteriore, utilizzando però nuove tecnologie e affidando la produzione di un migliaio di esemplari alla carrozzeria Zagato, che li assemblò nello stabilimento alle porte di Milano. Nacque così l’Alfa Romeo S.Z. (Sprint Zagato), una sportiva di razza dalle linee aggressive e inconfondibili. Montata su una sottoscocca in acciaio, la carrozzeria esterna è in materiali compositi, mentre pianale e meccanica derivano dall’Alfa Romeo 75 da competizione (Gruppo A), con il motore tre litri V6 portato a 207 cavalli per una velocità massima di 245 km/h. Del tutto inedito è l’impiego dei primi sistemi di progettazione e produzione definiti CAD/CAM (Computer Aided Design, Computer Aided Manufacturing), che permette di ridurre notevolmente i tempi di sviluppo ma soprattutto gli affinamenti e le modifiche in corso d’opera.


La vettura è stata smontata completamente e sottoposta a un accurato restauro nelle Officine Classiche. La carrozzeria è stata sverniciata e trattata. Gli interni sono stati completamente rigenerati secondo un approccio conservativo. Il serbatoio carburante è stato sottoposto a un intervento di pulizia con apposito trattamento. Accurati controlli hanno interessato anche il motore con un intervento di messa a punto generale. I cerchi ruote hanno beneficiato di un’accurata pulizia, preservandone l’originalità.


 


Alfa Romeo 1900 Super Sprint, 1956


Nel 1955, la 1900 Sprint viene sostituita dalla versione “Super Sprint”, che rimane in produzione fino al 1958 per un totale di 599 unità. Molto simile al modello che l’ha preceduta, la 1900 Super Sprint presenta la novità del cambio a cinque velocità, sempre al volante, ma con rapporti più ravvicinati. Gli organi meccanici sono gli stessi della berlina 1900 Super T.I., con cilindrata di 1975 cm3, e due carburatori invertiti a doppio corpo. Il motore, con 4 cilindri in linea, esprime una potenza di 115 cv @5500 giri/min per una velocità massima pari a 190 km/h.


L’impronta dell’eleganza tutta Alfa Romeo viene dal disegno della Carrozzeria Touring che, coniugato alla ricerca sui materiali, dà alla vettura quelle caratteristiche di leggerezza e basso coefficiente aerodinamico, ottimali anche per la migliore prestazione in gara.


Grazie al Certificato di Origine emesso dall’Heritage di Stellantis – Alfa Romeo Classiche, possiamo confermare che l’esemplare esposto, appartenente a un privato, è stato prodotto il 14 luglio 1956 e venduto 3 giorni dopo, a Parigi. La tinta blu è proprio il suo colore di origine: anche il motore installato oggi è ancora quello di primo equipaggiamento.


 


Lancia Rally 037, Gruppo B, 1982


La vettura, prodotta dall’Abarth tra il 1982 e il 1983, rappresenta la naturale evoluzione da competizione della Lancia Rally stradale. Presentata al Salone di Torino nel 1982, venne realizzata in 200 esemplari per ottenere l’omologazione nel Gruppo B, ma solo 53 di essi furono poi allestiti per le competizioni.


Dotata di un motore quattro cilindri bialbero a iniezione, la cui potenza oscillava da 260 a 305 CV in base all’incremento di cilindrata (da 1995 a 2111 cc), la Rally 037 si rivelò una vettura particolarmente performante, leggera, scattante e con elevate doti di tenuta di strada e maneggevolezza.


Caratterizzata da forme “funzionali” e spigolose, la sua originale struttura mista (monoscocca e tubolare) viene "vestita" dall'atelier Pininfarina che sviluppa una carrozzeria aggressiva ed elegante al contempo, in grado di conferire un importante carico aerodinamico verso il suolo. Per raggiungere la massima efficienza, la carrozzeria viene realizzata in poliestere con rinforzi in vetroresina, mentre i due leggerissimi cofani, motore e baule, possono essere smontati integralmente. Gli interni, minimalisti e razionali, sono la quintessenza della competizione, mentre alcune “appendici” aerodinamiche sul montante e sulla coda, tra cui un vistoso spoiler posteriore, la rendono ancora più performante.


La Lancia Rally 037 esordisce al Rally Costa Smeralda nell’aprile del 1982 e concorre ufficialmente per la stagione 1983, con i colori della squadra ufficiale “Lancia Martini Racing”, dominando il Campionato Mondiale sin dalla prima gara (il Rally di Montecarlo) vinto da Walter Röhrl. In quell’anno la Lancia conquista il Campionato del Mondo, il titolo mondiale Costruttori, il secondo posto nel Mondiale Piloti (con Walter Röhrl) e Campionato Europeo e Italiano grazie all’allora venticinquenne Miki Biasion. La vettura si conferma così una sportiva pura che incarna la famosa vittoria di Davide contro Golia: la Lancia Rally 037 è infatti l’ultima vettura a due ruote motrici a vincere il Mondiale di Rally, battendo avversari più potenti e, soprattutto, dotati di trazione integrale.


 


Fiat-Abarth 850 TC, 1964


Un esemplare molto raro di Fiat-Abarth 850 TC su base della FIAT 600, frutto di un meticoloso restauro a opera delle Officine Classiche Heritage: splendida la verniciatura della scocca anche nell’abitacolo, lasciato senza sedili e rivestimenti appositamente per permettere di apprezzare il lavoro di restauro.

Questo esemplare è una vera auto da corsa, per via della cura maniacale con la quale Carlo Abarth provvedeva a riprogettare integralmente le vetture nella parte meccanica e telaistica; si pensi solamente al fatto che ogni biella dei 4 pistoni veniva ribilanciata inserendo dei pesi microscopici in titanio all’interno del pezzo in fusione metallica, e ognuna di esse riporta incisa la sigla autografa dell’operatore che ha realizzato il lavoro.

Fiat-Abarth 850 TC è la prima vettura dello Scorpione contrassegnata dalla sigla “Turismo Competizione”, una tranquilla vettura di famiglia trasformata in una agile, leggera e scattante auto da corsa che vinse numerose competizioni europee. Carlo Abarth partì infatti dalla Fiat 600 D, dotata di un quattro cilindri in linea da 767 cm3 e ne incrementò la cilindrata fino a 847 cm3, portando la potenza del motore fino a 52 CV a 5800 giri/minuto. La vettura così trasformata raggiunge i 140 km/h, e si rende necessario intervenire sull’impianto frenante nel quale i dischi prendono il posto dei tamburi nelle ruote anteriori. Inoltre ben presto le 600 elaborate da Abarth cambiano aspetto: sotto - e poi al posto - del paraurti anteriore compaiono i radiatori dell'olio e, per raffreddare ulteriormente il motore sempre più potente, il cofano posteriore viene mantenuto in posizione sollevata grazie a delle staffe, prefigurazione di quello che diventerà lo spoiler posteriore, altra firma del vulcanico Abarth.

I successi in pista non tardano ad arrivare, in particolare nelle gare di durata che mettono in risalto le prestazioni dell’850 TC, ma anche la sua affidabilità. Da notare infine che l’esemplare esposto sullo stand si caratterizza per una storia particolare: l’auto è infatti appartenuta alla Guardia di Finanza, che la utilizzava come vettura “civetta” impiegata nel servizio di prevenzione e repressione del contrabbando.

Commenti

Post popolari in questo blog

La Fiat Pandina verrà presentata il 29 febbraio

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026.

Dopodomani verrà svelata la Fiat Pandina

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026. Il restyling della Panda attuale non prevede stravolgimenti: Pandina conserverà inalterata la sua meccanica ibrida a 48 Volt ma potrà beneficiare di nuovi sistemi di sicurezza (come il dispositivo di mantenimento corsia, la frenata automatica d'emergenza o il riconoscimento dei cartelli stradali) per allinearsi alle nuove direttive Ue previste per l'omologazione. Inoltre verrà introdotto un nuovo volante e la strumentazione digitale.

Fiat Pandina, fatta in Italia

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis presenta la nuova serie speciale Fiat Pandina dallo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d’Arco. Conferenza il 29 febbraio alle ore 12.00.

Nuovo Fiat E-Doblò MY24: tanto spazio per tutti e per tutto

Il nuovo E-Doblò unisce il meglio del comfort e della tecnologia con un tocco di stile per aiutare i clienti ad aggiungere praticità e benessere nella vita di tutti i giorni: una versione “all-in” che rende meno stressante e molto più sicura la guida in città. Versatile, spazioso, flessibile e adatto alle esigenze di tutti, il nuovo E-Doblò è senza compromessi, moderno e conveniente. Il suo upgrade di stile è visibile nel nuovo paraurti anteriore con skidplate inferiore, cerchi in lega da 17" e fendinebbia per viaggiare ovunque in sicurezza e tranquillità. È dotato di due porte scorrevoli con finestre ad apertura elettrica che garantiscono ai clienti praticità e comfort. Lo spazio interno del nuovo E-Doblò offre tanto spazio per tutti e per tutto grazie a diverse configurazioni di sedili e vani portaoggetti che garantiranno ai clienti la massima flessibilità durante la guida e il trasporto. Sono infatti disponibili 3 sedili posteriori singoli abbattibili, con la possibilità di amp

Novità per la Fiat Pandina

Dal punto di vista del design, presenta una nuova fascia della plancia verniciata di bianco e nuovi sedili con monogramma e logo "Pandina" in rilievo, doppie cuciture gialle, dettagli bianchi e filato Seaqual contenente una materia prima sostenibile e completamente tracciabile ricavata da rifiuti marini. Gli esterni sono arricchiti da dettagli giocosi come il musetto di un panda sul coprimozzo, le calotte degli specchietti retrovisori gialli, la scritta Pandina sulle modanature laterali e la serigrafia "Pandina" sul finestrino posteriore. Oltre ai colori già esistenti - Bianco Gelato, Nero Cinema, Rosso Passione e Blu Italia - Pandina offre il nuovo Giallo Positano e nuovi abbinamenti bicolori (tetto nero a contrasto). La nuova serie speciale Pandina sarà disponibile a partire da quest'estate nei principali Paesi europei.

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube, è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il

Nuova Lancia Gamma

La nuova Lancia Gamma sarà il secondo modello della nuova era Lancia. Durante la presentazione della nuova Lancia Ypsilon è stata mostrata anche la prima immagine ufficiali delle nuove Lancia Gamma. Sarà un ammiraglia della categoria di Citroen C5X e Peugeot 408, e sarà prodotta a Melfi.  Nel 2026 vedremo questa nuova ammiraglia, lunga 4.6 metri e che permetterà al marchio Lancia di entrare nel segmento più grande in Europa. Sarà disponibile solo con motorizzazione completamente elettrica.

Nuove dotazioni per Fiat Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

Nuova Fiat Pandina - Fiat Panda MY 2024

L'attuale Fiat Panda rimarrà in listino almeno fino al 2026 e sarà sempre prodotta a Pomigliano D'arco (Napoli).  Per questo motivo stanno arrivando alcuni aggiornamenti come la strumentazione digitale, un nuovo volante e nuovi sistemi adas per la sicurezza stradale. Ma l'11 luglio 2024 verrà svelata anche la nuova Fiat Panda, che sarà parente stretta della nuova Citroen C3 e per non creare una sovrapposizione di nomi, la Panda attuale con il model year 2024 acquisirà il nome di Pandina. La Fiat Pandina sta per arrivare e rappresenterà il modello d'accesso al mondo Panda. Sarà disponibile con motore 1.0 Hybrid e non dovrebbe essere prevista la versione 4x4.

FIAT lancia una nuova sfida globale

L’Amministratore Delegato di FIAT, Olivier Francois, ha appena svelato i prossimi passi nella creazione della nuova gamma. Il video è disponibile a questo link. Tutti i nuovi modelli, che condivideranno una piattaforma globale comune, saranno disponibili ai clienti di tutto il mondo. FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo. La prima vettura di questa nuova famiglia sarà presentata a luglio 2024, seguita dal lancio di un nuovo modello ogni anno per i tre anni successivi. In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è s