Stellantis vende la palazzina del Lingotto



Stellantis ha dato mandato ad alcune società di intermediazione immobiliare di vendere la storica palazzina Fiat di via Nizza 250, al Lingotto a Torino, che ospitò Agnelli e Marchionne e dove fino al 2014 aveva sede legale il gruppo prima di diventare FCA.

Inoltre, la palazzina Fiat - 20mila metri quadrati - è vincolata dalla Soprintendenza dei beni architettonici perché fa parte dell’intero complesso del Lingotto, che è diventato oggetto di un restyling voluto dalla famiglia Elkann-Agnelli. L'obiettivo è quello di trasformare la pista sul tetto in un giardino aperto al pubblico.

Nel 2019 il presidente di FCA, John Elkann, aveva già trasferito il suo ufficio alla Fondazione Agnelli di via Giacosa, nella ex abitazione del trisavolo Giovanni Agnelli. Lo scorso agosto, invece, era cominciato il trasloco dei servizi finanziari, ufficio stampa e relazioni industriali a Mirafiori. Con la vendita della palazzina al Lingotto, Stellantis si identifica a Torino solo con Mirafiori. Sede italiana del gruppo.

 


Commenti

  1. Il faut que ce symbole reste dans la famille Fiat!!! Stellantis va tout raser, l'histoire aussi......

    RispondiElimina
  2. Noooooooo, un altro mito che se ne va.

    RispondiElimina
  3. Il mondo va' avanti....purtroppo.
    Questa è una cosa che ha fatto pure PSA vendendo la sua sede storica.
    Operazione immobiliare....niente di più.
    Avevano già portato tutto a Mirafiori la scorsa estate quindi era immaginabile che succedesse questo.
    L'intero Lingotto ora è disponibile a tutti..... sarà un bene, un male..vedremo.

    RispondiElimina
  4. they should retain ownership of the ramp and roof at least! Its such a powerful FIAT symbol that I'm astonished anyone would want to sell the rights to it! I'm glad that I have been up there driving in a car :-)

    RispondiElimina
  5. Purtroppo se nomini "Cavaliere del Lavoro" chi sta svendendo un patrimonio industriale secolare di non sua esclusiva proprietá il risultato é proprio questo. La vera differenza é che in Francia c´é un classe politica che salvaguarda le aziende strategiche in barba al liberismo e altre idiozie, in Italia c´é un´interpretazione singolare del liberismo per il quale i settori strategici possono andare al macero - elettronica, comunicazioni, meccanica, chimica, farmaceutica tutto in svendita! - mentre difendiamo l´italianitá dei carrozzoni vedi Alitalia e Merdaset ! La conclusione é una sola: siamo una societá fallita che merita solo di essere colonizzata. Purtroppo il futuro dell´Italia é scritto nel passato e nel presente del suo Mezzogiorno: l´unica unificazione che siamo riusciti a produrre in un secolo e mezzo é stata quella di diventare tutti terroni, ora terroni d´Europa !

    RispondiElimina

Posta un commento

SONO VIETATI I COMMENTI ANONIMI