Stellantis e la Israel Innovation Authority annunciano la firma di un Memorandum d’intesa



Stellantis, con la sua consociata FCA Italy S.p.A., e la Israel Innovation Authority annunciano la stipula di un Memorandum d’intesa allo scopo di istituire e ottimizzare una collaborazione nel campo dell’innovazione tecnologica per consentire alle realtà israeliane e a Stellantis di beneficiare reciprocamente delle loro capacità, della leadership tecnologica, delle risorse e della presenza a livello mondiale.

Questo accordo fa parte del programma R&D and Pilot Collaboration with Multinational Corporations (MNC) della Israel Innovation Authority, che offre un contesto esclusivo per la collaborazione tecnologica tra multinazionali e società israeliane innovative.

FCA Italy ["FCA"] è una controllata al 100% di Stellantis N.V., gruppo automobilistico leader a livello mondiale nella progettazione, nello sviluppo, nella produzione, nella distribuzione e nella vendita di veicoli e sistemi di mobilità, e fornitore di mobilità guidato da una chiara visione: offrire libertà di movimento con soluzioni originali, economicamente accessibili e affidabili.

La Israel Innovation Authority, responsabile della politica di innovazione di Israele, è un ente pubblico indipendente e imparziale che opera a beneficio dell’ecosistema dell’innovazione israeliano e dell’economia del Paese in generale. Il suo ruolo è alimentare e sviluppare le risorse israeliane volte all’innovazione, creando e rafforzando l’infrastruttura e le condizioni necessarie per sostenere l’intera industria della conoscenza. La Israel Innovation Authority fornisce diversi strumenti pratici e piattaforme di finanziamento volti a far fronte alle esigenze in continua evoluzione dei panorami dell’innovazione locali e internazionali.



 



L’accordo di collaborazione industriale tra le società tecnologiche israeliane e Stellantis è stato sottoscritto dal dott. Ami Applebaum, presidente della Israel Innovation Authority, e da Roberto Di Stefano, responsabile e-Mobility di Stellantis, allo scopo di creare un quadro di riferimento per la fornitura di assistenza per progetti di collaborazione nel campo dell’innovazione, approvati congiuntamente, tra le entità israeliane e FCA.

Nell’ambito dell’accordo, la Israel Innovation Authority, insieme alla Missione economica di Israele in Italia, aiuterà Stellantis a individuare gli sviluppi tecnologici che rientrano nella sua sfera di attività. Se il Gruppo sarà interessato a sviluppare ulteriormente tali tecnologie, la Israel Innovation Authority fornirà il finanziamento a startup israeliane, mentre Stellantis sosterrà le operazioni di R&S, marketing e altre attività globali delle startup.

L’accordo fa parte del programma Collaborative Framework with Multinational Corporations della Israel Innovation Authority, avviato nel 2005. Tra le multinazionali che hanno già sottoscritto analoghi accordi di collaborazione con l’Authority figurano Intel, Audi, Adler Pelzer, Abbot, Unilever, Hewlett Packard, IBM, Panasonic, Philips, Nielsen, Fujitsu, Renault e molte altre.

In base all’accordo, la Innovation Authority aiuta le multinazionali a individuare tecnologie israeliane in grado di soddisfare le esigenze specifiche delle società, fornendo supporto finanziario per la ricerca e lo sviluppo. La multinazionale interessata mette in campo uno stesso ammontare di risorse (in forma di investimenti, prestito di personale e attrezzature per R&S, o di consulenza sulla strategia normativa, tecnologica o di marketing), aiutando l’azienda israeliana e aprendo nuove opportunità sui mercati esteri.



 



FCA Italy S.p.A., formalmente firmataria dell’accordo è una controllata chiave di Stellantis N.V., una società globale che conta 400.000 dipendenti, vanta 125 anni di storia e riunisce un portafoglio completo di marchi automotive storici e iconici (tra gli altri, Jeep, Alfa Romeo, Maserati, Fiat, Ram, Opel, Peugeot, Citroën) che si sono fatti onore sulla strada e si sono affermati nel mondo degli sport automobilistici e come innovativi marchi di mobilità. Il Gruppo vanta una presenza consolidata con solidi margini operativi in tre regioni (Europa, America del Nord e America Latina), oltre a un significativo potenziale in importanti mercati quali Cina, Africa, Medio Oriente, Oceania e India. Con operazioni industriali in oltre 30 Paesi, la società ha la capacità di soddisfare efficacemente e superare le aspettative dei clienti e di fornire veicoli e servizi di qualità senza eguali in oltre 130 mercati. Il portafoglio di Stellantis è particolarmente adatto per offrire soluzioni di mobilità esclusive e sostenibili, per soddisfare le crescenti esigenze dei clienti che sempre più numerosi scelgono l’elettrificazione, la connettività, la guida autonoma e la proprietà condivisa.

Il Gruppo, un leader mondiale di questa nuova era della mobilità, punta a fornire libertà di movimento con sistemi di trasporto esclusivi, economicamente accessibili ed efficienti e vanta una posizione unica per catturare le opportunità di un settore globale in rapido e profondo mutamento e per offrire soluzioni innovative che contribuiranno a cambiare il modo in cui si muove la società.

Attraverso il suo reparto e-Mobility, il Gruppo lavora da oltre due anni per costruire un’offerta di prodotti e servizi con i migliori partner della categoria al fine di assicurare ai suoi clienti una transizione fluida verso la mobilità elettrica, ponendo l’accento sulla sostenibilità e sulla protezione dell’ambiente. Alla luce della vision del Gruppo di spostare costantemente in avanti i confini dell’innovazione tecnologica, Stellantis si è concentrata sugli investimenti per le startup e ha scoperto i vantaggi della tecnologia israeliana e degli svariati sviluppi innovativi offerti dalle aziende israeliane in questo campo. Al fine di sostenere questo accordo, il Gruppo ha già identificato le aree in cui stringere le prime collaborazioni potenziali, che saranno incentrate sull’assistenza alla guida, la cybersecurity e l’Industry 4.0, e da oltre un anno sta studiando oltre 30 startup. Sono già in corso diversi test di concept, tutti altamente confidenziali in questa fase di avvio.



 



“La smart mobility è uno dei settori in più rapida crescita al mondo, e non c’è dubbio che questo accordo tra Stellantis e la Israel Innovation Authority sia un segno di fiducia nel panorama israeliano delle startup e un’ulteriore prova che nel nuovo mondo dell’automotive – così legato all’innovazione e alla tecnologia – Israele è un player chiave” ha affermato il dott. Ami Appelbaum, presidente della Israel Innovation Authority e direttore scientifico del Ministero dell’Economia e dell’Industria. “La collaborazione tra una società globale come Stellantis e le società israeliane porterà allo sviluppo di nuove tecnologie e innovazioni in svariati campi”, ha continuato. “Stellantis è impaziente di imparare dalle innovazioni scientifiche e tecnologiche di Israele. La nostra collaborazione fornirà un contributo molto importante a Israele e alle attività israeliane di R&S. Questo accordo testimonia il ruolo di Israele all’avanguardia nell’innovazione, che sta attirando l’attenzione internazionale in molti settori di primo piano”.



 



Jonathan Hadar, responsabile della Missione economica di Israele in Italia, ha aggiunto: “Questo accordo è un eccellente esempio di come Israele stia diventando parte dello sviluppo industriale e della trasformazione digitale attualmente in atto in Italia in tutti i settori e in particolare in quello dell’auto”.





“Per una società globale come la nostra – ha spiegato Roberto Di Stefano, responsabile e-Mobility di Stellantis – è essenziale prestare attenzione alle idee generate nelle startup e fornire risorse per sostenere la loro capacità di proporre tecnologie innovative, che puntano a un futuro più sostenibile. Sin dalla sua nascita alcuni anni fa, il team e-Mobility è sempre stato molto attento alle proposte di queste realtà innovative e ha osservato con crescente interesse le opportunità da esse offerte e la possibilità di promuovere future partnership. Questo accordo permetterà al nostro Gruppo di premere sull’acceleratore in vista dello sviluppo di un modello unico di collaborazione con le startup israeliane e di partnership esclusiva con la Israel Innovation Authority".



 



"Questo memorandum d’intesa rappresenta la formalizzazione delle attuali relazioni proficue con il panorama israeliano e costituisce un ulteriore stimolo per sostenere progetti di collaborazione con le startup israeliane selezionate dal FCA Research Center (CRF) in varie aree delle tecnologie avanzate quali assistenza alla guida, cybersecurity, Industry 4.0", ha aggiunto Roberto Fedeli, CEO del CRF.

Commenti

I più letti della settimana