In arrivo nuova Lancia Ypsilon, Nuova Delta e un Crossover



Lancia sta lavorando a tre nuovi modelli in arrivo tra il 2024 e il 2027.

Stellantis continua ad investire sulla ripresa di Lancia. Jean-Pierre Ploué è stato nominato direttore del design del Gruppo Stellantis, ed è stato nominato nuovo designer del marchio Lancia. Secondo quanto riportato da Automotive News, starebbe lavorando a tre modelli Lancia: una city car, una crossover e una berlina compatta.

Lo sviluppo di almeno tre nuovi modelli dà concretezza alle parole dei vertici di Stellantis John Elkann e Carlos Tavares. Entrambi hanno affermato più volte di vedere in Lancia un simbolo dell’eleganza italiana con grande potenziale anche per mercati diversi dall’Italia. E hanno più volte espresso la volontà di rilanciare il marchio, e di farla tornare nella fascia Premium, insieme a DS e Alfa Romeo.

Partendo dal primo modello, è probabile che si stia parlando dell’erede della Ypsilon che dovrebbe arrivare a metà del 2024 e che sarà la prima elettrica nei 115 anni di storia di Lancia. Oltre alla variante a batteria, ne verrà proposta anche una a benzina. 

Sarà probabilmente costruita a Tychy, in Polonia, e si baserà sulla seconda generazione dell’architettura eCMP, che verrà implementata nei modelli che usciranno da fine 2022.

La crossover è attesa per il primo quadrimestre del 2026 e sarà esclusivamente elettrica e basata sulla piattaforma STLA di Stellantis. Secondo alcune voci riportate sempre da Automotive News, la Lancia a ruote alte dovrebbe essere prodotta nell’impianto di Melfi.

Lo sviluppo della berlina compatta, invece, è ancora in una fase embrionale. Il progetto è sul tavolo dei dirigenti di Stellantis, i quali vogliono prima capire se ci possano essere margini di vendita interessanti per un’eventuale erede della Delta. In ogni caso, non la vedremo prima del 2027.

Stellantis è convinta di riuscire a ridare prestigio al brand Lancia. Da tempo la gamma del marchio è molto ridotta e attualmente comprende esclusivamente la Ypsilon solo per il mercato Italiano.

Commenti