Sfogo di un appassionato


L'ultima speranza di vedere un futuro per Lancia era appesa al cambio di Amministratore Delegato e ad Alfredo Altavilla. Ma Altavilla si è dimesso e il nuovo Ad è un Inglese a cui credo che non interessa un marchio che vende 4000 Ypsilon in Italia e nel Regno Unito non ha ricordi positivi.

Magari ci stupirà, ma la vedo veramente dura e sarà facile che questo marchio verrà depennato dalla lista dei marchi trattati dal blog. Molti dicono che FCA è sempre più Americana. Io direi che è sempre più spostata verso Jeep e non verso l'America, visto che anche Dodge e Chrysler vengono messe da perte dal gruppo stesso.


Credo che quello che uscirà nei prossimi giorni sarà la conferma della chiusura di Lancia, e prevedo che succederà nel 2021 quando la Ypsilon avrà 10 anni e sarà tempo di eliminarla pure dall'Italia. Alfa Romeo avrà la sua gamma, ma striminzita. Mentre sarà confermato il ridimensionamento di Fiat. A questo punto il nome Fiat Chrysler non ha senso.

E' facile prevedere questo scenario perchè Mike Manley non è stato nominato dal nulla. Hanno solo anticipato di qualche mese quello che si sapeva da mesi e che sarebbe successo ad aprile 2019. E visto che è da mesi che è stato scelto Manley, dietro al piano 2018 2022 c'è anche lui. Quindi sicuramente non lo stravolgerà.

Senza più Sergio Marchionne e Alfredo Altavilla, ormai solo il presidente John Elkann potrà essere colui che terrà legta FCA all'Italia. Con la speranza che venga mantenuta l'idea che Alfa Romeo e Maserati debbano essere 100% Italiane.

E' il primo AD straniero a guidare i marchi Italiani. Staremo a vedere. Concludo solo dicendo che Jeep tira alla grande e questo spinge a investire tanto e senza perdite di tempo. Ma non si mettono da parte marchi che non sono da meno in favore di chi ha successo. Oltretutto spingono su un marchio che fa solo SUV, categoria che vende perchè va di moda. Finita la moda?

Pensassero di più ad Alfa Romeo e a Fiat, senza chiudere Lancia senza tentare un vero rilancio, e non rimarchiando auto americane.

I tre marchi Italiani non si meritano di essere trattati in questo modo, sopratutto Fiat. Gli altri marchi sono acquisiti ma Fiat, il presidente Elkann (figlio di Margherita Agnelli, figlia di Giovanni Agnelli, detto Gianni e noto anche come l'Avvocato), sa molto bene che la famiglia Agnelli è la famiglia che si è occupata della fondazione e dirigenza della FIAT. 

Commenti

  1. Concordo in pieno ma sarei molto più caustico nel criticare la famiglia Agnelli. A loro interessa esclusivamente l'utile. Se poi questo arriva dall'altra parte dell'Oceano a discapito degli storici marchi italiani e dei nostri lavoratori non gli fa alcuna differenza. Con l"Avvocato" questo non sarebbe mai successo. E' questione di orgoglio e dignità, non solo di portafogli. Questo atteggiamento meschino, tipicamente nostrano, ha fatto si che il belpaese abbia perso gran parte delle migliori aziende, quelle che hanno contribuito a rendere così prestigioso il marchio "made in Italy". Ma scusate… chi è RAM? un’azienducola che fa trattori montati su telai a longheroni… e Jeep una casa che vende 4x4 costruiti malino al prezzo di concorrenti premium ben più avanzate… in compenso la sterminata esperienza di Fiat nel saper progettare auto economiche con altissimo valore tecnologico, la supremazia di Lancia nei rally, quella di Alfa in pista… lo stile.. la storia… che valore hanno al confronto? Eppure vengono buttate nel cestino… No, non ci siamo. Se come dice Elkann la bravura di Marchionne nel “pensare differente” ha portato a questi risultati io mi dimetto da appassionato e incomincio ad interessarmi ad altro perché tutto questo è una vergogna insopportabile. Almeno proviamo a reagire... raccogliamo firme, scendiamo in piazza come fu con la marcia dei 40.000.
    Una certezza però c'è: nei prossimi giorni incominceranno a venire fuori i primi nodi…. e voglio proprio vedere come si comporteranno senza il maglioncino faccia di granito.

    RispondiElimina
  2. Io non la vedo così nera ... una industria sviluppa le gamme che tirano di più al momento, ed FCA aveva bisogno di rientrare dal debito ... forse non tutti valutano le previsioni nere di una prossima e disastrosa recessione.
    Oggi si stanno salvando con Jeep e RAM ... domani si vedrà.
    Fiat ha fatto la sua fortuna in tempi passati con auto economiche, un settore che oggi a fronte della prossima invasione di auto cinesi a prezzi bassi non ha grande futuro, mi sembra giusto il passo di limitarla in Europa a piccole auto chic, mentre in Sudamerica ha ancora il suo da dire.
    Per Alfa e Lancia ... Alfa è un atout formidabile, con i tempi necessari ( e non è tutto facile ed immediato ) sicuramente può essere portata a livello di BMW.
    Lancia potrebbe ( finanza permettendo ) essere rimpolpata da qualche modello del gruppo, io per esempio venderei come Lancia la spider 124, ed anche Chrysler Pacifica farebbe la sua figura in listino.
    Non sottovalutate i terremoti nel settore, cinque anni fa nessuno poteva prevedere la crescita impetuosa dei modelli ibridi, le misure di protezionismo cinesi, con l'incubo della recessione ... non è facile portare avanti una azienda come FCA.
    Marchionne aveva ottime carte, nessuno al mondo ha in mano marchi famosi come Jeep, Alfa, Maserati, Ferrari e Fiat.
    permettono grandi sinergie ( vedi Renegade & 500X ) ... non è riuscito a fare tutto il possibile ... ma come dicono nell'esercito ... ci ha dato una bella botta ... ha rimesso in pista marchi agonizzanti.
    Come diceva il vecchio Seneca ... non importa che la nostra vita sia lunga ... basta che sia sufficiente a fare qualcosa di buono.

    RispondiElimina
  3. Io non la vedo così nera ... una industria sviluppa le gamme che tirano di più al momento, ed FCA aveva bisogno di rientrare dal debito ... forse non tutti valutano le previsioni nere di una prossima e disastrosa recessione.
    Oggi si stanno salvando con Jeep e RAM ... domani si vedrà.
    Fiat ha fatto la sua fortuna in tempi passati con auto economiche, un settore che oggi a fronte della prossima invasione di auto cinesi a prezzi bassi non ha grande futuro, mi sembra giusto il passo di limitarla in Europa a piccole auto chic, mentre in Sudamerica ha ancora il suo da dire.
    Per Alfa e Lancia ... Alfa è un atout formidabile, con i tempi necessari ( e non è tutto facile ed immediato ) sicuramente può essere portata a livello di BMW.
    Lancia potrebbe ( finanza permettendo ) essere rimpolpata da qualche modello del gruppo, io per esempio venderei come Lancia la spider 124, ed anche Chrysler Pacifica farebbe la sua figura in listino.
    Non sottovalutate i terremoti nel settore, cinque anni fa nessuno poteva prevedere la crescita impetuosa dei modelli ibridi, le misure di protezionismo cinesi, con l'incubo della recessione ... non è facile portare avanti una azienda come FCA.
    Marchionne aveva ottime carte, nessuno al mondo ha in mano marchi famosi come Jeep, Alfa, Maserati, Ferrari e Fiat.
    permettono grandi sinergie ( vedi Renegade & 500X ) ... non è riuscito a fare tutto il possibile ... ma come dicono nell'esercito ... ci ha dato una bella botta ... ha rimesso in pista marchi agonizzanti.
    Come diceva il vecchio Seneca ... non importa che la nostra vita sia lunga ... basta che sia sufficiente a fare qualcosa di buono.

    RispondiElimina
  4. Io non la vedo così nera ... una industria sviluppa le gamme che tirano di più al momento, ed FCA aveva bisogno di rientrare dal debito ... forse non tutti valutano le previsioni nere di una prossima e disastrosa recessione.
    Oggi si stanno salvando con Jeep e RAM ... domani si vedrà.
    Fiat ha fatto la sua fortuna in tempi passati con auto economiche, un settore che oggi a fronte della prossima invasione di auto cinesi a prezzi bassi non ha grande futuro, mi sembra giusto il passo di limitarla in Europa a piccole auto chic, mentre in Sudamerica ha ancora il suo da dire.
    Per Alfa e Lancia ... Alfa è un atout formidabile, con i tempi necessari ( e non è tutto facile ed immediato ) sicuramente può essere portata a livello di BMW.
    Lancia potrebbe ( finanza permettendo ) essere rimpolpata da qualche modello del gruppo, io per esempio venderei come Lancia la spider 124, ed anche Chrysler Pacifica farebbe la sua figura in listino.
    Non sottovalutate i terremoti nel settore, cinque anni fa nessuno poteva prevedere la crescita impetuosa dei modelli ibridi, le misure di protezionismo cinesi, con l'incubo della recessione ... non è facile portare avanti una azienda come FCA.
    Marchionne aveva ottime carte, nessuno al mondo ha in mano marchi famosi come Jeep, Alfa, Maserati, Ferrari e Fiat.
    permettono grandi sinergie ( vedi Renegade & 500X ) ... non è riuscito a fare tutto il possibile ... ma come dicono nell'esercito ... ci ha dato una bella botta ... ha rimesso in pista marchi agonizzanti.
    Come diceva il vecchio Seneca ... non importa che la nostra vita sia lunga ... basta che sia sufficiente a fare qualcosa di buono.

    RispondiElimina
  5. Io non la vedo così nera ... una industria sviluppa le gamme che tirano di più al momento, ed FCA aveva bisogno di rientrare dal debito ... forse non tutti valutano le previsioni nere di una prossima e disastrosa recessione.
    Oggi si stanno salvando con Jeep e RAM ... domani si vedrà.
    Fiat ha fatto la sua fortuna in tempi passati con auto economiche, un settore che oggi a fronte della prossima invasione di auto cinesi a prezzi bassi non ha grande futuro, mi sembra giusto il passo di limitarla in Europa a piccole auto chic, mentre in Sudamerica ha ancora il suo da dire.
    Per Alfa e Lancia ... Alfa è un atout formidabile, con i tempi necessari ( e non è tutto facile ed immediato ) sicuramente può essere portata a livello di BMW.
    Lancia potrebbe ( finanza permettendo ) essere rimpolpata da qualche modello del gruppo, io per esempio venderei come Lancia la spider 124, ed anche Chrysler Pacifica farebbe la sua figura in listino.
    Non sottovalutate i terremoti nel settore, cinque anni fa nessuno poteva prevedere la crescita impetuosa dei modelli ibridi, le misure di protezionismo cinesi, con l'incubo della recessione ... non è facile portare avanti una azienda come FCA.
    Marchionne aveva ottime carte, nessuno al mondo ha in mano marchi famosi come Jeep, Alfa, Maserati, Ferrari e Fiat.
    permettono grandi sinergie ( vedi Renegade & 500X ) ... non è riuscito a fare tutto il possibile ... ma come dicono nell'esercito ... ci ha dato una bella botta ... ha rimesso in pista marchi agonizzanti.
    Come diceva il vecchio Seneca ... non importa che la nostra vita sia lunga ... basta che sia sufficiente a fare qualcosa di buono.

    RispondiElimina
  6. Io non la vedo così nera ... una industria sviluppa le gamme che tirano di più al momento, ed FCA aveva bisogno di rientrare dal debito ... forse non tutti valutano le previsioni nere di una prossima e disastrosa recessione.
    Oggi si stanno salvando con Jeep e RAM ... domani si vedrà.
    Fiat ha fatto la sua fortuna in tempi passati con auto economiche, un settore che oggi a fronte della prossima invasione di auto cinesi a prezzi bassi non ha grande futuro, mi sembra giusto il passo di limitarla in Europa a piccole auto chic, mentre in Sudamerica ha ancora il suo da dire.
    Per Alfa e Lancia ... Alfa è un atout formidabile, con i tempi necessari ( e non è tutto facile ed immediato ) sicuramente può essere portata a livello di BMW.
    Lancia potrebbe ( finanza permettendo ) essere rimpolpata da qualche modello del gruppo, io per esempio venderei come Lancia la spider 124, ed anche Chrysler Pacifica farebbe la sua figura in listino.
    Non sottovalutate i terremoti nel settore, cinque anni fa nessuno poteva prevedere la crescita impetuosa dei modelli ibridi, le misure di protezionismo cinesi, con l'incubo della recessione ... non è facile portare avanti una azienda come FCA.
    Marchionne aveva ottime carte, nessuno al mondo ha in mano marchi famosi come Jeep, Alfa, Maserati, Ferrari e Fiat.
    permettono grandi sinergie ( vedi Renegade & 500X ) ... non è riuscito a fare tutto il possibile ... ma come dicono nell'esercito ... ci ha dato una bella botta ... ha rimesso in pista marchi agonizzanti.
    Come diceva il vecchio Seneca ... non importa che la nostra vita sia lunga ... basta che sia sufficiente a fare qualcosa di buono.

    RispondiElimina
  7. un conto è adattare una gamma un conto è mettere da parte un marchio. se metti da parte un marchio vuol dire che la gente non lo considerà più e poi e dura riprenderlo. Gli altri se hanno un marchio debole lo curano di più non lo lasciano da parte pensando solo a chi vende

    RispondiElimina
  8. Lancia si merita altro, non barconi americani rimarchiati. Tra l altro la Pacifica fa parte di una categoria morta

    RispondiElimina
  9. lancia vera è:delta thema strato.... come l'alfa ha giulietta giulia e 4c...poi si amplifica a gamma!!!! non ci sono ancora i soldi purtroppo....è più corretto dire questo...un marchio che piaceva in italia e in inghilterra....quindi è abbastanza fare pochi modelli ricarozzati maserati...se non ci sono i soldi e non si riesce a venderla perchè si comprano solo il marchio, basta!!! altrimenti io venderei il marchio di chivasso se esiste ancora lo stabilimento...in fiat non mi sento un fallito,ho in mano alfa e maserati,più ferrari e fiat marchiato solo 500 e panda...

    RispondiElimina
  10. i soldi ora ci sono come ci sono le basi per fare nuovi modelli. lo stabilimento di Chivasso non esiste più da anni. Non ho parlato di fallimento per Fiat, quindi evitiamo di attribuire pensieri non espressi. Ho detto che Fiat da marchio con una gamma completa e presente in tutto il mondo viene ridimensionato solo perchè non c'è la volontà di stare dietro a un marchio che ha bisogno di investimenti in favore di Jeep che ha successo.

    RispondiElimina
  11. L'abbandono di Lancia l'ha deciso Marchionne a suo tempo. L'unica speranza era legata, a mio avviso, al completamento del piano Alfa Romeo ed al suo successo. Se questo fosse avvenuto avrebbero avuto pianali, motori/altro, rete commerciale, stabilimenti, risorse ecc. per poter affrontare il rilancio, serio, di Lancia, non i copia e incolla. Visto che il piano 2014/18 lo hanno prima spostato al 2020 e poi al 2022, ridimensionandolo, fino ad allora di Lancia non ne parleranno mai, e forse neanche dopo perché Alfa Romeo deve vendere e fare utili, e nel frattempo gli anni passano e anche Giulia e Stelvio saranno da rifare. In ogni caso, prima di Lancia, ci sono Fiat, Dodge e Chrysler anche queste abbandonate negli ultimi anni.
    Mi dispiace dirlo ma salvo numeri di bilancio straordinari per almeno dieci anni non c'é spazio per Lancia.

    RispondiElimina
  12. Lancia ha già tutto per portare avanti la Ypsilon e fare almeno un altro modello. Non ci sono scuse. FCA non ha debiti e quindi ha soldi rete vendita stabilimenti pianali motori...

    RispondiElimina
  13. Queste cose si sanno ormai da diversi anni, mi spiace per le condizioni di salute di Marchionne ma, come si è potuto vedere, la sua politica era dettata dall'alto e in un nanosecondo lo hanno rimpiazzato con il suo vice.

    Marchi italiani? Mi spiace, ma per me non esistono più. Personalmente quando parlo di Fiat, Lancia, Alfa mi fermo ai modelli fatti fino al 2014, dopo ho rinunciato ad acquistarle perché è un susseguirsi di modelli copiati o veicoli che non avranno alcun valore storico collezionistico (forse mi sbaglio, ma il tempo darà ragione a quello che dico).

    Per me ormai "passione auto italiane" significa guardare al passato, non più al futuro.

    RispondiElimina
  14. Luca70 ha perfettamente ragione. FCA (che d’ora in avanti chiamerei JRA = Jeep Ram Automobiles) non ha di certo le palle del gruppo VAG che ha fatto resuscitare marchi morti come Seat e Skoda rendendoli molto apprezzati ma spendendo vagoni di soldi. JRA non riesce neppure a rilanciare Alfa, marchio con ben altra reputazione! Pure Lancia potrebbe farcela ma ci vogliono soldi, convinzione e PALLE. Marchionne ha fatto un lavoro a metà. Giulia e Stelvio sono l’esempio del suo modo di lavorare. Faccio una cosa, se funziona bene, altrimenti la abbandono. Ed Alfa è passata da marchio coccolatissimo a brand dimenticato. Ora spero proprio che Manley si sia accorto del disastro e ponga rimedio. Fondamentale comunque è mettere un ITALIANO al posto di Altavilla e dargli mano libera! Non voglio giudicarlo anche se ho molti pregiudizi. I risultati si vedranno solo fra un annetto. Spero nel frattempo di vedere qualcosa su quattro ruote che fa collaudi per le strade. Questo è assolutamente necessario. Buon lavoro Mike

    RispondiElimina
  15. Il Gruppo VW, ha ampiamente dimostrato che da un pianale, si possono presentare 10 modelli.
    Non capisco perché ciò non possa avvenire in FCA.
    I SUV sono la moda del momento e la tipologia di auto che fa guadagnare di più? Bene. Producetene con più marchi.
    Il "gemellaggio" Fiat 500X e Jeep Renegade, ha dimostrato che è fattibile, anche a livello di guadagni. Sono due modelli uguali sotto pelle, ma parecchio diverse all'esterno e interessano ad una diversa tipologia di clientela.
    Perché non replicarlo in altri segmenti?
    Ora la disponibilità economica, è decisamente aumentata.
    Credo che avendo pianali, motori e componentistica varia, la produzione di più modelli, derivanti da un unico pianale, non sia così gravosa (per carità, è chiaro che qualche soldino bisogna investirlo).

    RispondiElimina

Posta un commento

Passione Auto Italiane: Facebook e Instagram
redazionewm@outlook.com
fiat500club.blogspot.com
www.passioneautoitaliane.com
Jeep: leautodimatteo.passioneautoitaliane.com
www.passioneautoitaliane.it
alfaromeoclub.passioneautoitaliane.com
Instagram: Matteo_Volpe_Passione_Auto_Ita

ISCRIVITI CLICCANDO SULLE 3 LINEE IN ALTO A SINISTRA
(HOME PAGE). Li puoi fare una donazione a Passione Auto Italiane

Post più popolari degli ultimi 30 giorni

Arriva il "Piano Italia" di FCA. Il marchio Fiat verrà rilanciato. Piena occupazione in Italia

Nuovi motori ibridi a Pratola Serra