Previste altre 1.000 assunzioni a Melfi. Nel 2018 maxi fusione tra FCA e un nuovo partner


Si è svolto l’incontro fra il premier Matteo Renzi e l’amministratore delegato del gruppo Fiat Chrysler Sergio Marchionne, a Melfi.
 
Renzi ha parlato con i dipendenti dello stabilimento di Melfi (che nel 2015 dovrebbe produrre circa 400.000 vetture) in cui vengono assemblate Jeep Renegade, Fiat 500X e Fiat Punto: “Il lavoro non si crea partecipando ai talk show. Hanno detto tutto il male possibile di noi, di Marchionne, del Jobs Act. Qui ci sono persone che hanno un posto di lavoro. Che si crea così, non a chiacchiere. Ci sono le condizioni per cui l’Italia torni a correre e con Marchionne e Elkann abbiamo visto una realtà che non è teorica, ma pratica, concreta. Qui c’è gente che ha voglia di lavorare e che pensa che Melfi non possa essere una cattedrale nel deserto ma un luogo di grande investimento”. “Molto probabilmente”, ha risposto Marchionne, “ci saranno altre 1.000 assunzioni nel comprensorio di Melfi. Questo è uno stabilimento che funziona, è un’ottima storia. Nei nostri lavoratori c’è un entusiasmo che è eccezionale. Renzi ha chiesto novità sul futuro dello stabilimento di Cassino in cui partirà la produzione delle nuove Alfa Romeo. “Aspettiamo buone notizie per Cassino, io non vedo l’ora di potermi comprare un’Alfa Romeo", dichiara Matteo Renzi.
 
In quante ad alleanze del gruppo FCA, Marchionne, si è dichiarato convinto che entro il 2018 una maxi fusione ci sarà: “O lo facciamo noi o il sistema si renderà conto che ci sono modi per migliorare la gestione di questi business”.

Commenti

I più letti della settimana