Stellantis promuove ambizioni di economia circolare con un'unità aziendale dedicata per alimentare la nuova era di produzione e consumo sostenibili



L'economia circolare gioca un ruolo importante nello sforzo di Stellantis di raggiungere l'obiettivo leader del settore di zero emissioni nette di carbonio entro il 2038

Modello di business "dalla culla alla culla" per raggiungere oltre 2 miliardi di euro di ricavi entro il 2030 nell'ambito del piano strategico Dare Forward 2030

Hub regionali integrati da circuiti locali per massimizzare l'efficienza e proteggere le risorse scarse

La nuova etichetta SUSTAINera offre trasparenza sul risparmio di materiale e CO 2 ; rappresenta la promessa di soluzioni di prodotti e servizi sostenibili e convenienti

 


Stellantis NV ha annunciato oggi un piano completo per la sua Business Unit Circular Economy per raggiungere oltre 2 miliardi di euro di ricavi entro il 2030 e guidare l'aggressivo obiettivo di decarbonizzazione della Società di raggiungere lo zero netto di carbonio entro il 2038.


Come una delle sette business unit in crescita annunciate nel piano strategico Dare Forward 2030 , la Circular Economy Business Unit sta espandendo il suo approccio rigoroso a 360 gradi basato sulla strategia 4R – rilavorazione, riparazione, riutilizzo e riciclo – per soddisfare le esigenze dell'azienda responsabilità etiche per il futuro e per portare valore finanziario a Stellantis.


"Stellantis è in corsa per costruire un business sostenibile e redditizio basato sui principi dell'economia circolare nei mercati in cui operiamo", ha affermato Alison Jones, Senior Vice President, Circular Economy Business Unit di Stellantis. “Abbiamo colleghi qualificati e partner fidati che affrontano le nostre attività attuali. Con la nostra mentalità 4R, ora stiamo aumentando con un intenso rigore, costruendo le nostre capacità, team e strutture, creando al contempo un ecosistema intelligente e integrato per gestire meglio la scarsità di materiali e la nostra spinta verso la rete di emissioni di carbonio zero".


Gli obiettivi principali della Business Unit Circular Economy sono prolungare la vita di veicoli e parti, assicurando che durino il più a lungo possibile e restituire materiale e veicoli fuori uso al ciclo di produzione di nuovi veicoli e prodotti. Questa metodologia integra i principi del "Design for the Circular Economy", che sono alla base della nuova Citroën "oli" [all-ë] , un veicolo familiare multi-attività concettuale che utilizza materiali leggeri e riciclati, processi di produzione sostenibili, convenienza, durabilità per una vita utile prolungata e una riciclabilità responsabile a fine vita.


 


La strategia 4R dell'economia circolare:


Stellantis ha sviluppato un business completo a 360 gradi basato sulla strategia 4R: rilavorazione, riparazione, riutilizzo e riciclo. È un ecosistema integrato, vitale per preservare e proteggere le risorse del pianeta. 


Reman – Le parti usate, usurate o difettose vengono accuratamente smontate, pulite e ricostruite secondo le specifiche OEM. Sono disponibili quasi 12.000 parti che coprono 40 linee di prodotti, comprese le batterie per veicoli elettrici.

Riparazione : le parti usurate vengono riparate e reinstallate nei veicoli dei clienti. In 21 località in tutto il mondo, i centri di riparazione elettronica lavorano sulle batterie dei veicoli elettrici. 

Riutilizzo – Circa 4,5 milioni di ricambi multimarca in giacenza , ancora in buone condizioni, vengono recuperati da veicoli fuori uso e venduti in 155 paesi attraverso la piattaforma di e-commerce B-Parts .

Ricicla : gli scarti di produzione e i veicoli fuori uso vengono reimmessi nel processo di produzione. In soli sei mesi, la business unit ha raccolto 1 milione di parti riciclate.

 


Hub integrati da loop locali


Il piano della Circular Economy Business Unit di Stellantis prevede un aumento aggressivo dei volumi e l'espansione in nuovi paesi, garantendo al contempo innovazione e riqualificazione costanti per le nuove tecnologie.


A settembre, Stellantis ha annunciato che nel 2023 verrà lanciato il suo principale Circular Economy Hub presso il suo Complesso di Mirafiori in Italia. L'operazione dedicata consentirà l'espansione delle attività attuali di Stellantis e supporterà il suo modello di business "dalla culla alla culla" in Europa. L'hub ospiterà attività di ricondizionamento, smantellamento di veicoli e rigenerazione di parti, con l'obiettivo di espandersi ulteriormente a livello globale. L'ambizione della business unit è anche complementare all'acquisizione nel 2016 di Aramis , leader europeo nell'acquisto e vendita online multimarca di auto usate, che avrà (entro la fine dell'anno) sette centri di ristrutturazione interni, strategicamente posizionati su Western e l'Europa centrale.


Oltre agli hub dell'economia circolare, la business unit utilizzerà i "loop locali" per mantenere prodotti e materiali all'interno dei paesi, accelerando le consegne ai clienti. In Brasile, le parti chiave, ovvero i motorini di avviamento e gli alternatori dei veicoli a marchio Stellantis, vengono rigenerati, distribuiti e venduti in 1.000 concessionari locali, supportando la filosofia dell'economia circolare e la spinta verso il carbon net zero. 


Ciò si basa sulle competenze attualmente in possesso dell'azienda ed è un altro passo importante nell'attuazione del piano strategico per la Circular Economy Business Unit di Stellantis in quanto spinge a quadruplicare i ricavi a vita estesa per parti e servizi e ad aumentare i ricavi di riciclo di 10 volte entro il 2030 come rispetto al 2021.


 


Presentazione di SUSTAINera


Con l'espansione delle attività di economia circolare, la business unit lancia anche la sua nuova etichetta SUSTAINera per parti e accessori, che indica un risparmio fino all'80% di materiali e 50% di energia rispetto alle parti nuove equivalenti. I valori sono determinati conducendo un'analisi del ciclo di vita del corrispondente best-seller in ciascuna famiglia di prodotti secondo una metodologia approvata da Sphera, una società indipendente.


"L'etichetta SUSTAINera rappresenta la nostra promessa di fornire ai clienti prodotti e servizi sostenibili, trasparenti e convenienti per tutti i marchi di veicoli, senza compromettere la qualità, preservando l'ambiente attraverso una riduzione degli sprechi e un minore utilizzo delle risorse del nostro pianeta", ha affermato Alison Jones .


Scelto tra le centinaia di proposte dei dipendenti Stellantis, il marchio SUSTAINera incarna anche il valore fondamentale dell'azienda di creare un futuro migliore attraverso un business responsabile che entra in una nuova era di sostenibilità.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel 2023 arriverà la nuova Fiat 600. Nel 2024 la nuova Abarth 600

Nuove anticipazioni sulla Nuova Lancia Ypsilon 2024!

Imparato “L'elettricità è efficienza. Così aereo. La berlina è più aerodinamica. Per me, l'industria tornerà a questo tipo di auto. Quindi sì, ci sarà una futura Giulia”.

Fiat conferma il nuovo pick-up medio per il 2023

Fiat si consolida già a novembre leader assoluto in Brasile nelle vendite del 2022 e raggiunge nel mese il 23,3% di quota di mercato

Paesi in cui è tornato l'ufficio stampa Lancia

Tutte le novità Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth in programma

Nuova Lancia Ypsilon MY'23, la city car più connessa di sempre

TORNA IL FIAT TALENTO. SI POSIZIONERA' TRA SCUDO E DUCATO. ARRIVA ANCHE IL NUOVO FIORINO?