Marchionne conferma l'ipotesi Fiat Argo in Europa come New Punto, ma la decisione finale arriverà il 1° giugno 2018


Facebook - Instagram - YouTube - redazionewm@outlook.com © FCA Italy: società italiana del gruppo FCA (Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Abarth, Fiat Professional) - Fiat Ambassador - Sostieni PAI qui - Piano Industriale -5 mesi






Tutti gli forzi del gruppo FCA sono concentrati sui marchi a maggiore redditività, e Fiat non rientra fra questi. Marchionne: “il marchio è quello che è: non ha la forza di Jeep o Alfa Romeo o Maserati: ha una realtà indipendente nel Sud America ma non in Europa, e noi dobbiamo continuare a svilupparlo solo dove è importante. Rifare la Topolino in Italia e rimetterci soldi non è una cosa intelligente”. E in Europa l’unico marchio che “funziona” è quello della 500. “La verità è che quest’ultimo è sempre stato un marchio a parte: la realtà è questa dal 2007 ed è una delle ragioni che ci ha fatto guadagnare due lire in Europa”.


Sul fatto che sembra possibile l'arrivo in Europa di un modello “normale”, cioè la Fiat Argo, che potrebbe diventare la nuova Punto, Marchionne risponde: "non abbiamo ancora deciso ma vi daremo una risposta il primo giugno a Balocco, alla presentazione del piano industriale.


Marchionne conferma cosi i rumors che si rincorrono da mesi (da dicembre 2016) sull'arrivo della versione Europea della Fiat Argo come Nuova Punto (sono stati fatti anche i nomi 127 e Uno). Se deve decidere se dargli il disco verde o no, è la dimostrazione che i rumors non erano fantascienza o speculazioni.

Il modello sarebbe una Argo rivista per il mercato Europeo, sia nei contenuti sia per rispettare le normative Europee sulla sicurezza. Ma anche a livello stilistico.


I rumors su questo modello sono stati riportati da:
Omniauto.it
Motor.es
AutoBild.de
AutoPlus.fr
e da altre fonti anche interne


Da AutoPlus in edicola

Essendo un modello di derivazione non sono necessari i collaudi, poichè sono già stati fatti (anche in Svezia) quando doveva arrivare come Argo in Sud America. 

Commenti

  1. il riscatto per tutti quelli che si sono battuti per far capire che non è una stronzata. Spetta a Marchionne a fare il bravo e a dargli il disco verde. Bello il render della 500

    RispondiElimina
  2. Aspettiamo la decisione finale del 1° giugno 2018....
    E soprattutto speriamo che siamo stilisticamente più bella della argo...
    metterei il frontale della cronos lasciando la fnaleria posteriore orizzontale della argo (ma a full led) e soprattutto tecnologica magari ibrida e può essere molto redditizio nel segmento B
    mi piace molto il rendering della 500 2019...
    fd

    RispondiElimina
  3. In Fiat fanno auto solide e concrete. È giusto produrre in Italia solo le auto più complesse da costruire, costose e quindi più remunerative, lasciando la produzione Fiat agli stati esteuropei.
    Per quanto riguarda i nomi però sono sempre molto confusi: gli unici modelli con continuità sono la Panda e il doblò... perché non continuare con punto? 127 e uno non avranno l'effetto nostalgia avuto dalla 500. Inoltre la denominazione con tre numeri si dovrebbe preservare per il filone emozionale, così da distinguere emozionale e razionale, che senso avrebbe chiamare la derivata dall'argo 127?
    Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me meglio il nome Uno per la Argo Emea.

      Elimina
    2. Concordo. Ma chi mai può avere nostalgia della 127?

      Elimina
    3. Infatti Gigi, ha più senso il nome "uno" che era la progenitrice della Punto... come la "Tipo" progenitrice delle Bravo/Brava..
      A mio parere la 127 dovrebbe collogarsi nella gamma emotional in quando era una innovazione tecnologica...
      Ma la sagoma della carrozzeria della argo ricorda un pò la 127....

      Elimina
    4. Il nome "uno" è tutt'ora utilizzato in Brasile per il clone sudamericano della Panda... non avrebbe molto senso riutilizzarlo in Europa per un'auto totalmente diversa.
      Io personalmente mi sto abituando pure ad "Argo"... Mi piace! Voi che ne pensate?
      Enrico

      Elimina
    5. Enrico, non confondiamo il mercato europeo con quello brasiliano....
      il brasile ha i suoi modelli con i loro nominativi.... il mercato europeo ha i suoi modelli con i loro nominativi tenendo conto alla cronologia storica dei modelli del passato...
      Prima della Punto chi c'era?? 127 o Uno? Chiamarla "primo" suona male come fonetica...
      Prima della Bravo/Brava chi c'era??
      ogni mercato ha dei propri nominativi e propri modelli...
      f

      Elimina
  4. alla faccia di chi diceva che sono stronzate fuffa chiacchere da bar ecc senza essere in grado di dimostrare il contrario. Ottimo lavoro PAI!! hai raccontato le cose nonostante tutto e hai dimostrato di avere ragione!!!

    RispondiElimina
  5. È verissimo il pensiero che Fiat in quel segnento può vendere solo attraverso il brand 500...quindi, mi aspetto che la sostituta della fiat punto sarà una 500 a 5 porte.
    Del resto basta guardare l'esperienza del brand mini che funziona alla grande con la stessa logica.

    Le fuori coro possono essere solo panda, tipo e 124.

    Per Abarth mi aspetterei un futuro modello 5porte su base 500 5p in modo da competere con fiesta, Clio e 208.

    RispondiElimina
  6. Ancora nessuna decisione quindi. Perchè aspettare il primo giugno.... intanto il tempo passa. Forse per prendere altri mesi e rimandare ancora?
    L'idea è quella vincente (Argo gamma prezzi bassi, 500 5p per l'alto) ma le tempistiche sono allucinanti. PAI fai bene a scrivere queste cose. Brava PAI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non aspettano il primo giugno per farla o no, ma per comunicare se il progetto è approvato e quindi nella seconda metà dell'anno arriva. voi pensate che i progetti vanno avanti quando vengono comunicati. è il contrario, prima vengono approvati poi vengono comunicati.

      Elimina
    2. Marchionne, tra le varie dichiarazioni, afferma che dal 2007 in Europa si guadagna solo dalle 500. Quindi anche quando si vendevano 200 mila Punto non si guadagnava abbastanza? E poi come fanno le altre generaliste che non posseggono marchi iconici come Ferrari, Maserati, Alfa Romeo, Jeep (e Ram negli Usa) e brand 500 a sopravvivere e quindi guadagnare? Gruppo Peugeot, Gruppo Hyundai, Gruppo Renault (non credo che possiamo considerare Infiniti un marchio iconico.. lo era molto di più la Lancia), tutte case che fanno oltre ai crossover/suv, anche le berline normali, mpv, ecc. Poi sulla questione delle elettriche e delle ibride, molte case costruttrici anche se non ci guadagnano abbastanza da queste auto, le utilizzano come manifesti tecnologici su i quali basano parte del marketing che quindi serve per vendere anche le loro auto convenzionali...

      Elimina
    3. stessa osservazione che avevo posto anche io tempo fa....

      Elimina
  7. Il riscatto.. Alla faccia di chi.. Ragazzi oltre al fatto che siamo in netto ritardo, mi pare presto x cantar vittoria, marchionne cambia idea ogni 2x3.. io delle sue dichiarazioni mi fido sempre poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo non vuol dire che i rumors sono fasulli. Se Marchionne dice che deve decidere vuol dire che il modello è in ballo, quando tutti davano contro a PAI e altri su questa cosa. Se poi non arriva è Marchionne che l'ha bocciata, non perchè erano balle. Il riscatto sta che è comunque una dimostrazione che non erano chiacchera da bar

      Elimina

Posta un commento

Passione Auto Italiane: Facebook e Instagram
redazionewm@outlook.com
fiat500club.blogspot.com
passioneautoitaliane.com
Jeep: leautodimatteo.passioneautoitaliane.com
passioneautoitaliane.it
alfaromeoclub.passioneautoitaliane.com
Instagram: Matteo_Volpe_Passione_Auto_Italiane

ISCRIVITI CLICCANDO SULLE 3 LINEE IN ALTO A SINISTRA
(HOME PAGE). Li puoi fare una donazione a Passione Auto Italiane

Post popolari in questo blog

Fiat Panda 4° serie. Le prime indiscrezioni sul progetto