Un nuovo passo per lo stabilimento di Kenitra a sostegno dei piani di crescita per la regione Medio Oriente e Africa



Investimento di oltre 300 milioni di euro a favore dello stabilimento produttivo di Kenitra, Marocco, come parte dei piani di crescita della regione

L’impianto di Kenitra raddoppierà la capacità produttiva locale e introdurrà la piattaforma “smart car” a sostegno dell’obiettivo commerciale di una quota di mercato superiore al 22% nella regione entro il 2030

Lo stabilimento di Kenitra contribuirà all’obiettivo regionale di produrre un milione di veicoli all’anno entro il 2030 con un’autonomia produttiva superiore al 70%


In occasione degli incontri con il Capo del Governo, il Ministro dell’Industria e del Commercio e il Ministro delegato del Capo del Governo per gli investimenti, la convergenza e la valutazione delle politiche pubbliche marocchini, Stellantis ha annunciato oggi un investimento di oltre 300 milioni di euro a favore dell’impianto produttivo di Kenitra allo scopo di raddoppiarne la capacità produttiva e di lanciare la piattaforma “smart car”. L’incremento della capacità produttiva è un elemento a sostegno dei piani aziendali per la crescita della regione Medio Oriente e Africa, in quanto punta a raggiungere una capacità produttiva di un milione di veicoli all’anno entro il 2030 con un’integrazione locale del 70%, come delineato nel piano strategico Dare Forward 2030.


“Siamo orgogliosi di annunciare oggi una nuova grande pietra miliare nella vita del nostro impianto di Kenitra in collaborazione con il Ministero dell’Industria e del Commercio del Marocco,” ha dichiarato Samir CHERFAN, Chief Operating Officer di Stellantis per il Medio Oriente e l’Africa. “Insieme siamo riusciti a rendere Kenitra un sito industriale di punta di Stellantis e a trasformarlo in un componente chiave per la realizzazione dei nostri obiettivi nella regione Medio Oriente e Africa, sfruttando il potenziale della piattaforma ‘smart car’ appena lanciata, che costituirà l’elemento portante della nostra offerta di veicoli per la regione entro il 2030.”


Questo annuncio rientra nell’ambito dell’Accordo Industriale Strategico istituito nel 2015 tra Stellantis e il Governo marocchino con lo scopo di contribuire allo sviluppo dell’industria automobilistica del Paese.


"Questa nuova fase del progetto Stellantis in Marocco illustra il posizionamento del Regno come una delle piattaforme industriali automobilistiche carbon free più competitive a livello mondiale, costruita grazie alla lungimirante visione e alla leadership di Sua Maestà il Re Mohammed VI. Inoltre, rafforza le capacità di produzione di veicoli elettrici nel nostro Paese e conferma la nostra determinazione a essere un attore chiave nella mobilità sostenibile", ha dichiarato M. Ryad Mezzour, Ministro dell'Industria e del Commercio.



Fin dalla sua inaugurazione, nel 2019, l’impianto di Kenitra è sempre riuscito a superare gli obiettivi definiti nell’Accordo Industriale Strategico con un costante aumento dell’efficienza operativa e dei risultati di qualità.


Con l’annuncio odierno l’impianto è destinato a raddoppiare la propria capacità produttiva fino a raggiungere i 400.000 veicoli all’anno, a cui vanno aggiunti 50.000 esemplari dei veicoli elettrici: Citroën Ami e Opel Rocks-e (dal 2023 anche di Fiat Topolino). La piattaforma “smart car” nasce per sostenere ulteriormente la gamma di Stellantis che, entro il 2030 rappresenterà il 40% dell’offerta di mobilità della regione.


L’investimento creerà circa 2.000 nuovi posti di lavoro a livello locale. Stellantis si occuperà della formazione con l'obiettivo di riqualificare i suoi dipendenti.


Stellantis ha raggiunto una quota di integrazione locale del 69%, con l’obiettivo di promuovere attività all’interno della regione per consentirle di diventare un’organizzazione perfettamente strutturata e in grado di sfruttare i talenti locali.


Dal punto di vista ambientale, l’impianto è un modello di ottimizzazione energetica dal basso rapporto consumi per veicolo prodotto (425 kWh/veicolo); inoltre, a breve potrà avere accesso alle fonti rinnovabili, il cui sviluppo è sostenuto dalla strategia nazionale marocchina per la transizione energetica e lo sviluppo sostenibile.


“L’ambizione globale di Stellantis beneficerà del ritmo di sviluppo sostenuto della regione Medio Oriente e Africa, che mira a contribuire alla creazione di un terzo motore per Stellantis, da aggiungere ad America settentrionale ed Europa,” ha dichiarato il CEO di Stellantis Carlos Tavares. “Confido che i team che operano nella regione saranno in grado di operare una crescita sostenibile e di raggiungere una posizione di leadership nel mercato con margini a doppia cifra, mentre portano avanti la transizione energetica. In Stellantis ci impegniamo a offrire ai nostri clienti in Medio Oriente e Africa una mobilità pulita, sicura e accessibile.”

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel 2023 arriverà la nuova Fiat 600. Nel 2024 la nuova Abarth 600

Nuove anticipazioni sulla Nuova Lancia Ypsilon 2024!

Imparato “L'elettricità è efficienza. Così aereo. La berlina è più aerodinamica. Per me, l'industria tornerà a questo tipo di auto. Quindi sì, ci sarà una futura Giulia”.

Fiat conferma il nuovo pick-up medio per il 2023

Fiat si consolida già a novembre leader assoluto in Brasile nelle vendite del 2022 e raggiunge nel mese il 23,3% di quota di mercato

Paesi in cui è tornato l'ufficio stampa Lancia

Tutte le novità Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth in programma

Nuova Lancia Ypsilon MY'23, la city car più connessa di sempre

TORNA IL FIAT TALENTO. SI POSIZIONERA' TRA SCUDO E DUCATO. ARRIVA ANCHE IL NUOVO FIORINO?