Passa ai contenuti principali

FIAT entrerà nel mercato dei quadricicli con una proposta che verrà annunciata a breve. Ci sarà anche...



Intervista di razaoautomovel.com - Razao Automovel

La testata Razao Automovel ha parlato con Olivier François, direttore esecutivo di Fiat, che ha svelato maggiori dettagli sul futuro di questo marchio, a cui mancano pochi mesi per mostrare i piani definitivi per i prossimi anni. La rivelazione dei grandi progetti Fiat per il futuro è in arrivo. Ma una cosa è già certa: dal 2027 venderà solo modelli 100% elettrici in Europa.

Un cambiamento iniziato con la 500, che è stata molto ben accettata in diversi mercati, essendo, in alcuni mercati, la 100% elettrica più venduta — nell'aprile 2022 è stata la più venduta in Germania, Francia, Italia, Svizzera e Lussemburgo, e quel mese divenne addirittura la più venduta in Europa.

Ma la 500, pur essendo il modello che ha dato più immagine al marchio nell'ultimo decennio, è ben lungi dal rappresentare il futuro in termini di posizionamento FIAT. È un modello premium , accessibile solo a pochi, lontano dalla FIAT più democratica che tutti conosciamo.

(Testata RA): FIAT è da sempre sinonimo di mobilità accessibile, ma con l'elettrificazione le auto stanno diventando sempre più costose...

Olivier François (OF): Ci impegniamo a rendere accessibile l'elettrificazione. Il mio “nord” è Centoventi. È la mia visione, è lì che voglio andare. Il 2024 sarà l'inizio di un'offensiva e il 2027 sarà l'anno in cui finiremo questo lavoro. Sarà anche il momento di un'evoluzione nella chimica delle batterie. Avremo più autonomia, meno peso e meno costi.

Altri componenti potrebbero aumentare di prezzo, ma le batterie no. Credo anche che le infrastrutture seguiranno l'esempio. Questa inflazione delle materie prime credo sarà una fase. Quindi il 2027 sarà un buon momento per un produttore come la FIAT per iniziare una grande offensiva elettrica.

Nel 2027 avremo una gamma completamente nuova, i prodotti che esistono adesso saranno tutti sostituiti da nuovi modelli completamente elettrici e con un prezzo compatibile con il prezzo che il cliente FIAT è disposto a pagare oggi per un'auto con motore a combustione.

Parte di questo lavoro sarà svolto dall'elettrificazione, un altro sarà svolto dalla FIAT, che dovrà trovare il modo di offrire prodotti più competitivi. C'è un approccio dal lato dei costi che dovremo fare.

Accanto all'elettrificazione, il modello di business sta cambiando rapidamente. "Avere" un'auto viene sostituito da "usare" un'auto. Su questo argomento, la risposta arriva molto rapidamente.

Il fatto che siano connesse consentirà, ad esempio, di registrare i chilometri percorsi e vedremo rapidamente crescere i modelli di auto in abbonamento, che possono essere noleggiati , pagati al chilometro, ecc.

C'è attesa intorno al ritorno della FIAT nel segmento B, dove questo marchio è stato per anni leader. I più nostalgici indicano il nome “Punto” come uno dei possibili nomi per questo nuovo modello.

RA: Punto è un nome forte in FIAT. Useranno quel nome o passerà alla storia del marchio?

OF: A chi importa di un nome? Avremo un segmento B e dobbiamo tornare lì. È un segmento che apparteneva alla FIAT, con la Punto e prima della Punto, con la Uno .

Non è una questione di nome. Ma abbiamo realizzato queste auto e le persone ricordano ancora quei nomi, il che è notevole considerando che sono fuori produzione da molto tempo. Abbiamo dominato quel segmento.

Anche oggi quando vediamo reportage sulle scelte dei consumatori. Alla domanda sulla marca di una piccola auto, con quattro metri, la gente dice: “una FIAT”. Dobbiamo avere un segmento B. Questa macchina si chiamerà Punto? Vedremo…

RA: Se il segmento B è così importante, perché l'hai abbandonato?

OF: Perché non avevamo una piattaforma, ma ora ce l'abbiamo. Per produrre un pick-up, ad esempio, non sono necessarie sinergie, perché sebbene l'investimento sia grande, ci sono anche grandi margini.

In una piccola auto dobbiamo dividere il costo tra tre o quattro marche. Con Stellantis è molto facile. Ci sarà un segmento B perché ora abbiamo una cassetta degli attrezzi a cui rivolgersi per materiale e sinergie.

RA: Parlando del segmento A, qual è il futuro di questo? Molti marchi non credono che sia un segmento redditizio.

OF: Pensavamo tutti, prima della FIAT 500, che il segmento A non fosse redditizio. Il segmento A è per le città e la mobilità nelle città sarà al 100% elettrica. Non sarà un ibrido, sarà 100% elettrico. È una certezza.

Se sottraiamo il costo delle batterie dal costo di produzione di un modello del segmento A, vediamo che il peso è enorme.

Se mettiamo il costo di una batteria nel prezzo di produzione di una Porsche Taycan , nessuno si preoccupa. Sì, sarà un po' più costoso, ma non cambierà il modello di business: è un'auto costosa, che diventa un po' più costosa.

Ma se metti il ​​costo di una batteria nella produzione di un'auto del segmento A, ha un grande impatto. E non c'è possibilità di un segmento A senza essere 100% elettrico.

Credo che il segmento A tornerà con auto più costose come la FIAT 500 elettrica. La semplice auto del segmento A morirà. Questo spazio dovrebbe essere riempito dal quadriciclo, come l' Ami alla Citroën o il Twizy alla Renault .

FIAT entrerà anche nel mercato dei quadricicli con una proposta che annunceremo a breve. Non è un'auto, è un ATV, ma è una risposta.

Il segmento A sarà un territorio per uno status più elevato e prodotti premium .

Il costo delle batterie ha un peso enorme in un 100% elettrico, è il suo componente più prezioso. Così prezioso che ha portato il portoghese che guida Stellantis, Carlos Tavares, a lasciare un avvertimento sulla necessità di avere il controllo sulla produzione della batteria.

Olivier François, invece, ha la lezione ben studiata e in sintonia con il Gruppo. Secondo il responsabile della Fiat mancano cinque anni prima che le batterie inizino a pesare meno nel budget di produzione.

Tuttavia, fino a quel momento, e per stare al passo con il costo ancora molto alto di questo componente, la soluzione è collocare il marchio italiano in territorio premium , e poi fare l'esatto contrario.

OF: “Nel 2027 credo che il 100% elettrico dimostrerà che sono come i televisori moderni. Quando sono stati lanciati, nessuno aveva i soldi per comprarli e poi sono diventati più economici.

In questa fase dobbiamo creare valore in ciò che non è tangibile, aggiungere valore: bellezza, attrezzature, collaborazioni...

Nessuno paga 39mila euro per qualcosa di usa e getta. Ecco perché dobbiamo offrire qualcosa in più in questo segmento. E la verità è che abbiamo quasi 100.000 clienti che l'hanno acquistata (la nuova 500 elettrica) perché non la vedono come un prodotto usa e getta.

Per ora dobbiamo alzare il livello dei prodotti, come abbiamo fatto con la 500. Ma il nostro prossimo passo sarà l'opposto”.

L'elettrificazione presenta enormi sfide per un marchio globale come FIAT. Stellantis rinnoverà la sua piattaforma multi-energy, che sarà utilizzata nei futuri modelli del marchio italiano.

Almeno mentre la mobilità nei mercati in cui è presente Stellantis si muove a velocità così disparate, non è previsto il lancio di una piattaforma esclusiva per il 100% elettrico.

OF: Ogni anno nel mondo vengono vendute 1,4 milioni di auto FIAT. Siamo il marchio più venduto su Stellantis. Non per l'Europa, ma per la nostra presenza globale.

Non credo che l'America Latina (dove la FIAT ha una forte presenza) sia pronta per la piena elettrificazione in tempi brevi. Vendiamo alcuni modelli, ma solo come prodotti di stato.

Tutti questi modelli elettrici che presenteremo saranno globali, quindi dovremo utilizzare piattaforme multi-energia che servono il continente europeo, ma anche il resto del mondo.

Qual è la mobilità del futuro? In Europa elettrico, senza dubbio. In America Latina, Medio Oriente, Turchia... il futuro sono gli ibridi .

In Brasile stanno già emergendo incentivi per promuovere l'uso di auto ibride nei centri urbani.

Vogliamo arrivare in questi mercati molto velocemente con gli ibridi, vogliamo essere i primi a lanciare questi prodotti e ad un prezzo più accessibile.

Per essere accessibili non possono essere ibridi plug-in , dovranno essere ibridi come Panda, ad esempio.

E gli ibridi a etanolo (il carburante più utilizzato in Brasile, ricavato dalla canna da zucchero). Dobbiamo poter disporre di queste tecnologie nelle nostre future auto con diversi livelli di elettrificazione.

Olivier François unisce le funzioni di direttore esecutivo di FIAT a quelle di direttore marketing globale di Stellantis e nelle sue funzioni deve confrontarsi con marchi completamente diversi. Ma sembra non avere dubbi sul terreno che ciascuno di loro deve calpestare, come ci spiega: “Jeep è libertà, Dodge è muscle car, Ram è pick-up, Maserati è lusso, Alfa Romeo è sport. FIAT è un mix tra gioia e semplicità, quella che in Italia chiamiamo “Dolce Vita”. Auto per godersi la vita, con ottimismo.

Non voglio cambiare il DNA della FIAT. Penso che l'elettrificazione sia compatibile con lo spirito del marchio".

Nei prossimi mesi ci sarà il “grande festival” della FIAT. Anche se i dettagli non sono ancora noti.

Commenti

Post popolari in questo blog

La Fiat Pandina verrà presentata il 29 febbraio

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026.

Dopodomani verrà svelata la Fiat Pandina

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026. Il restyling della Panda attuale non prevede stravolgimenti: Pandina conserverà inalterata la sua meccanica ibrida a 48 Volt ma potrà beneficiare di nuovi sistemi di sicurezza (come il dispositivo di mantenimento corsia, la frenata automatica d'emergenza o il riconoscimento dei cartelli stradali) per allinearsi alle nuove direttive Ue previste per l'omologazione. Inoltre verrà introdotto un nuovo volante e la strumentazione digitale.

Fiat Pandina, fatta in Italia

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis presenta la nuova serie speciale Fiat Pandina dallo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d’Arco. Conferenza il 29 febbraio alle ore 12.00.

Nuovo Fiat E-Doblò MY24: tanto spazio per tutti e per tutto

Il nuovo E-Doblò unisce il meglio del comfort e della tecnologia con un tocco di stile per aiutare i clienti ad aggiungere praticità e benessere nella vita di tutti i giorni: una versione “all-in” che rende meno stressante e molto più sicura la guida in città. Versatile, spazioso, flessibile e adatto alle esigenze di tutti, il nuovo E-Doblò è senza compromessi, moderno e conveniente. Il suo upgrade di stile è visibile nel nuovo paraurti anteriore con skidplate inferiore, cerchi in lega da 17" e fendinebbia per viaggiare ovunque in sicurezza e tranquillità. È dotato di due porte scorrevoli con finestre ad apertura elettrica che garantiscono ai clienti praticità e comfort. Lo spazio interno del nuovo E-Doblò offre tanto spazio per tutti e per tutto grazie a diverse configurazioni di sedili e vani portaoggetti che garantiranno ai clienti la massima flessibilità durante la guida e il trasporto. Sono infatti disponibili 3 sedili posteriori singoli abbattibili, con la possibilità di amp

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube, è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il

Nuova Lancia Gamma

La nuova Lancia Gamma sarà il secondo modello della nuova era Lancia. Durante la presentazione della nuova Lancia Ypsilon è stata mostrata anche la prima immagine ufficiali delle nuove Lancia Gamma. Sarà un ammiraglia della categoria di Citroen C5X e Peugeot 408, e sarà prodotta a Melfi.  Nel 2026 vedremo questa nuova ammiraglia, lunga 4.6 metri e che permetterà al marchio Lancia di entrare nel segmento più grande in Europa. Sarà disponibile solo con motorizzazione completamente elettrica.

Nuove dotazioni per Fiat Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

Nuova Fiat Pandina - Fiat Panda MY 2024

L'attuale Fiat Panda rimarrà in listino almeno fino al 2026 e sarà sempre prodotta a Pomigliano D'arco (Napoli).  Per questo motivo stanno arrivando alcuni aggiornamenti come la strumentazione digitale, un nuovo volante e nuovi sistemi adas per la sicurezza stradale. Ma l'11 luglio 2024 verrà svelata anche la nuova Fiat Panda, che sarà parente stretta della nuova Citroen C3 e per non creare una sovrapposizione di nomi, la Panda attuale con il model year 2024 acquisirà il nome di Pandina. La Fiat Pandina sta per arrivare e rappresenterà il modello d'accesso al mondo Panda. Sarà disponibile con motore 1.0 Hybrid e non dovrebbe essere prevista la versione 4x4.

FIAT lancia una nuova sfida globale

L’Amministratore Delegato di FIAT, Olivier Francois, ha appena svelato i prossimi passi nella creazione della nuova gamma. Il video è disponibile a questo link. Tutti i nuovi modelli, che condivideranno una piattaforma globale comune, saranno disponibili ai clienti di tutto il mondo. FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo. La prima vettura di questa nuova famiglia sarà presentata a luglio 2024, seguita dal lancio di un nuovo modello ogni anno per i tre anni successivi. In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è s

Novità per la Fiat Pandina

Dal punto di vista del design, presenta una nuova fascia della plancia verniciata di bianco e nuovi sedili con monogramma e logo "Pandina" in rilievo, doppie cuciture gialle, dettagli bianchi e filato Seaqual contenente una materia prima sostenibile e completamente tracciabile ricavata da rifiuti marini. Gli esterni sono arricchiti da dettagli giocosi come il musetto di un panda sul coprimozzo, le calotte degli specchietti retrovisori gialli, la scritta Pandina sulle modanature laterali e la serigrafia "Pandina" sul finestrino posteriore. Oltre ai colori già esistenti - Bianco Gelato, Nero Cinema, Rosso Passione e Blu Italia - Pandina offre il nuovo Giallo Positano e nuovi abbinamenti bicolori (tetto nero a contrasto). La nuova serie speciale Pandina sarà disponibile a partire da quest'estate nei principali Paesi europei.