Passa ai contenuti principali

30 anni di Alfa Romeo 155



Sostituire un modello come il 75 non poteva essere un compito facile, soprattutto quando questo cambiamento coincideva con una ristrutturazione più generale in casa Alfa Romeo . Questa è la storia dell'Alfa Romeo 155, aspramente contestata prima della rivendicazione e che quest'anno compie 30 anni.


 


L' Alfa Romeo 155, prima ancora di essere creata, ha dovuto fare i conti con una serie di situazioni che non hanno nulla a che fare con essa direttamente, ma che ne hanno fortemente influenzato l'esistenza. Nel 1985 l'Alfa Romeo ha festeggiato il suo 75° anniversarioil suo compleanno dando il numero specifico alla sua nuova berlina di medie dimensioni. Pochi mesi dopo, la Fiat, attraverso un processo thriller che coinvolgeva diverse case automobilistiche, avrebbe acquisito l'Alfa Romeo che stava affrontando notevoli difficoltà finanziarie. In sostanza, il 75 fu l'ultimo modello che sarebbe stato creato dall'Alfa Romeo "indipendente". All'inizio del decennio sarebbe giunto il momento di sostituire la 75 con un nuovo modello che, con la sua presentazione al Salone di Ginevra del marzo 1992, ha suscitato polemiche ed è apparso chiaro che la strada che avrebbe dovuto percorrere era tutt'altro che ma sarebbe lastricato di petali.


Inizialmente la 155 si era evoluta dopo l'acquisizione da parte della Fiat e questo da solo era bastato a destare preoccupazione tra i fanatici del marchio. Inoltre, a differenza del 75 che seguì la scelta "ortodossa" del marchio, motore anteriore - trazione posteriore, il 155 adottava la soluzione molto più ragionevole per la classe, ma anche sicuramente più convenzionale con motore e trazione anteriore. La disponibilità di una versione a quattro ruote motrici non poteva divertire la delusione degli Alfisti che videro la sostituzione del 75 mettere la trazione sulle ruote "sbagliate". Inoltre, la 155 fu accusata di essere vittima di "badge engineering", ovvero la fabbricazione di vetture sostanzialmente simili (nel caso della 155 la "categoria" riferita alla Fiat Tempra e alla Lancia Dedra), che si distinguono solo per il distintivo.


Nonostante i fondati sospetti degli scettici, il 155 aveva alcune caratteristiche che lo distinguevano dai corrispondenti modelli del gruppo italiano. La carreggiata anteriore più larga, la cremagliera più diretta, la diversa configurazione delle sospensioni, i rapporti del cambio più corti e la scelta dei motori davano il segno della diversità che un'Alfa Romeo richiede. D'altra parte, anche l'Alfisti poteva riconoscere che la 155 era molto ben costruita, pratica, spaziosa e facile da guidare. È caratteristico che il bagagliaio abbia raggiunto i 525 litri. Anche il design del modello di I.DE.A. era equilibrato nonostante la completa assenza di superfici curve, così come ottimo il coefficiente aerodinamico con Cx:0.29 rispetto allo 0.37 del 75.  


 


I motori aspirati da 1.8 (129 CV) e 2.0 litri (143 CV) oltre alla tecnologia Twin Spark utilizzavano anche il sistema di distribuzione variabile, anch'esso un'innovazione Alfa Romeo. Era disponibile anche il motore V6 da 2,5 litri, così come il 2 litri Turbo (166 CV) della versione Q4 che era abbinato a un sistema di trazione integrale permanente, con la meccanica specifica sostanzialmente mutuata dalla Lancia Delta Integrale .


 


La 155 affrontò un forte scetticismo e, sebbene i suoi lati positivi fossero evidenti, non era facile scrollarsi di dosso la convinzione che non fosse un'autentica Alfa Romeo. Il riscatto arrivò ad essere fornito da un ambito in cui il nome dell'Alfa Romeo era stato spesso glorificato in passato, le corse. Subito dopo la sua presentazione, la 155 GTA conquisterà il Campionato Italiano Superturismo del 1992 regalando il primo grande successo al modello “mitico”. Questa conquista, però, sarebbe stata presto dimenticata, poiché sarebbe giunto il momento della vera rivendicazione del 155 e appunto in casa della concorrenza tedesca.


 


Negli anni '90, il Campionato Tedesco Turismo (DTM) era un evento estremamente popolare in Europa con una grande concorrenza, ma anche vetture che assomigliavano alle loro controparti di produzione. Sotto la guida di Giorgio Pianta, la scuderia Alfa Romeo, Alfa Corse, progettò un'impressionante vettura da corsa attorno al motore V6 "monoblocco" 2.5 (2.498 cc) della produzione 155 e nacque così la 155 2.5 V6. TI. La bellissima vettura da corsa è già riuscita a vincere la prima gara del DTM nel 1993 sulla pista di Zolder al suo debutto. Nicola Larini, tra un esercito di Mercedes-Benz, BMW e Opel, ha dato una prima impressione delle capacità della nuova Alfa Romeo da corsa, che avrebbe portato alla vittoria, cogliendo quasi la metà delle vittorie della stagione e ovviamente il titolo della Istituzione tedesca. Entro la fine della sua carriera nel 1996, l'Alfa Romeo 155 V6 TI raggiungerà un totale di 38 vittorie e passerà alla storia come una delle auto da corsa più speciali, amata da tutti gli Alfisti fino ai giorni nostri. La versione da corsa della 155 rivendicava il modello che, nonostante le critiche, era un primo esempio di come lo spirito dell'Alfa Romeo possa esprimersi attraverso costruzioni con un approccio più pratico. Nel 1998 la 155 cede il passo dopo quasi 200.000 unità alla 156, il modello che ha stabilito l'Alfa Romeo nell'era moderna dell'auto. La versione da corsa della 155 rivendicava il modello che, nonostante le critiche, era un primo esempio di come lo spirito dell'Alfa Romeo possa esprimersi attraverso costruzioni con un approccio più pratico. Nel 1998 la 155 cede il passo dopo quasi 200.000 unità alla 156, il modello che ha stabilito l'Alfa Romeo nell'era moderna dell'auto. La versione da corsa della 155 rivendicava il modello che, nonostante le critiche, era un primo esempio di come lo spirito dell'Alfa Romeo possa esprimersi attraverso costruzioni con un approccio più pratico. Nel 1998 la 155 cede il passo dopo quasi 200.000 unità alla 156, il modello che ha stabilito l'Alfa Romeo nell'era moderna dell'auto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tavares: "Volevano farmi vendere Alfa e chiudere Lancia"

Se Alfa Romeo è in mano a Stellantis si deve a Carlos Tavares. E anche il fatto che la Lancia non sia stata chiusa è dovuto alle decisioni del manager. A ribadirlo è stato lo stesso amministratore delegato del gruppo Stellantis, che ha dichiarato di essersi opposto alle numerose richieste di vendita del marchio del Biscione e di chiusura del brand di Torino. "Non potete immaginare quante persone mi hanno chiesto di chiudere Lancia quando abbiamo creato Stellantis", ha commentato Tavares parlando dei futuri programmi sportivi dei marchi italiani. "Dovete sapere due cose. Innanzitutto, c'erano molte persone che bussavano alla mia porta per farmi vendere Alfa Romeo. E ho detto di no. E c'erano tante altre persone che mi dicevano che avrei dovuto uccidere Lancia. È imbarazzante: ho detto di nuovo no. Quindi oggi, quello che abbiamo fatto è stato riconvertire il business di Alfa Romeo. Il marchio è redditizio, è posizionato nel segmento premium. L'attività è in cr

Autobianchi A112: Il Piccolo Grande Miracolo Dell'Industria Automobilistica Italiana

Nel vasto panorama dell'industria automobilistica italiana, c'è un'auto che ha lasciato un'impronta indelebile nella storia del settore: l'Autobianchi A112. Questo piccolo gioiello, prodotto tra il 1969 e il 1986, ha conquistato il cuore degli italiani e non solo, diventando un'icona del design e dell'ingegneria automobilistica. Nascita e Sviluppo L'Autobianchi A112 è stata presentata al Salone dell'Automobile di Torino nel 1969, come erede della famosa Bianchina. Progettata da Dante Giacosa, l'ingegnere che ha dato vita a molti successi della Fiat, la A112 era destinata a diventare un successo immediato grazie alle sue dimensioni compatte, alla maneggevolezza e all'efficienza. Design e Caratteristiche Tecniche Il design della A112 era semplice ma accattivante, con linee morbide e un look giovanile. Le sue dimensioni compatte la rendevano perfetta per la guida in città, ma nonostante le sue piccole dimensioni, l'A112 offriva sorprendentem

Nuova Alfa Romeo Junior: La Sportività Si Compatta

Benvenuta Junior, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento più grande del mercato europeo. Un simbolico "ben tornato" per coloro che hanno amato Giulietta e Mito, e un caloroso benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. Junior definisce i canoni di bellezza nel segmento con il suo design italiano, opera del Centro Stile Alfa Romeo di Torino, offrendo una connessione emotiva al primo sguardo grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Con una dinamica di guida best-in-class, Junior  porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte grazie a soluzioni tecniche specifiche sviluppate dalla stessa squadra che ha progettato la Giulia GTA. Offrendo comfort e praticità ai vertici del segmento, Junior vanta il bagagliaio più capiente tra i competitor premium e soluzioni come l'Alfa Romeo Cable Organizer. Junior è "Elettrica", con batteria da 54 kWh e proposta in due varianti di potenza: 156 CV e la t

Serie Speciale FIAT Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

In Germania la nuova Alfa Romeo Junior è già ordinabile

L'Alfa Romeo sta aprendo gli ordini in Germania per l'Alfa Romeo Junior, che attualmente sta attirando molta attenzione a causa del suo cambio di nome - in precedenza Alfa Romeo Milano. L'edizione di lancio SPECIALE, particolarmente equipaggiata, parte da 31.500 euro [1] per l'Alfa Romeo Junior Ibrida SPECIALE con tecnologia ibrida a 48 volt [consumo di carburante 5,2 l/100 km; Emissioni di CO2 117 g/km; Classe CO2 : D; (valori combinati secondo WLTP)]. L’Alfa Romeo Junior Elettrica SPECIALE ad alimentazione elettrica al 100% offre un’autonomia combinata fino a 410 chilometri e parte da 41.500 euro [consumo elettrico 15,6 -15,0 kWh/100 km; Emissioni di CO 2 0 g/km, CO 2 classe A (valori combinati secondo WLTP)]. La nuova Alfa Romeo Junior può ora essere ordinata in Germania. Al momento del lancio sul mercato, il SUV compatto, che si distingue per il suo design italiano unico e il look sportivo, è disponibile nell'edizione introduttiva SPECIALE particolarmente equipa

Risultati dell’Assemblea generale 2024 di Stellantis

Stellantis N.V. (“Stellantis”) ha annunciato oggi che tutte le delibere sottoposte all’approvazione degli azionisti durante l’Assemblea generale annuale (AGM) tenutasi oggi in presenza e trasmessa in diretta sul sito web di Stellantis sono state adottate, compresa la proposta di approvare la distribuzione di un dividendo di 4,7 miliardi di euro sulle azioni ordinarie. La ripartizione proposta comporta un pagamento ai detentori di azioni ordinarie di 1,55 euro per ogni azione ordinaria in circolazione. Gli azionisti in possesso di azioni ordinarie negoziate al NYSE riceveranno 1,651680 USD per ogni azione ordinaria al tasso di cambio ufficiale USD/EUR riportato dalla Banca Centrale Europea al 15 aprile 2024. Il pagamento sarà effettuato attingendo dagli utili indicati nei conti annuali del 2023. Il calendario atteso per le azioni ordinarie quotate al New York Stock Exchange, all’Euronext Paris e all’Euronext Milan sarà il seguente: (i) data di stacco 22 aprile 2024, (ii) data di registr

Imparato risponde alla politica: "Lasciate stare i nomi, salvate l’industria dalla Cina"

Non si placano le polemiche dopo la clamorosa decisione dell’Alfa Romeo di cambiare il nome della sua nuova Suv compatta da Milano a Junior, scaturita a seguito delle parole del ministro Urso, secondo cui il nome del capoluogo lombardo dato a un’automobile prodotta in Polonia violerebbe la legge sull’Italian Sounding. Il ceo dell’Alfa Romeo Jean-Philippe Imparato ha invitato i politici europei a “preoccuparsi della salvaguardia dei posti di lavoro nell’industria automobilistica piuttosto che dei nomi delle auto”. Il rischio vero per Stellantis e per tutta l’industria automobilistica nell’immediato futuro, dice Imparato, arriva dai costruttori cinesi che portano in Europa la loro produzione: “Quando vedi che la MG lancia un’auto che costa 16mila euro in Spagna, sono sicuro che vanno in perdita, ma sono pieni di soldi”. E prosegue: “Vedi la Tesla che taglia i prezzi di 10 mila euro o più, e riduce i margini in Europa dal 18% al 7, o 8%, e vedi alcuni dei nostri competitor tedeschi produr

Nuova Lancia Ypsilon

La Nuova Lancia Ypsilon è un hatchback del segmento B Premium a 5 porte, 5 posti, più lunga, più larga e con cerchioni più grandi rispetto all'attuale Ypsilon. Queste caratteristiche conferiscono alla vettura una connotazione elegante e futuristica. Le sinuose forme di Nuova Lancia Ypsilon sono ispirate ai modelli che hanno scritto la storia del marchio, così come i fanali posteriori rotondi, chiaro rimando alla Lancia Stratos, e l’iconico calice presente sul frontale che viene oggi rivisitato attraverso tre raggi di luce LED. Il modello è, al tempo stesso, la prima vettura di produzione Stellantis dotata del sistema S.A.L.A., l’interfaccia virtuale e intelligente che garantisce un’esperienza di guida confortevole e coerente con la tecnologia senza sforzi Lancia. Nuova Lancia Ypsilon, disponibile nelle versioni full electric e ibrida, è anche best-in-class nel segmento B hatchback premium, grazie all’allestimento più completo della categoria, ampio display da 10.25”, miglior sistem

Alfa Romeo: non va bene Milano? Allora “Alfa Romeo Junior!”

In una delle settimane più importanti per il futuro di Alfa Romeo, un esponente del governo italiano dichiara che l’utilizzo del nome Milano, scelto dal marchio per chiamare la nuova compatta sportiva appena presentata, è vietato per legge. Il nome Milano, tra i favoriti del pubblico, era stato scelto per rendere tributo alla città dove tutto ebbe origine nel 1910. Non è la prima volta che Alfa Romeo chiede il parere del pubblico per scegliere il nome di una vettura. Successe già nel 1966 con la Spider 1600: in quel caso il nome scelto dal pubblico era stato Duetto. Pur ritenendo che il nome Milano rispetti tutte le prescrizioni di legge, e in considerazione del fatto che ci sono temi di stretta attualità più rilevanti del nome di una nuova autovettura, Alfa Romeo decide di cambiare il nome da Milano a Alfa Romeo Junior, nell’ottica di promuovere un clima di serenità e distensione. Il team Alfa Romeo ringrazia il pubblico per l’enorme numero di feedback ricevuti, la rete dei concession

Alfa Romeo JUNIOR (ex Milano) in esposizione oggi alla Milano Design Week 2024

Alfa Romeo JUNIOR inaugura questa sera, lunedì 16 Aprile la settimana del design di Milano mostrandosi per la prima volta al pubblico presso la boutique LARUSMIANI, storico marchio della moda milanese. In maniera del tutto inaspettata cambia il nome della sportiva compatta Alfa Romeo. Milano lascia il posto ad “Alfa Romeo JUNIOR”. A non cambiare di certo è lo spirito innovativo, cool e dirompente con il quale Alfa Romeo debutta tra i suoi appassionati.   Siamo nella settimana in cui a Milano si celebra il design. Protagonista inaspettata di un singolare cambio nome “post reveal”, più unico che raro nel mondo dell’automobile, Alfa Romeo JUNIOR apre le danze debuttando in pubblico con tutto il suo dirompente fascino sportivo. L’esclusiva occasione che porta al debutto JUNIOR è nuovamente la collaborazione, tutta italiana, con LARUSMIANI, storico marchio e protagonista da oltre un secolo dell’eleganza milanese e della qualità “Made in Italy” del MonteNapoleone District.           D’altron