Nuova Lancia Ypsilon, la piccola Premium italiana



La Lancia Ypsilon, da vettura per un solo Paese a prodotto agli onori del mondo. Lancia riceve il primo grande attestato delle sue potenzialità globali come brand Made in Italy: con Stellantis ora è forte degli investimenti del Gruppo e potrà competere con spalle più forti. L'auto del futuro sarà ancora a prova di città, non più dedicata alle donne, che per anni l’hanno resa un unicum, ma con una bellezza senza tempo per gli appassionati.

Lancia ha programmato la nuova Ypsilon, o meglio l'utilitaria che dalla odierna Ypsilon riceverà il testimone, e della quale non si conoscono ancora le generalità, ma si conoscono altre coordinate.

Riporta Automotive News Europe come Carlos Tavares abbia già risposto affermativamente ai programmi di sviluppo del brand Lancia nel corso del mese di maggio. Almeno per quanto riguarda la progettazione dei primi due modelli del new deal, rispettivamente la citycar e il crossover compatto (due modelli di segmento B). Seguirà un terzo modello, una berlina. Concentriamoci ora sull'erede di Ypsilon. Come era lecito aspettarsi, nascerà attorno alla piattaforma eCMP di seconda generazione. Le tempistiche di arrivo sul mercato sono a medio-lungo termine: si parla del 2024. Chiaro non è nemmeno il sito individuato per la produzione in serie, anche se i rumor assegnano un certo vantaggio allo stabilimento di Tychy in Polonia (lo stesso dove ancora oggi Ypsilon viene assemblata) nei confronti di uno qualsiasi dei poli italiani. 

Nuova Lancia Ypsilon esprimerà sicuramente una versione 100% elettrica, ma conserverà in gamma anche un'alternativa con motore termico, probabilmente un benzina di piccola cilindrata equipaggiato di tecnologia mild hybrid.

Sarà una classica cinque porte di segmento B, di fascia Premium, e crescerà, arrivando a misure intorno ai quattro metri di lunghezza. 

Nello stile l’eccletticità di Lancia tornerà indietro nel tempo. Non sarà pensata per le donne, sarà un’auto trasversale. Una bellezza senza tempo né genere. Non resta che lasciare al nuovo chief designer Lancia Jean-Pierre Ploué e al suo staff tutto il tempo e la serenità per tratteggiare un'auto che - almeno nell'immagine - tenga fede al buon gusto e al carattere sin qui espresso dalla Ypsilon.

Commenti