Per ALFA ROMEO ci sarà un mix tra piattaforma LARGE e GIORGIO



Entro il 2025, solo un modello Alfa Romeo, il prossimo SUV compatto Tonale, utilizzerà una piattaforma sviluppata da FCA. Il resto sarà basato su una delle tre piattaforme per autovetture originariamente sviluppate dal Gruppo PSA e messe a disposizione dell'Alfa Romeo da Stellantis, dando al marchio italiano l'accesso a trasmissioni puramente elettriche in tutti i suoi futuri modelli pianificati tranne uno.

Lo sviluppo della nuova gamma Alfa Romeo è accelerato in un processo simile a quello intrapreso da Opel e Vauxhall dopo che sono state acquistate da GM da parte di PSA.

Alfa Romeo sta già sviluppando le sue attività di progettazione esistenti nel tentativo di dare ai futuri modelli il caratteristico stile italiano e le dinamiche di guida che Imparato afferma di considerare centrale per la sua identità di marca.

Imparato ha chiamato Alejandro Mesonero-Romanos a capo del design Alfa Romeo. Ex capo del design di Dacia, il 52enne spagnolo è meglio conosciuto per il suo lavoro in Seat, dove è stato responsabile degli ultimi SUV Leon e Arona, Ateca e Tarraco.

Alfa Romeo continuerà ad operare in stretta compagnia con Maserati sotto la proprietà di Stellantis. I due marchi italiani uniranno più aree delle loro attività di ingegneria e sviluppo, nonché operazioni di vendita e assistenza in mosse volte a migliorare la loro esposizione nei mercati chiave, tra cui Stati Uniti e Cina.

L'arrivo di Imparato in Alfa Romeo è arrivato troppo tardi per influenzare in modo significativo il suo modello successivo, il Tonale, che è stato concepito e sviluppato in gran parte sotto una serie di predecessori. Tuttavia, sta adottando misure per garantire che la rivale Audi Q2 e BMW X1 sia all'altezza delle aspettative.

Chiave dei piani tracciati da Imparato sin dal suo arrivo in Alfa Romeo è l'adozione della piattaforma STLA Large. Inizialmente sviluppato da Peugeot, sarà utilizzato per tutti i futuri modelli Alfa Romeo con motore a combustione in sostituzione della piattaforma Giorgio che è alla base delle odierne Giulia e Stelvio.

A differenza di Giorgio, lo STLA Large è stato sviluppato per supportare l'elettrificazione. Ciò consentirà all'Alfa Romeo di offrire varianti mild-hybrid e plug-in hybrid dei modelli futuri senza una costosa riqualificazione della piattaforma Giorgio, cosa considerata vitale per l'aumento delle vendite e per aiutare l'azienda a tornare alla redditività nel quadro di normative sulle emissioni sempre più rigide sia in patria e nei principali mercati di esportazione.

La versione della piattaforma STLA Large che sarà adottata dall'Alfa Romeo prevede componenti di telaio unici. L'ingegneria è già in corso per adattare diversi sistemi utilizzati dalla piattaforma Giorgio, tra cui sterzo e sospensioni, alla nuova struttura, che sarà utilizzata anche da Maserati per la berlina Ghibli di prossima generazione e il SUV Levante.

Parlando di recente ad Autocar, il responsabile dei prodotti Alfa Romeo, Daniel Guzzafame, ha dichiarato: “Vogliamo mantenere le cose buone dalla piattaforma Giorgio. Ci sono opportunità che stiamo studiando adesso”.

Non è ancora stato confermato quando Giulia e Stelvio adotteranno la piattaforma STLA Large. Tuttavia, gli addetti ai lavori suggeriscono che i successori dei modelli odierni, previsti rispettivamente nel 2023 e nel 2024, passeranno alla nuova struttura, che potrebbe anche sostenere la nuova GTV.

Come le prossime Giulia e Stelvio, la GTV si propone di essere venduta nelle forme mild-hybrid e plug-in hybrid, oltre che con l'opzione di una variante puramente elettrica.

In una recente presentazione ai media, Stellantis ha suggerito che la piattaforma STLA Large supporterà la trazione esclusivamente elettrica con un'autonomia fino a 800km.

Lo sviluppo di una trasmissione puramente elettrica per la nuova piattaforma è già a buon punto in collaborazione con lo specialista giapponese di motori elettrici Nidec e la società francese di produzione di batterie e batterie Saft.

Commenti