Passa ai contenuti principali

Alfa Romeo Giulietta Sprint compie 70 anni



Compie settanta anni la mitica Alfa Romeo Giulietta, la “Fidanzata d’Italia”, presentata nella sua versione Sprint al Salone di Torino il 21 aprile 1954

Per onorare questa ricorrenza, il Centro Stile Alfa Romeo ha realizzato un un logo celebrativo dell’anniversario. L’evento ufficiale nel primo weekend di giugno al Museo di Arese con una parata, una conferenza Backstage e una mostra dedicata

Il Registro Italiano Alfa Romeo fa sfilare un corteo di 70 esemplari dal lago di Garda alla casa di Giulietta a Verona per arrivare ad Arese. Una categoria dedicata nel concorso RealAlfa

 

Compie settant’anni la “fidanzata d’Italia”, la Alfa Romeo Giulietta, un modello che ha fatto la storia dell’automobile ed è, ancora oggi, un punto di riferimento per gli appassionati delle quattro ruote.


Lo svelamento ufficiale al pubblico avviene il 21 aprile 1954 al Salone di Torino, con la sola versione coupè: la Giulietta Sprint colpisce immediatamente durante i primi giorni del Salone vengono raccolti circa 2.000 ordini, una cifra enorme per quel periodo. Due settimane prima del lancio, nel cortile del Portello viene organizzata un’anteprima per gli addetti ai lavori e le autorità: da un elicottero scendono due attori negli shakespeariani costumi di Romeo e… Giulietta.


La Giulietta diventa la “fidanzata d’Italia”, la prima Alfa Romeo con nome femminile e conquista i consensi del pubblico, per la quale rappresenta un simbolo del boom economico E quando dalle linee di produzione al Portello esce la Giulietta berlina numero 100.001, è Giulietta Masina in persona, musa di Federico Fellini, a festeggiare questo importante traguardo produttivo: il primo a sei zeri per un modello della Casa Milanese.

 


Il logo celebrativo del Centro Stile Alfa Romeo

Protagonista della storia di quel periodo, Giulietta è uno dei pilastri della storia del Marchio, ed è per questo che Alfa Romeo ha deciso di dedicare un logo celebrativo al 70° anniversario, disegnato dal Centro Stile, per accompagnare i numerosi eventi organizzati in tutto il mondo da club e appassionati.

 


Gli eventi celebrativi ufficiali al Museo Alfa Romeo

Domenica 2 giugno il Museo Alfa Romeo celebrerà il 70° della Giulietta con diverse iniziative: alle 10.30 ci sarà una parata riservata alle vetture Giulietta, mentre alle 11, una speciale conferenza Backstage organizzata dal Museo sarà dedicata proprio alla sua storia, con gli interventi di numerosi relatori e il supporto dei materiali conservati dal Centro Documentazione. Contemporaneamente, all’interno del Museo verrà inaugurata la mostra “Giulietta. Fidanzata d’Italia” che ripercorre le tappe principali e le diverse versioni di una delle vetture più iconiche della sua epoca, capace di trasformare Alfa Romeo in una grande industria automobilistica e lasciare un’impronta indelebile nella società, nel mondo dell’auto e nella cultura del tempo. La mostra è realizzata in collaborazione con il Registro Italiano Alfa Romeo.


Alle 12.30, una seconda parata vedrà sfilare anche le “Nuova” Giulietta del 1977 e la più moderna versione del 2010.

 


Le iniziative del Registro Italiano Alfa Romeo

Sempre domenica 2 Giugno il Registro Italiano Alfa Romeo organizza al Museo Alfa Romeo la terza edizione di RealAlfa, il concorso di restauro e conservazione dedicato a Maurizio Tabucchi. Una delle 10 categorie in gara è riservata alla Giulietta Berlina e TI.


Con la giornata di domenica si concluderà anche il “Tour 70° anniversario” organizzato dal Registro Italiano Alfa Romeo, che guiderà una carovana di 70 Giulietta nella zona del lago di Garda, con tappa venerdì 31 maggio al suggestivo Santuario della Madonna della Corona sul Monte Baldo per poi scendere, sabato 1 giugno, nel centro storico di Verona per l’immancabile visita alla casa di Giulietta. In serata, la parata di Giulietta si dirigerà verso Arese dove, il mattino del 2 giugno, parteciperà alla parata sulla pista del Museo Alfa Romeo.

 


La Giulietta

All’inizio degli anni ‘50 il marchio milanese, recente vincitore di due campionati di F1 consecutivi con l’Alfetta condotta prima da Farina e poi da Fangio nel 1950 e 1951, voleva creare un modello che sostenesse i volumi di produzione e si rivolgesse a un pubblico più vasto, senza tradire le caratteristiche principali che avevano già decretato il successo di Alfa Romeo: tecnologia, prestazioni e stile.


Il Centro Stile Alfa Romeo si mette all’opera e una delle proposte – quella per la versione coupé Sprint - verrà in seguito sviluppata da Bertone, ad opera di Franco Scaglione, lo stesso designer della quasi contemporanea “2000 Sportiva”, della successiva “Giulietta Sprint Speciale” e della meravigliosa “33 Stradale” del 1967. La stessa Bertone curerà poi la costruzione della Giulietta Sprint.


Il risultato è una vettura bassa, con una fiancata essenziale e il posteriore, con il lunotto molto inclinato e avvolgente. Il successo è immediato e travolgente.


Di fatto, Alfa Romeo entra in un nuovo scenario competitivo, quello delle coupé compatte ad alte prestazioni, stabilendo nuovi standard tecnico-prestazionali che la pongono a una rilevante distanza dai concorrenti. Il motore della Giulietta è un quattro cilindri bialbero di 1290 cc completamente realizzato in lega leggera (soluzione all’epoca innovativa per un propulsore prodotto in grande serie) che spinge la vettura a circa 170 km/h, con prestazioni paragonabili a vetture di categoria superiore. La Sprint, nella versione “Veloce” si aggiudica anche la propria classe alla Mille Miglia del 1956, oltre a innumerevoli vittorie su piste e strade di tutto il mondo.


Alla Sprint vengono presto affiancate numerose altre versioni come la berlina, la Spider disegnata da Pinin Farina pensando al mercato USA (come per la Sprint, disponibile anche in versione Veloce), la Sprint Speciale, ancora di Bertone e la Giulietta SZ di Zagato. Non mancherà neppure una versione station wagon denominata Promiscua. Dal 1954 al 1965 sono state prodotte 177.690 Giulietta in tutte le sue declinazioni, a testimonianza di un successo e di un fascino che non accenna a diminuire nel tempo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Alfa Romeo passa alle targhe centrali. Le nuove norme sulla sicurezza dei pedoni pongono fine alla lunga tradizione del marchio del Biscione

I futuri modelli Alfa Romeo, tra cui la prossima generazione di Giulia e Stelvio, metteranno fine a una lunga tradizione del marchio presentando targhe montate centralmente, a causa delle nuove norme sulla sicurezza dei pedoni. Un numero significativo di modelli dell'azienda italiana presenta targhe sfalsate montate sul paraurti anteriori. La tradizione è iniziata con la Giulietta Spider del 1955, e continua oggi con le attuali Giulia, Tonale e Stelvio. Il posizionamento sfalsato consente alla griglia triangolare dello scudetto dell'Alfa di essere vista senza ostacoli. L'Alfa Romeo Junior lanciata di recente presenta una piastra montata centralmente, e il capo del design dell'azienda, Alejandro Mesonero-Romanos, ha confermato che sarà lo stesso con le sostituzioni di Giulia e Stelvio che saranno rivelate nei prossimi anni - e oltre ai modelli futuri. "Non possiamo più mettere la targa lateralmente a causa delle norme di omologazione per la sicurezza dei pedoni"

Tavares rivendica l’italianità dei prodotti dei marchi italiani del gruppo Stellantis. I marchi italiani fanno parte della società italiana Stellantis Europe

Carlos Tavares,  Ad di Stellantis,  durante la presentazione della nuova Lancia Ypsilon, ha dichiarato che: "in Stellantis amiamo le auto, i brand e non ce ne scusiamo. Anche quando succedono cose negative, non bisogna dimenticare che amiamo tutto questo. Nonostante le difficoltà, le critiche e, a volte, gli insulti, andiamo avanti, continuiamo a muoverci e a fare le cose. A gennaio 2021 quando abbiamo creato Stellantis, Lancia stava per sparire, era chiaro che non c'era un piano sui prodotti, non c'era una visione per il futuro, non c'erano investimenti pianificati per rilanciare il marchio. Abbiamo deciso che non fosse rispettoso per la storia e il valore di un brand italiano fantastico. Quindi abbiamo deciso che non potevamo lasciare che succedesse, che il marchio sparisse. Abbiamo deciso di dare a Lancia un nuovo futuro e di rilanciare il marchio. Questi prodotti sono stati creati a Torino, il design e la parte ingegneristica sono stati studiati qui, i test sono st

Lancia svela in anteprima la Ypsilon HF e la Ypsilon Rally 4 HF e torna nei Rally

Lancia svela in anteprima la Ypsilon HF e la Ypsilon Rally 4 HF e torna nei Rally Lancia svela in anteprima la Lancia Ypsilon HF, la versione ad alte prestazioni della prima vettura della nuova era del marchio, 100% elettrica e che verrà introdotta sul mercato a maggio 2025. Lancia introdurrà una versione HF per ogni nuovo modello del marchio. Lancia svela in anteprima la Ypsilon Rally 4 HF, annunciando il proprio ritorno nei Rally. Lancia svela in anteprima il logo “LANCIA CORSE HF” che apparirà sulla Ypsilon Rally 4 HF, reinterpretando lo storico logo in chiave contemporanea con una grafica dai caratteri obliqui per esprimere la velocità e mantenendo i colori originali.   “1 vettura, 4 storie. Oggi Lancia racconta 4 storie. La prima è la partnership con Cassina, eccellenza italiana nell’arredamento di alta gamma che contribuisce al posizionamento del marchio nel mercato premium. La seconda è rappresentata da una gamma completa ed elegante, con un’offerta finanziaria che le permette

Nuova Fiat Panda: il debutto è vicino. Da 15.000€

L'11 luglio verrà presentata una nuova City Car FIAT. M odello globale su piattaforma Smart Car,  che appartiene al segmento B e sarà imparenta con la nuova Citroën C3.  Esteticamente sarà un incrocio tra la nuova C3 e il concept Fiat qui sopra,  e che è stato svelato lo scorso febbraio.  Le dimensioni e la tecnica saranno quelle della C3, con la proposta economica sia in versione elettrica che termica. Quest'ultima avrà un 1.2 100cv con cambio manuale, che nel suo allestimento base avrà un prezzo di circa 15.000€.  Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa n

LA FIAT 500 HYBRID SI FA E SARÀ PRODOTTA A TORINO

L'Amministratore Delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ha condiviso con i Sindacati il principio della flessibilità produttiva nei confronti delle incerte tendenze dell'elettrificazione. Ha annunciato ufficialmente la decisione di sviluppare una versione ibrida della Fiat 500, che sarà prodotta nello stabilimento di Mirafiori. Questo annuncio si aggiunge a quello recente relativo a una nuova generazione di batterie per rendere l'iconica Fiat 500e ancora più attraente per i clienti. 

La produzione della Fiat 500 ibrida in Polonia è terminata. La 500 elettrica e ibrida saranno prodotte a Torino

Il progetto di portare la produzione della Fiat 500 ibrida in Italia, nello stabilimento di Mirafiori, non è stato abbandonato: «Posso confermare che ci stiamo lavorando ed è un tema a cui io personalmente tengo molto — dichiara al Corriere della Sera Olivier François, Ceo di Fiat —. La questione non è chiusa: la produzione della Fiat 500 ibrida in Polonia è terminata e ci stiamo impegnando per poter costruire una nuova 500 ibrida a Torino insieme alla variante 100% elettrica». «C’è un investimento significativo da fare perché la piattaforma della 500 elettrica per poter accogliere un motore a benzina necessita di modifiche importanti. Si può fare, ma ci vuole tempo: l’inizio della produzione a Torino potrebbe non avvenire prima del 2026», continua Francois. «La base su cui è costruita la 500 elettrica ci è costata 600 milioni di euro, ma sfruttarla anche per la variante a benzina mild hybrid ci permetterebbe di continuare ad avere alti volumi per questo modello e vedere crescere la pr

Fiat Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

La Fiat Panda rimane a Pomigliano d'Arco fino al 2029. In arrivo l'aggiornamento Euro 7

Dai tavoli del ministero delle Imprese e del Made in Italy sulla fabbrica di Pomigliano arrivano nuove conferme sul prolungamento del ciclo di vita della Fiat Panda. "Stellantis ha ribadito che investirà sulla motorizzazione Euro 7 della Panda e che ciò consentirà di prolungarne la sua produzione per tutto il futuro prevedibile, probabilmente almeno fino al 2029", hanno dichiarato Gianluca Ficco e Crescenzo Auriemma della Uilm. I due sindacalisti hanno sottolineato le conseguenze dell'allentamento delle normative Euro 7. Il rinvio dello stop produttivo della citycar, inizialmente previto per il 2027, "è stato reso possibile dalla battaglia fatta dal governo italiano, anche su precisa richiesta sindacale, per correggere una normativa che avrebbe di fatto messo a repentaglio la sopravvivenza del motore endotermico non nel 2035, ma già nel 2025". Ricordo che a Mirafiori arriverà la produzione della Fiat 500 Hybrid, a Melfi tra le altre arriverà la nuova Lancia Gamm

Incontro proficuo tra l'Amministratore Delegato di Stellantis e i Sindacati sull'allocazione dei prodotti negli stabilimenti italiani fino al 2030

Oggi si è svolto a Torino un secondo incontro per presentare ai partner sindacali prospettive concrete con l'assegnazione di modelli negli stabilimenti italiani di Stellantis fino al 2030 e oltre, che daranno vita a una produzione aggiuntiva in Italia. In questo contesto, l'Amministratore Delegato di Stellantis ha condiviso con i Sindacati il principio della flessibilità produttiva nei confronti delle incerte tendenze dell'elettrificazione. Ha annunciato ufficialmente la decisione di sviluppare una versione ibrida della Fiat 500, che sarà prodotta nello stabilimento di Mirafiori, e l'allocazione di una nuova versione ibrida della Jeep Compass nello stabilimento di Melfi. Questi annunci si aggiungono a quelli recenti relativi a una nuova generazione di batterie per rendere l'iconica Fiat 500e ancora più attraente per i clienti e all'estensione industriale della Fiat Panda ibrida a Pomigliano. La fornitura di questi nuovi modelli ibridi contribuirà positivamente a

Nuova nomina per Luca Napolitano

Luca Napolitano viene nominato Chief Sales & Marketing Officer, mantenendo la sua attuale responsabilità come CEO del brand Lancia. Luca sostituisce Thierry Koskas, che dopo aver gettato con successo le fondamenta della funzione di vendita e marketing globale, dedicherà ora la sua competenza nelle vendite e nel marketing all’espansione del brand Citroën. Luca porta la sua esperienza nel settore automobilistico e la competenza nelle vendite ai clienti flotte e privati, nella gestione dei concessionari e nello sviluppo della rete, qualità maturate durante gli incarichi svolti in diversi paesi in Europa, Medio Oriente e Africa.