30 anni di Alfa Romeo 155



Sostituire un modello come il 75 non poteva essere un compito facile, soprattutto quando questo cambiamento coincideva con una ristrutturazione più generale in casa Alfa Romeo . Questa è la storia dell'Alfa Romeo 155, aspramente contestata prima della rivendicazione e che quest'anno compie 30 anni.


 


L' Alfa Romeo 155, prima ancora di essere creata, ha dovuto fare i conti con una serie di situazioni che non hanno nulla a che fare con essa direttamente, ma che ne hanno fortemente influenzato l'esistenza. Nel 1985 l'Alfa Romeo ha festeggiato il suo 75° anniversarioil suo compleanno dando il numero specifico alla sua nuova berlina di medie dimensioni. Pochi mesi dopo, la Fiat, attraverso un processo thriller che coinvolgeva diverse case automobilistiche, avrebbe acquisito l'Alfa Romeo che stava affrontando notevoli difficoltà finanziarie. In sostanza, il 75 fu l'ultimo modello che sarebbe stato creato dall'Alfa Romeo "indipendente". All'inizio del decennio sarebbe giunto il momento di sostituire la 75 con un nuovo modello che, con la sua presentazione al Salone di Ginevra del marzo 1992, ha suscitato polemiche ed è apparso chiaro che la strada che avrebbe dovuto percorrere era tutt'altro che ma sarebbe lastricato di petali.


Inizialmente la 155 si era evoluta dopo l'acquisizione da parte della Fiat e questo da solo era bastato a destare preoccupazione tra i fanatici del marchio. Inoltre, a differenza del 75 che seguì la scelta "ortodossa" del marchio, motore anteriore - trazione posteriore, il 155 adottava la soluzione molto più ragionevole per la classe, ma anche sicuramente più convenzionale con motore e trazione anteriore. La disponibilità di una versione a quattro ruote motrici non poteva divertire la delusione degli Alfisti che videro la sostituzione del 75 mettere la trazione sulle ruote "sbagliate". Inoltre, la 155 fu accusata di essere vittima di "badge engineering", ovvero la fabbricazione di vetture sostanzialmente simili (nel caso della 155 la "categoria" riferita alla Fiat Tempra e alla Lancia Dedra), che si distinguono solo per il distintivo.


Nonostante i fondati sospetti degli scettici, il 155 aveva alcune caratteristiche che lo distinguevano dai corrispondenti modelli del gruppo italiano. La carreggiata anteriore più larga, la cremagliera più diretta, la diversa configurazione delle sospensioni, i rapporti del cambio più corti e la scelta dei motori davano il segno della diversità che un'Alfa Romeo richiede. D'altra parte, anche l'Alfisti poteva riconoscere che la 155 era molto ben costruita, pratica, spaziosa e facile da guidare. È caratteristico che il bagagliaio abbia raggiunto i 525 litri. Anche il design del modello di I.DE.A. era equilibrato nonostante la completa assenza di superfici curve, così come ottimo il coefficiente aerodinamico con Cx:0.29 rispetto allo 0.37 del 75.  


 


I motori aspirati da 1.8 (129 CV) e 2.0 litri (143 CV) oltre alla tecnologia Twin Spark utilizzavano anche il sistema di distribuzione variabile, anch'esso un'innovazione Alfa Romeo. Era disponibile anche il motore V6 da 2,5 litri, così come il 2 litri Turbo (166 CV) della versione Q4 che era abbinato a un sistema di trazione integrale permanente, con la meccanica specifica sostanzialmente mutuata dalla Lancia Delta Integrale .


 


La 155 affrontò un forte scetticismo e, sebbene i suoi lati positivi fossero evidenti, non era facile scrollarsi di dosso la convinzione che non fosse un'autentica Alfa Romeo. Il riscatto arrivò ad essere fornito da un ambito in cui il nome dell'Alfa Romeo era stato spesso glorificato in passato, le corse. Subito dopo la sua presentazione, la 155 GTA conquisterà il Campionato Italiano Superturismo del 1992 regalando il primo grande successo al modello “mitico”. Questa conquista, però, sarebbe stata presto dimenticata, poiché sarebbe giunto il momento della vera rivendicazione del 155 e appunto in casa della concorrenza tedesca.


 


Negli anni '90, il Campionato Tedesco Turismo (DTM) era un evento estremamente popolare in Europa con una grande concorrenza, ma anche vetture che assomigliavano alle loro controparti di produzione. Sotto la guida di Giorgio Pianta, la scuderia Alfa Romeo, Alfa Corse, progettò un'impressionante vettura da corsa attorno al motore V6 "monoblocco" 2.5 (2.498 cc) della produzione 155 e nacque così la 155 2.5 V6. TI. La bellissima vettura da corsa è già riuscita a vincere la prima gara del DTM nel 1993 sulla pista di Zolder al suo debutto. Nicola Larini, tra un esercito di Mercedes-Benz, BMW e Opel, ha dato una prima impressione delle capacità della nuova Alfa Romeo da corsa, che avrebbe portato alla vittoria, cogliendo quasi la metà delle vittorie della stagione e ovviamente il titolo della Istituzione tedesca. Entro la fine della sua carriera nel 1996, l'Alfa Romeo 155 V6 TI raggiungerà un totale di 38 vittorie e passerà alla storia come una delle auto da corsa più speciali, amata da tutti gli Alfisti fino ai giorni nostri. La versione da corsa della 155 rivendicava il modello che, nonostante le critiche, era un primo esempio di come lo spirito dell'Alfa Romeo possa esprimersi attraverso costruzioni con un approccio più pratico. Nel 1998 la 155 cede il passo dopo quasi 200.000 unità alla 156, il modello che ha stabilito l'Alfa Romeo nell'era moderna dell'auto. La versione da corsa della 155 rivendicava il modello che, nonostante le critiche, era un primo esempio di come lo spirito dell'Alfa Romeo possa esprimersi attraverso costruzioni con un approccio più pratico. Nel 1998 la 155 cede il passo dopo quasi 200.000 unità alla 156, il modello che ha stabilito l'Alfa Romeo nell'era moderna dell'auto. La versione da corsa della 155 rivendicava il modello che, nonostante le critiche, era un primo esempio di come lo spirito dell'Alfa Romeo possa esprimersi attraverso costruzioni con un approccio più pratico. Nel 1998 la 155 cede il passo dopo quasi 200.000 unità alla 156, il modello che ha stabilito l'Alfa Romeo nell'era moderna dell'auto.

Commenti