Piano Industriale Alfa Romeo



In attesa del piano industriale STELLANTIS, in arrivo tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022, proviamo a interpretare cosa potrebbe arrivare.

  • B-UV
  • Nuova Giulietta
  • Tonale
  • Nuova Giulia
  • Nuovo Stelvio
  • E-Sedan

Commenti

  1. Io non farei una segmento B.
    Partirei dal C con una nuova Giulietta oltre al TONALE,
    Modificherei Giorgio per una versione EV di Giulia e Stelvio....non mi piace l'idea dell'uso di e-vMP.....e di un SUV + Alfetta.
    Il sogno un DUETTO spider

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aridaje coi sogni, abbiamo bisogno di programmi fattibili, bene ricominciare dal segmento B, troppo il vuoto lasciato da MiTo.

      Elimina
    2. Che il Bsuv è previsto lo so.
      È mia opinione che STELLANTIS potrebbe fare a meno di seg. B a marchio ALFA.....ma la legge dei numeri così vuole.

      Elimina
  2. Ma veramente credete che esisterà ancora un auto italiana con la passione alfa... Sveglia i francesi spolperanno la tecnologia e lasceranno l'Italia orfana di una industria fondamentale e mazziata per la disoccupazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Djdjdu
      Io credo che tu veda cose lontane.
      I francesi.....
      Ricordati che gli unici personaggi che possono prendere decisioni operative in STELLANTIS sono tre
      1 - PRESIDENTE
      2 - CEO ...che a lui riferisce quanto viene proposto da tutti coloro che a lui devono riferirsi.
      3 - responsabile finanziario......se lui non allenta il cordone i soldi non si muovono.
      Di questi tre personaggi due sono di provenienza FCA e il terzo è uno dei CEO più bravi del settore...

      Elimina
    2. Purtroppo l´auto italiana é scomparsa negli anni 80 quando la stessa famiglia che ha svenduto FCA ai francesi chiamandola "fusione", dopo aver svenduto Magneti Marelli e in procinto di continuare con IVECO, CNH e Comau, ha defenestrato l´ing. Vittorio Ghidella per far posto al lurido finanziere Romiti. Infine con questa classe politica e dirigente non c´é da aspettarsi proprio nulla di buono: questi sanno solo svendere quello che hanno costruito le precedenti generazioni e con l´auto elettrica perderemo anche Enel. Purtroppo il futuro dell´Italia é scritto nel passato e nel presente del suo Mezzogiorno: emigrazione per chi non vuole scendere a compromessi e vita grama per gli altri. E una borghesia fallita che sa generare solo medici e avvocati: gli uni a speculare sulle disgrazie umane, gli altri sulle beghe della povera gente.

      Elimina
  3. Alfa (azienda che è stata volutamente sfavorita a favore di bmw da qualcuno di misterioso) può rinascere solo con uno spin off da fca stellantis sennò non sara' mai esclusiva.....

    RispondiElimina
  4. ...per rinascere Alfa (che è stata sabotata negli anni da qualcuno di misterioso a favore di BMW. Ndr) dovrebbe essere esclusiva ed uscire dal gruppone stellantis fca e varie. Diversamente sarà sempre e solo una diversa faccia di altre auto:-)

    RispondiElimina
  5. Caro anonimo
    Secondo te l'auto italiana è morta negli anni 80.
    Peccato che proprio in quel periodo FGA fosse uno dei gruppi più forte in Europa.....peccato che lotte intestine accadute negli anni 90 hanno portato il gruppo a un quasi fallimento nei primi anni duemila e alla perdita di moltissime vendite per la discutibile qualità dei suoi prodotti.
    L'unione con PSA è una fusione non una svendita.
    Non si è mai visto un azionariato svendere e rimanere primo azionista dell'acquirente.
    In Europa in caso di fusione tra aziende viene richiesto nominare un acquirente....in questo caso è stato scelto PSA per relative differenze di valori economici.
    Magneti Marelli è stata venduta per 5,8 miliardi di euro.....ricorda che era la 30esima nella classifica delle aziende di componenti .....
    Anche qui svendi e la ragione sociale è MARELLI CK HOLDING.........
    Iveco verrà scorporata da CHN per essere venduta a FAW ad una cifra giusta ....non svenduta.
    Comau non è detto che sarà protagonista di operazioni finanziarie.
    Il giovane Elkann non è così sprovveduto come credi.

    RispondiElimina
  6. Quando tutti pensano che sanno essere CEO o Presidente di una impresa globale, scrivono idiozie come "può rinascere solo con uno spin off da fca stellantis". Ma vuoi distruggerla piu? Abbiamo solo due vetture fuori e tutti gli altri hanno piu, molto di piu. Fuori dall'Italia, il marketing per Alfa non c'e. Tutto dominato dai tedeschi e tutti pensano che sono i migliori. Non so che cosa accadra, ma senza questo fusione, il futuro della Alfa non c'e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che Alfa Romeo avrà un futuro... anche elettrico.
      I problemi di Alfa non sono le sole due auto ma la nomea che si trascina dietro, una rete di vendita anonima, il marketing poco incisivo che non riesce a fare dimenticare il recente passato e i trenta anni di vantaggio commerciale accumulato dai tedeschi.

      Elimina
    2. Non vorrei sembrare un CEO , anzi non voglio proprio esserlo, ma credi proprio che l'Alfa con i componenti stellantis /fca sia un prodotto esclusivo e degno del marchio? Ci sarà un motivo perche restando nel gruppone oggi Lancia è sparita e Alfa ha due modelli?
      Io dico : più passione, più idee, piu esclusività! Se non ci saltiamo proprio fuori chiediamo aiuto e vendiamola (vw l'avrebbe comprata a suo tempo). Sennò teniamoci i ns bei 2 modelli

      Elimina
    3. Il vantaggio commerciale , se fai un prodotto valido può essere riconquistato velocemente (MINI in 10 anni ha recuperato 30 anni di brand "mummificato")

      Elimina
  7. Saluti da un mancato CEO. 😁😁😁

    RispondiElimina

Posta un commento

Facebook - Instagram - Google News - YouTube Matteo Volpe