Passa ai contenuti principali

I programmi di FCA: elettrico, alleanze, guida autonoma.... Marchionne lascia il gruppo nel 2018


Facebook (Seguici in modalità WEB) Marelli&Pozzi-AutoSesto redazionewm@outlook.com
Ci stiamo trasferendo su www.passioneautoitaliane.it

Sergio Marchionne, parlando al Salone di Detroit, dichiara: "non lo so se faremo la Giulia Station Wagon: per adesso stiamo guardando come va la Stelvio, e in questo momento non sono convinto se dare priorità a fare una station, invece di insistere sulla strategia delle Suv sull'Alfa Romeo. Quella delle familiari del resto è una partita tutta e solo europea". 

Il ceo di FCA per il caso Trump dichiara: "non abbiamo ancora avuto rapporti diretti con Trump. La mossa annunciata poche ore fa sui nuovi investimenti in America non è legata all'insediamento del nuovo presidente. Del resto, non siamo gli unici a non essere stati toccati dai tweet di Trump: anche Mercedes e Volkswagen non sono state menzionate finora".

Trump ha postato "Thank's Fiat", sul suo profilo Twitter. Marchionne ha risposto con un sorriso. "Era un atto dovuto a questo paese: ricordatevi dove eravamo nel 2009", ha aggiunto.


Per quello che riguarda le nuove berline compatte Marchionne ha affermato di "non aver trovato partner validi né dal punto di vista delle architetture né dei costi". "Comunque la necessità di rinnovarle non c'è, perché l'80% dell'aumento delle vendite dal 2011 a oggi è arrivata da Suv e pick-up. Se lo avessimo saputo all'epoca, non avremmo investito in quel modo sulla Dart. Alcuni, in questi anni si sono addirittura ritirati da quel segmento e per noi la priorità resta quella di globalizzare il marchio Jeep, alla luce degli sviluppi commerciali".

Marchionne ha parlato di guida autonoma: "Sono sicuro che arriveremo al livello 4 di autonomia nei prossimi cinque anni, e sono sicuro che Google sia pronta a quella sfida. Per il livello 5 dipende anche dal sistema che si deve adattare".

Il titolo FCA ha destato la curiosità e l'entusiasmo di analisti e investitori: "Credo che gli osservatori si siano accorti che riusciremo a centrare gli obiettivi del 2018: mancano solo otto trimestri e vediamo il traguardo. Non parlo ancora di risultati 2016: forniremo informazioni il 26, ma per il momento non ho notizie negative", ha scherzato l'ad. Che ha confermato l'obiettivo dell'azzeramento del debito e "a seconda della chiusura del 2017" il ritorno al dividendo.

Marchionne ha parlato anche di elettrificazione. "Andremo avanti su questo fronte, perché non basta Trump a fermarla. La Cina e anche l'Europa detteranno i ritmi, e poi è anche un atto dovuto. Io non credo che il mondo si sveglierà un giorno e ci saranno solo auto elettriche, per ragioni ecologiche ed anche economiche, ma la tendenza è quella.

"La macchina produttiva italiana va bene, abbiamo tanto da fare, ma non ci sono grandi novità per gli stabilimenti italiani". Marchionne, che si è definito "scioccato" per l'arresto del manager VW avvenuto nelle scorse ore, ha inoltre confermato che intende lasciare il timone del gruppo FCA alla fine del 2018. "Il piano di successione procede", ha spiegato, "il mio successore sarà un manager interno. L'annuncio arriverà da John Elkann e dal consiglio. Ancora non possiamo dire quando. Il mio obiettivo è completare il piano 2018: vogliamo 9 miliardi di utile operativo, 5 di utile netto".  

"Non so dare una risposta su futuri merger", ha poi dichiarato Marchionne a proposito di possibili alleanze, "perché da un lato ci sono i costruttori tradizionali, ma dall'altro c'è tutta un'industria nuova, quella californiana, che sta cercando di entrare nell'auto, con i fondi e le capacità economiche per intervenire in forze. La nostra stessa capitalizzazione vale una frazione di certi giganti hi-tech. Quindi fare previsioni su alleanze con eventuali partner in questo momento è del tutto impossibile. C'è comunque da dire che alla fine degli anni 90 abbiamo già visto tutto questo, con la bolla della new economy. Uber non ha mai guadagnato un dollaro, ma ha una capitalizzazione quattro volte superiore alla nostra. Io non credo che certe valutazioni possano durare per sempre. Anche se questo non significa che non dobbiamo continuamente cercare strade nuove, come fanno in California". Un approccio che rimane sempre aperto dunque, anche sul fronte delle alleanze: "Le cose cambiano nell'arco di sei mesi. Non escludo nuove intese prima della mia uscita di scena. E l'accordo con Google, di cui siamo partner di sviluppo e non solo fornitori, lo dimostra: è un'intesa che va oltre la flotta sperimentale delle cento Pacifica, e da cui non stiamo perdendo soldi, che è già tanto".

Marchionne ha spiegato che il marchio Fiat resterà negli Stati Uniti come brand di nicchia. Smentite, invece, le voci di spin-off dei marchi Alfa Romeo e Maserati "C'è un limite a tutto", ha commenato il manager al riguardo. Più possobilista invece, sulla cessione di Magneti Marelli "Dobbiamo chiederci se è essenziale per FCA", ha dichiarato. "E la risposta è no".   

Commenti

Post popolari in questo blog

Grande Panda: il nuovo modello globale della FIAT

La Grande Panda segna il ritorno di FIAT sul mercato mainstream globale. È stata sviluppata sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design ha preso ispirazione dall'iconica Panda degli anni '80, i "blue jeans" dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni cliente. Pertanto, è un'auto socialmente rilevante, l'auto per tutti. La Grande Panda è il clone letterale della prima Panda, il che la rende un nuovo veicolo del segmento B che è sia conveniente che adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda dovrebbe partire da meno di € 25.000 per la versione completamente elettrica e meno di € 19.000 per la versione ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda sfrutta un'idea semplice: una piattaforma multi-energia unica nel suo genere

Fiat Grande Panda arriva a fine anno con prezzi da meno di 19.000€

La Grande Panda segna il ritorno della FIAT sul mercato consumer globale. È stato sviluppato sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design si ispira all'iconica Panda degli anni '80, il 'blue jean' dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni occasione. occasione. cliente. È quindi un’auto socialmente rilevante, l’auto per tutti. La Grande Panda è letteralmente il clone della prima Panda, rendendola un nuovo veicolo del segmento B, conveniente e adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda parte da meno di 25.000 euro per la versione completamente elettrica e da meno di 19.000 euro per quella ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda si basa su un'idea semplice: una piattaforma multienergia unica e installabile in qualsiasi parte

Prime immagini di due nuove Fiat in arrivo dall'anno prossimo

Durante la presentazione della nuova Fiat Grande Panda,  Olivier Francois ceo di Fiat,  ha mostrato un video in cui si intravedono le nuove Fiat Fastback e la familiare in arrivo dal 2025.

Nuovi dettagli della Nuova Fiat Grande Panda

Domani pomeriggio verrà presentata la nuova Fiat Grande Panda, il modello con cui Fiat tornerà nel segmento B,  dopo l'uscita di scena della Fiat Punto nel 2018. Dopo aver visto tutto della parte esterna e qualcosa della plancia e dei sedili,  scopriamo qualche dettaglio dell'interno porta e questa simpatica Panda disegnata. Per tutto il resto non ci resta che aspettare domani pomeriggio, quando finalmente avremo maggiori foto, video e informazioni sulla nuova nata in casa Fiat.

Lancia Ypsilon da record nel primo semestre del 2024

Il Brand Lancia chiude il primo semestre 2024 con una crescita di immatricolazioni del 3% ed una quota del 2,8%, in linea con la performance dello scorso anno. Lancia Ypsilon è sul podio delle vendite del segmento B confermandosi un best seller del mercato nazionale. Da questo mese il testimone passa alla Nuova Ypsilon, la prima vettura della nuova era del marchio che sta riscuotendo grande successo tra il grande pubblico e la stampa internazionale.   Lancia Ypsilon “saluta” il mercato italiano come meglio non avrebbe potuto: la vettura, che ha reso le strade dell’Italia più belle, ha giocato un ruolo da protagonista assoluta nei primi sei mesi di questo 2024, facendo registrare numeri straordinari per il marchio. Lancia ha infatti chiuso il primo semestre con 24.709 immatricolazioni, con un incremento del 3% dei volumi e una quota di mercato al 2,8%, in linea con la performance dello scorso anno, confermandosi sul podio delle vetture più vendute nel suo segmento. L’iconica vettura da

Numeri di immatricolazione a giugno: la Fiat resta numero 1 nel segmento A in Germania

Fiat 500 Elettrica è stato il bestseller tra i veicoli elettrici a batteria (BEV) nel segmento mini con una quota di mercato del 36%. Con una quota del 24,5%, la Fiat 500 ha conquistato nella prima metà dell'anno il primo posto nell'intero segmento Mini.  Anche la Fiat 500 Elettrica e la Fiat 500 sono state in testa alle rispettive statistiche di giugno. Le ultime statistiche dell'Autorità federale dei trasporti automobilistici (KBA) confermano: il marchio FIAT rimane leader di mercato per i veicoli piccoli ed economici in Germania. Nel primo semestre 2024 la Fiat 500 Elettrica ha dichiarato al primo posto nelle immatricolazioni tra le piccole auto con trazione elettrica a batteria. Circa un acquirente su tre (quota di mercato del 36%) nel segmento mini BEV ha scelto la city car tecnologicamente innovativa e stilisticamente unica del marchio italiano. Solo nel mese di giugno la quota di mercato è salita addirittura al 60,5%. Tra gennaio e giugno la Fiat 500 è stata ancora u

La Fiat 126p torna nel reparto assemblaggio dello stabilimento di Tychy

La Grande Spedizione dei Bambini visita la fabbrica di Tychy. 80 vetture Fiat 126p sono partite per sostenere i bambini feriti in incidenti. Un incontro unico e una tappa speciale presso lo stabilimento di Tychy.   La Grande Spedizione dei Bambini è partita da Varsavia a Monte Cassino il 5 luglio per raccogliere fondi per i bambini feriti in incidenti stradali. Nell'ambito di questa grande campagna benefica, 80 vetture Fiat 126p percorreranno oltre 3.000 chilometri per attirare l'attenzione sul problema della sicurezza stradale, ma, cosa altrettanto importante, per insegnare alle giovani generazioni come partecipare consapevolmente alla circolazione stradale. La prima tappa del percorso della spedizione è stata lo stabilimento di autovetture Stellantis di Tychy, erede di FCA Polonia, produttore della Fiat 126p. 80 squadre partenti, tra cui vere e proprie leggende automobilistiche, in rappresentanza di diverse generazioni di campioni polacchi dello sterzo, come il pilota Longin

La Fiat 500 Ibrida avrà l'allestimento Torino e arriverà tra 18 mesi. Sarà prodotta a Mirafiori e il motore a Termoli

Lo storico stabilimento di Mirafiori sarà il sito produttivo della nuova Fiat 500 Ibrida, un nuovo modello ibrido Made in Italy il cui arrivo è previsto tra 18 mesi. A comunicarlo è Olivier Francois, CEO di FIAT. La nuova Fiat 500 Ibrida sarà prodotta presso lo storico stabilimento di Mirafiori a Torino. Il modello ibrido affiancherà la Fiat 500e, anch'essa progettata, ingegnerizzata, e disegnata a Mirafiori. Questa decisione sottolinea la dedizione del marchio all'innovazione e alla sostenibilità, rafforzando al contempo il profondo legame con le sue radici italiane e il forte ruolo strategico di Mirafiori. Si tratta della versione ibrida della 500e prodotta a Torino. Il motore scelto è lo stesso, ma aggiornato, delle Fiat Panda Hybrid e della 500 Hybrid prodotta in Polonia e appena uscita di produzione. Si tratta del tre cilindri 1.0 FireFly con cambio manuale. Il motore tre cilindri N3 Firefly sarà prodotto a Termoli, mentre il cambio verrà realizzato a Mirafiori, dove nasce

Video Nuova Fiat Grande Panda

Video del Canale YouTube FIAT 

Stellantis estende il sistema di propulsione ibrido a un numero maggiore di modelli per soddisfare la domanda dei clienti europei

L’innovativa trasmissione a doppia frizione elettrificata (eDCT) garantisce prestazioni eccellenti, confermandosi una tecnologia di ibridazione a prezzi accessibili. Il cospicuo recupero di energia in fase di decelerazione contribuisce a ottenere un risparmio di carburante fino al 20% e una riduzione equivalente delle emissioni di CO2 rispetto a un sistema di propulsione a combustione interna. Piattaforme multi-energia uniche e una strategia di produzione flessibile consentono a Stellantis di offrire ai clienti grande libertà di scelta nel portafoglio dei suoi 14 brand. Sfruttando il suo esclusivo approccio multi-energia, Stellantis sta rispondendo velocemente al rapido incremento degli ordini di modelli ibridi da parte dei clienti in Europa, in particolare le vetture dotate della nuova tecnologia ibrida avanzata eDCT. Le varianti ibride offrono un’esperienza di guida eccezionale, garantendo una riduzione delle emissioni di CO2 a un prezzo più accessibile rispetto alle auto completamen