Passa ai contenuti principali

Le architetture condivise non impediranno di differenziare i marchi Alfa Romeo e Lancia. È nata la prima nuova Lancia



Con Stellantis, Fiat, Lancia e Alfa Romeo hanno finalmente la prospettiva di uno sviluppo di lungo termine, grazie alla condivisione di pianali, motori, componenti... ma i marchi italiani saranno ben differenziati nel design e non solo. Lo spiega Jean-Pierre Ploué, il nuovo capo del design dei marchi europei di Stellantis, a Quattroruote.

"La condivisione delle piattaforme è inevitabile per qualsiasi grande costruttore, se vuole sopravvivere. Certo, in questa situazione, il nostro è un lavoro pieno di condizionamenti, ma non è una circostanza nuova per me, ci sono abituato. Se sia difficile differenziare i brand condividendo le basi meccaniche, la risposta è che si può fare: dobbiamo combattere, dobbiamo negoziare di continuo. Per riuscire nell'impresa abbiamo bisogno di avere capi brand forti e design team forti, con le idee chiare su ciò che si deve fare… Io sono arrivato qui con due missioni in testa. La prima è che ogni modello europeo del gruppo Stellantis abbia un design di alto livello, in termini di qualità, di unicità e di riconoscibilità. La seconda è che ciascun brand abbia un'identità ben distinta e diversa da tutti gli altri. Se non riuscissi a perseguire questa diversificazione, avrei fallito il mio compito. Naturalmente, oltre a fare buon design, non posso dimenticarmi che sono parte del gruppo Stellantis, il cui obiettivo primario è generare utili, perciò devo anche fare in modo che il nostro lavoro sia efficiente sul piano economico".

"Carlos Tavares intende ritagliare per i marchi italiani del gruppo una presenza rilevante sul mercato. Voglio immergermi completamente nella realtà del centro stile, a Torino, voglio essere parte di questa nuova e fantastica avventura. Perché questi marchi sono iconici".

"Come designer abbiamo il dovere per ciascun brand di studiare il passato e di capire di che cosa abbiamo bisogno nel futuro. La legacy, l'eredità di un marchio è un punto di partenza fondamentale. Da designer francese, poi, ho bisogno di mettere a fuoco, d'identificare, l'italianità dei brand. Per farlo si deve prima di tutto isolarne i fondamentali. Questa è un'operazione che comporta molto brainstorming con il proprio team. Ecco, le mostro una cosa... Questo fascicolo contiene decine e decine d'immagini che illustrano altrettanti concetti o semplici suggestioni ed è un ottimo strumento per esplicitare le caratteristiche intrinseche di un brand come espressione di una cultura, che alla fine è quello che stiamo cercando di fare: definire l'italianità. Si parte alla lontana, un processo che può anche far sorridere, ma che invece è davvero molto utile. Ecco, qui (e indica fotografie di persone, in contesti lifestyle, di vita urbana, di moda, ndr) mettiamo a confronto il modo di vivere, portarsi, porgersi degli italiani e dei francesi: se l'eleganza francese è più chic, perfezionista nei dettagli, controllata, gli italiani sono maestri dell'arte della sprezzatura, cioè di quell'eleganza rilassata e apparentemente distratta, quasi naturale, che in realtà è frutto di un attento studio. Casual, ma per nulla casuale".

"L'eleganza della DS è più sofisticata, più decorativa, più focalizzata sui dettagli: deve evocare una bellezza quasi inaccessibile. L'eleganza di una Lancia dev'essere "effortless", cioè naturale, semplice, mai pretenziosa. Basti pensare a certi modelli del passato, alla Flaminia, all'Aurelia B20… forme lineari, essenziali, pure. Ma così bilanciate, così naturalmente belle… Ecco, quella della Lancia potremmo definirla "natural beauty". Diversamente dall'Alfa Romeo, che invece è espressione di "emotional beauty". Facendo un paragone diverso, DS è la cucina francese, sempre un po' elaborata, Lancia è quella italiana, basata sull'esaltazione dei sapori primari. A volte bastano un gustoso pomodoro, un'eccellente mozzarella, l'olio più buono del mondo et... voilà!"

"È vero che all'interno del gruppo cerchiamo le sinergie e la condivisione il più possibile estesa di architetture e moduli, ma allo stesso modo individuiamo alcune soluzioni tecniche che cerchiamo di associare a uno specifico brand, assegnandogliele in modo esclusivo, almeno in una prima fase. Pensiamo, per esempio, alle sospensioni ad aria per le DS. Poiché il confort è uno dei valori tradizionali della Lancia, si potrebbe ipotizzare magari una tecnologia particolare per i sedili, una schiuma speciale... A livello di gruppo esiste una "libreria" di soluzioni tecnologiche in fase di sviluppo: si tratta d'individuare ogni volta quale brand possa adottarle per primo".

"I materiali sono un'altra chiave fondamentale per la differenziazione e l'identità. Quando sono arrivato qui al centro stile di Torino per la prima volta, ho visitato il reparto di Color&Trim diretto da Rossella Guasco e mi sono sorpreso per quanto diverso fosse nei materiali, nei tessuti, nei colori da quello di Parigi… Nel quadro dell'efficienza economica, si era ipotizzata l'eventualità di avere un unico grande studio di Color&Trim unificato a livello europeo. Ma mi sono opposto, proprio perché perderemmo queste specificità culturali nazionali. Semmai, potremmo creare un dipartimento organizzato per cluster, al fine non di massimizzare le sinergie, ma di capire meglio come impiegare materiali e tecnologie in accordo con il Dna dei vari marchi. Vedremo".

"Oggi la situazione è più semplice e razionale. Nel periodo pre-Stellantis, l'intero reparto design FCA qui a Torino era trasversale e liquido. Cioè, a parte i referenti fissi per i vari marchi, tutti gli altri designer potevano seguire un brand o quell'altro a seconda dei carichi di lavoro: ora Alfa, ora Maserati, ora Fiat… Il volume di modelli in agenda, assai più ridotto di quello che abbiamo in testa come Stellantis, e le dimensioni contenute del team giustificavano tale organizzazione. Quando sono arrivato, invece, ho suddiviso tutto per marchi: ora l'Alfa, la Lancia, la Fiat hanno ciascuno il proprio studio e ogni studio può focalizzarsi sul Dna".

"Lo scopo è avere un team forte. Fra l'altro, a Torino abbiamo un vantaggio: l'avere collocato la dirigenza dei marchi in prossimità. Il ceo Alfa, Jean-Philippe Imparato, e la sua squadra sono negli uffici accanto al design studio, nell'area dedicata all'interno del centro stile. Lo stesso vale per Luca Napolitano, ad della Lancia… Tutto ciò rende ogni marchio più forte e con un'identità univoca. Con tale organizzazione riusciremo ad aumentare specificità e differenziazione".

"Comunque il team Lancia si è messo subito al lavoro e, proprio qualche giorno fa, il primo frutto del suo impegno ha preso le sembianze di un modello "full scale". Non posso svelare nulla, ma è la prima Lancia "reborn". Fatta in tempi record. Il segreto è la leggerezza e la struttura snella. Se ci sono troppe procedure, troppe decisioni da prendere, non funziona. Ovviamente, i centri design dell'Alfa e della Fiat sono un po' più corposi, ma è inevitabile, perché le rispettive gamme saranno più ricche di modelli."

"Mi piacerebbe vedere rinascere auto come la Stratos, ma anche la Delta: la trovo un'auto molto risolta, bilanciata, elegante. Prenderemo – e non vale soltanto per la Lancia – spunti dal passato, che facilitano la riconoscibilità di marca, e li rinnoveremo per rendere unici i nuovi modelli".

"Per quanto capisca il trend delle Suv e alcuni vantaggi che possono dare, esse tenderanno sempre più verso il genere crossover, un po' più basso. Come designer, poi, combatto per un ritorno alle carrozzerie tipo berlina, poiché sono il modo più efficiente, ma pure più elegante, per trasportare le persone". E i marchi più adatti a questa tipologia di auto sono "i marchi Premium Alfa Romeo e Lancia".

Anche per "Fiat e Citroen le opportunità per diversificare sono tantissime" La Fiat manterrà una linea chic, basata su 500, e una pratica, con Panda e Tipo. "Ma non ci sarà alcuno spin-off di 500 come brand a sé. Il marchio Fiat manterrà un suo unico patrimonio genetico, che può assumere sfumature diverse sul piano del design, secondo il prodotto.

E per chi rimpiange la Punto dice "Di avere solo un po' di pazienza". Stellantis ha annunciato ufficialmente il ritorno di Fiat nel segmento B nel 2023.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tavares: "Volevano farmi vendere Alfa e chiudere Lancia"

Se Alfa Romeo è in mano a Stellantis si deve a Carlos Tavares. E anche il fatto che la Lancia non sia stata chiusa è dovuto alle decisioni del manager. A ribadirlo è stato lo stesso amministratore delegato del gruppo Stellantis, che ha dichiarato di essersi opposto alle numerose richieste di vendita del marchio del Biscione e di chiusura del brand di Torino. "Non potete immaginare quante persone mi hanno chiesto di chiudere Lancia quando abbiamo creato Stellantis", ha commentato Tavares parlando dei futuri programmi sportivi dei marchi italiani. "Dovete sapere due cose. Innanzitutto, c'erano molte persone che bussavano alla mia porta per farmi vendere Alfa Romeo. E ho detto di no. E c'erano tante altre persone che mi dicevano che avrei dovuto uccidere Lancia. È imbarazzante: ho detto di nuovo no. Quindi oggi, quello che abbiamo fatto è stato riconvertire il business di Alfa Romeo. Il marchio è redditizio, è posizionato nel segmento premium. L'attività è in cr

Autobianchi A112: Il Piccolo Grande Miracolo Dell'Industria Automobilistica Italiana

Nel vasto panorama dell'industria automobilistica italiana, c'è un'auto che ha lasciato un'impronta indelebile nella storia del settore: l'Autobianchi A112. Questo piccolo gioiello, prodotto tra il 1969 e il 1986, ha conquistato il cuore degli italiani e non solo, diventando un'icona del design e dell'ingegneria automobilistica. Nascita e Sviluppo L'Autobianchi A112 è stata presentata al Salone dell'Automobile di Torino nel 1969, come erede della famosa Bianchina. Progettata da Dante Giacosa, l'ingegnere che ha dato vita a molti successi della Fiat, la A112 era destinata a diventare un successo immediato grazie alle sue dimensioni compatte, alla maneggevolezza e all'efficienza. Design e Caratteristiche Tecniche Il design della A112 era semplice ma accattivante, con linee morbide e un look giovanile. Le sue dimensioni compatte la rendevano perfetta per la guida in città, ma nonostante le sue piccole dimensioni, l'A112 offriva sorprendentem

Nuova Alfa Romeo Junior: La Sportività Si Compatta

Benvenuta Junior, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento più grande del mercato europeo. Un simbolico "ben tornato" per coloro che hanno amato Giulietta e Mito, e un caloroso benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. Junior definisce i canoni di bellezza nel segmento con il suo design italiano, opera del Centro Stile Alfa Romeo di Torino, offrendo una connessione emotiva al primo sguardo grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Con una dinamica di guida best-in-class, Junior  porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte grazie a soluzioni tecniche specifiche sviluppate dalla stessa squadra che ha progettato la Giulia GTA. Offrendo comfort e praticità ai vertici del segmento, Junior vanta il bagagliaio più capiente tra i competitor premium e soluzioni come l'Alfa Romeo Cable Organizer. Junior è "Elettrica", con batteria da 54 kWh e proposta in due varianti di potenza: 156 CV e la t

Serie Speciale FIAT Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

In Germania la nuova Alfa Romeo Junior è già ordinabile

L'Alfa Romeo sta aprendo gli ordini in Germania per l'Alfa Romeo Junior, che attualmente sta attirando molta attenzione a causa del suo cambio di nome - in precedenza Alfa Romeo Milano. L'edizione di lancio SPECIALE, particolarmente equipaggiata, parte da 31.500 euro [1] per l'Alfa Romeo Junior Ibrida SPECIALE con tecnologia ibrida a 48 volt [consumo di carburante 5,2 l/100 km; Emissioni di CO2 117 g/km; Classe CO2 : D; (valori combinati secondo WLTP)]. L’Alfa Romeo Junior Elettrica SPECIALE ad alimentazione elettrica al 100% offre un’autonomia combinata fino a 410 chilometri e parte da 41.500 euro [consumo elettrico 15,6 -15,0 kWh/100 km; Emissioni di CO 2 0 g/km, CO 2 classe A (valori combinati secondo WLTP)]. La nuova Alfa Romeo Junior può ora essere ordinata in Germania. Al momento del lancio sul mercato, il SUV compatto, che si distingue per il suo design italiano unico e il look sportivo, è disponibile nell'edizione introduttiva SPECIALE particolarmente equipa

Risultati dell’Assemblea generale 2024 di Stellantis

Stellantis N.V. (“Stellantis”) ha annunciato oggi che tutte le delibere sottoposte all’approvazione degli azionisti durante l’Assemblea generale annuale (AGM) tenutasi oggi in presenza e trasmessa in diretta sul sito web di Stellantis sono state adottate, compresa la proposta di approvare la distribuzione di un dividendo di 4,7 miliardi di euro sulle azioni ordinarie. La ripartizione proposta comporta un pagamento ai detentori di azioni ordinarie di 1,55 euro per ogni azione ordinaria in circolazione. Gli azionisti in possesso di azioni ordinarie negoziate al NYSE riceveranno 1,651680 USD per ogni azione ordinaria al tasso di cambio ufficiale USD/EUR riportato dalla Banca Centrale Europea al 15 aprile 2024. Il pagamento sarà effettuato attingendo dagli utili indicati nei conti annuali del 2023. Il calendario atteso per le azioni ordinarie quotate al New York Stock Exchange, all’Euronext Paris e all’Euronext Milan sarà il seguente: (i) data di stacco 22 aprile 2024, (ii) data di registr

Imparato risponde alla politica: "Lasciate stare i nomi, salvate l’industria dalla Cina"

Non si placano le polemiche dopo la clamorosa decisione dell’Alfa Romeo di cambiare il nome della sua nuova Suv compatta da Milano a Junior, scaturita a seguito delle parole del ministro Urso, secondo cui il nome del capoluogo lombardo dato a un’automobile prodotta in Polonia violerebbe la legge sull’Italian Sounding. Il ceo dell’Alfa Romeo Jean-Philippe Imparato ha invitato i politici europei a “preoccuparsi della salvaguardia dei posti di lavoro nell’industria automobilistica piuttosto che dei nomi delle auto”. Il rischio vero per Stellantis e per tutta l’industria automobilistica nell’immediato futuro, dice Imparato, arriva dai costruttori cinesi che portano in Europa la loro produzione: “Quando vedi che la MG lancia un’auto che costa 16mila euro in Spagna, sono sicuro che vanno in perdita, ma sono pieni di soldi”. E prosegue: “Vedi la Tesla che taglia i prezzi di 10 mila euro o più, e riduce i margini in Europa dal 18% al 7, o 8%, e vedi alcuni dei nostri competitor tedeschi produr

Nuova Lancia Ypsilon

La Nuova Lancia Ypsilon è un hatchback del segmento B Premium a 5 porte, 5 posti, più lunga, più larga e con cerchioni più grandi rispetto all'attuale Ypsilon. Queste caratteristiche conferiscono alla vettura una connotazione elegante e futuristica. Le sinuose forme di Nuova Lancia Ypsilon sono ispirate ai modelli che hanno scritto la storia del marchio, così come i fanali posteriori rotondi, chiaro rimando alla Lancia Stratos, e l’iconico calice presente sul frontale che viene oggi rivisitato attraverso tre raggi di luce LED. Il modello è, al tempo stesso, la prima vettura di produzione Stellantis dotata del sistema S.A.L.A., l’interfaccia virtuale e intelligente che garantisce un’esperienza di guida confortevole e coerente con la tecnologia senza sforzi Lancia. Nuova Lancia Ypsilon, disponibile nelle versioni full electric e ibrida, è anche best-in-class nel segmento B hatchback premium, grazie all’allestimento più completo della categoria, ampio display da 10.25”, miglior sistem

Alfa Romeo: non va bene Milano? Allora “Alfa Romeo Junior!”

In una delle settimane più importanti per il futuro di Alfa Romeo, un esponente del governo italiano dichiara che l’utilizzo del nome Milano, scelto dal marchio per chiamare la nuova compatta sportiva appena presentata, è vietato per legge. Il nome Milano, tra i favoriti del pubblico, era stato scelto per rendere tributo alla città dove tutto ebbe origine nel 1910. Non è la prima volta che Alfa Romeo chiede il parere del pubblico per scegliere il nome di una vettura. Successe già nel 1966 con la Spider 1600: in quel caso il nome scelto dal pubblico era stato Duetto. Pur ritenendo che il nome Milano rispetti tutte le prescrizioni di legge, e in considerazione del fatto che ci sono temi di stretta attualità più rilevanti del nome di una nuova autovettura, Alfa Romeo decide di cambiare il nome da Milano a Alfa Romeo Junior, nell’ottica di promuovere un clima di serenità e distensione. Il team Alfa Romeo ringrazia il pubblico per l’enorme numero di feedback ricevuti, la rete dei concession

Alfa Romeo JUNIOR (ex Milano) in esposizione oggi alla Milano Design Week 2024

Alfa Romeo JUNIOR inaugura questa sera, lunedì 16 Aprile la settimana del design di Milano mostrandosi per la prima volta al pubblico presso la boutique LARUSMIANI, storico marchio della moda milanese. In maniera del tutto inaspettata cambia il nome della sportiva compatta Alfa Romeo. Milano lascia il posto ad “Alfa Romeo JUNIOR”. A non cambiare di certo è lo spirito innovativo, cool e dirompente con il quale Alfa Romeo debutta tra i suoi appassionati.   Siamo nella settimana in cui a Milano si celebra il design. Protagonista inaspettata di un singolare cambio nome “post reveal”, più unico che raro nel mondo dell’automobile, Alfa Romeo JUNIOR apre le danze debuttando in pubblico con tutto il suo dirompente fascino sportivo. L’esclusiva occasione che porta al debutto JUNIOR è nuovamente la collaborazione, tutta italiana, con LARUSMIANI, storico marchio e protagonista da oltre un secolo dell’eleganza milanese e della qualità “Made in Italy” del MonteNapoleone District.           D’altron