Passa ai contenuti principali

ALFA ROMEO 33 STRADALE: ALLE ORIGINI DEL MITO



ALLE ORIGINI DEL MITO Connubio perfetto di bellezza e prestazioni, la 33 Stradale del 1967 incarna il concetto di "la bellezza necessaria" di Alfa Romeo, e deriva direttamente dalla Tipo 33 regina del motorsport mondiale.

Il progetto della 33 segna il ritorno di Alfa Romeo alle competizioni, guidato dal Presidente Giuseppe Eugenio Luraghi e con il contributo di Carlo Chiti Autodelta, la neonata squadra corse del Biscione.

Il design della 33 Stradale è stato curato da Franco Scaglione, uno dei più grandi stilisti automobilistici dell'epoca, che ha creato un capolavoro di equilibrio, linee pure ed eleganza nei minimi dettagli.

Tra il 1967 e il 1969 sono stati prodotti solo 18 esemplari, uno custodito oggi nel Museo di Arese, rendendola estremamente rara e ambita dai collezionisti.

La 33 Stradale ha ispirato numerosi designer italiani famosi, che hanno contribuito a segnare la storia dell'automobilismo italiano e il design mondiale.

 


L’Alfa Romeo 33 Stradale del 1967 è una delle auto più affascinanti mai prodotte dal marchio italiano, il connubio tra bellezza e prestazioni, incarnando il concetto cardine di Alfa Romeo: “la bellezza necessaria", ossia il perfetto bilanciamento tra la meccanica raffinata e lo stile che la riveste. Ripercorriamo brevemente la sua storia rendendo omaggio agli audaci visionari che ebbero la determinazione di trasformare un sogno ambizioso in una “fuoriserie” che ancora oggi è fonte di ispirazione per il futuro del marchio Alfa Romeo.

Sono i ruggenti anni 60, epoca di rinascita economica e riscatto sociale e culturale. L’auto rappresenta un oggetto del desiderio, simbolo di eleganza, velocità ed esclusività. A quel tempo, Alfa Romeo è guidata da Giuseppe Eugenio Luraghi, manager poliedrico e colto, che vuole riportare Alfa Romeo sui palcoscenici del motorsport internazionale, dopo i fasti della prima metà del secolo. Basti pensare alle vittorie del primo campionato del Mondo per vetture Grand Prix nel 1925, delle 11 edizioni della Mille Miglia, delle 4 edizioni consecutive della 24h di Le Mans e, all’apice della sua gloria sportiva, dei primi 2 Campionati del mondo di F1 con i leggendari piloti Farina e Fangio.

Nel 1964 il Presidente Luraghi sente che è il momento ideale per un ritorno ufficiale alle competizioni. Per ricostituire un reparto corse acquisisce l’Autodelta, un’azienda di Udine che è già partner privilegiato per la produzione delle TZ. Con Autodelta rientra in Alfa Romeo anche Carlo Chiti, che già ha lavorato al Portello dal 1952 al 1957 e prende ora il ruolo di responsabile della scuderia ufficiale. Nello stesso anno, parte il progetto della 33. Luraghi chiede al suo team una vettura in grado di competere nelle “categorie del momento” per successo di pubblico e attenzione mediatica: il mondiale Sport Prototipi.

A metà degli anni Sessanta, Autodelta si trasferisce a Settimo Milanese – più vicino allo stabilimento Alfa Romeo, ma soprattutto alla pista prove di Balocco. Il primo telaio Tipo 33 progettato da Alfa Romeo, prendendo ispirazione dalla tecnica aeronautica, entra nelle officine Autodelta nel 1965. È una struttura tubolare a “H”, asimmetrica, realizzata in lega di alluminio, che integra al suo interno i serbatoi del carburante, e nella parte frontale, presenta una struttura in magnesio che sostiene in modo ottimale sospensioni anteriori, radiatori, sterzo e pedaliera. Il gruppo motore/cambio è montato longitudinalmente in posizione posteriore centrale. La carrozzeria è in fibra di vetro, in modo da limitare la massa totale ai 600 kg. che il regolamento prevede come minimo. Ancora una volta, la leggerezza è l’arma segreta di Alfa Romeo.

Un progetto così ambizioso e innovativo ha tempi di sviluppo non brevissimi. Prima che la 33 sia pronta per le gare passano quasi due anni. Per le prime prove la vettura adotta il 4 cilindri da 1.570 cm³ della TZ2; nel frattempo viene sviluppato un propulsore interamente nuovo, con il quale si passa a una configurazione 8 cilindri a “V”, con due litri di cilindrata e 260 cavalli di potenza.

La prima 33 a correre viene subito soprannominata “Periscopica” per la presa d’aria che spunta sopra il roll-bar. Per l’esordio viene scelta la cronoscalata di Fléron, vicino a Liegi; a guidare l’auto è il capo-collaudatore dell’Autodelta, Teodoro Zeccoli. Dopo anni di preparazione meticolosa, il 12 marzo 1967 la 33 entra nel mondo delle competizioni. E vince subito. È la prima di una lunga serie di successi sui circuiti più prestigiosi. Una cavalcata che porterà la 33 sul tetto del mondo, con le vittorie nel Campionato Marche del ‘75 e del ‘77.

Sull’onda dell’entusiasmo del ritorno alle competizioni, nel 1967 Alfa Romeo decide di produrre la 33 in piccolissima serie per i privati, una “fuoriserie” che combinasse le prestazioni della Tipo 33 da competizione con il comfort e la guidabilità adatte all’uso quotidiano. Il design viene affidato a Franco Scaglione. Nato a Firenze da famiglia di antica nobiltà, Scaglione studia per diventare ingegnere aeronautico fino al momento del servizio di leva; poi parte per il fronte libico, dove verrà fatto prigioniero a Tobruk. Torna in Italia a fine 1946, deciso a non riprendere gli studi, e sceglie di diventare stilista auto: prima con Pinin Farina, poi con Bertone e infine come designer indipendente. Scaglione mette nel progetto della 33 Stradale tutta la sua perizia tecnica e audacia creativa, creando un capolavoro in cui l’innovazione di stile si fonde con la ricerca dell’aerodinamica e della funzionalità.

Nasce così l’Alfa Romeo 33 Stradale, una coupé alta appena 99 cm con porte ad apertura verticale, una delle pochissime vetture da strada nate a partire dal modello da corsa, dal quale ha ereditato eccellenti soluzioni tecniche che, ben 56 anni dopo, sono ancora in grado di offuscare quelle delle sofisticate vetture moderne. Il suo design, quintessenza della bellezza in un'automobile, è quasi impossibile da descrivere: a esprimerlo sono l'equilibrio delle forme, la purezza delle linee, l'eleganza di ogni minimo dettaglio. Il cofango della 33 Stradale si apre completamente per migliorare l’accesso alle parti meccaniche, e – per la prima volta su un’auto “street-legal” – le portiere sono a “elitra”, al fine di agevolare l’ingresso in una vettura alta meno di un metro. Le altre differenze rispetto alla versione da pista sono i 10 centimetri in più di passo, per dare un po’ più di spazio nell’abitacolo, e il telaio tubolare in acciaio invece che in alluminio.

Oltre al design, di un’Alfa Romeo emoziona il motore e quello della 33 Stradale non fa eccezione. Derivato dal propulsore montato sulla versione da corsa e realizzato in leghe di alluminio e magnesio, con iniezione meccanica indiretta e un rapporto di compressione di 10:1, il motore di 2 litri ha 8 cilindri a V ed eroga 230 CV a 8.800 giri e una coppia di 206 Nm. Su un’auto così leggera, questi numeri si traducono in prestazioni da vera supercar per l’epoca: la velocità massima supera i 260 km/h e l’accelerazione da 0 a 100 km/h avviene in appena 5,5 secondi. Dunque, si tratta di autentico gioiello della motoristica italiana progettato dal leggendario ingegnere Giuseppe Busso e affinato dal team di Carlo Chiti per l’applicazione sul progetto 33.

La 33 Stradale viene presentata ufficialmente al Salone di Torino del 1967, ma svelata qualche settimana prima a un pubblico appassionato e competente presso l'Autodromo di Monza, alla vigilia del GP d'Italia di Formula 1. La scelta della location ovviamente non è casuale in quanto massima espressione del legame fra il mondo delle corse e le auto da strada. Un legame suggellato dalla presenza del Quadrifoglio, utilizzato per la prima volta da Ugo Sivocci nel 1923 e adottato, a partire dagli anni Sessanta, come simbolo ufficiale sulle Alfa Romeo dalle prestazioni sportive più marcate.

Quando nasce, la 33 Stradale è la sportiva più bella e costosa sul mercato, venduta a quasi 10 milioni di lire del tempo contro i 6 o 7 milioni delle rivali più prestigiose. Tra il 1967 e il 1969 vengono costruite solo 18 esemplari, uno di questi è custodito al Museo di Arese, rendendola estremamente rara e ambita dai collezionisti di tutto il mondo. Nel corso degli anni, è stata celebrata in numerosi eventi, mostre e concorsi d’eleganza, consolidando il suo status di icona dell’automobilismo mondiale.

La bellezza immortale della 33 Stradale, dovuta all'estro di Franco Scaglione, e la tecnologia direttamente derivata dalla Tipo 33 ne fanno una delle icone più rappresentative di Alfa Romeo. Fascino che si è alimentato nel corso degli anni con le interpretazioni dei più grandi designer dell’epoca. Infatti, alcuni dei 18 telai della 33 Stradale vennero impiegati per realizzare altrettanti prototipi, che anticipano due decenni di design automobilistico. La prima dream car è l'Alfa Romeo Carabo, disegnata da Marcello Gandini per Bertone, ed esposta al Salone di Parigi del 1968. Seguirono tre progetti Pininfarina: la P33 Roadster GS nello stesso anno, la 33/2 Coupé Speciale nel 1969, e la Cuneo nel 1971, che eredita il telaio dalla P33 Roadster GS. L'Iguana del 1969 fu la prima Alfa Romeo disegnata da Giorgetto Giugiaro, quando Italdesign era una società appena nata. Pochi anni dopo si aggiunse la "futuristica" Navajo del 1976, presentata da Bertone. Insomma, la 33 Stradale è un modello leggendario che ha segnato non solo la storia di Alfa Romeo, ma anche quella del design italiano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fiat Grande Panda arriva a fine anno con prezzi da meno di 19.000€

La Grande Panda segna il ritorno della FIAT sul mercato consumer globale. È stato sviluppato sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design si ispira all'iconica Panda degli anni '80, il 'blue jean' dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni occasione. occasione. cliente. È quindi un’auto socialmente rilevante, l’auto per tutti. La Grande Panda è letteralmente il clone della prima Panda, rendendola un nuovo veicolo del segmento B, conveniente e adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda parte da meno di 25.000 euro per la versione completamente elettrica e da meno di 19.000 euro per quella ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda si basa su un'idea semplice: una piattaforma multienergia unica e installabile in qualsiasi parte

Prime immagini di due nuove Fiat in arrivo dall'anno prossimo

Durante la presentazione della nuova Fiat Grande Panda,  Olivier Francois ceo di Fiat,  ha mostrato un video in cui si intravedono le nuove Fiat Fastback e la familiare in arrivo dal 2025.

Nuovi dettagli della Nuova Fiat Grande Panda

Domani pomeriggio verrà presentata la nuova Fiat Grande Panda, il modello con cui Fiat tornerà nel segmento B,  dopo l'uscita di scena della Fiat Punto nel 2018. Dopo aver visto tutto della parte esterna e qualcosa della plancia e dei sedili,  scopriamo qualche dettaglio dell'interno porta e questa simpatica Panda disegnata. Per tutto il resto non ci resta che aspettare domani pomeriggio, quando finalmente avremo maggiori foto, video e informazioni sulla nuova nata in casa Fiat.

Grande Panda: il nuovo modello globale della FIAT

La Grande Panda segna il ritorno di FIAT sul mercato mainstream globale. È stata sviluppata sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design ha preso ispirazione dall'iconica Panda degli anni '80, i "blue jeans" dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni cliente. Pertanto, è un'auto socialmente rilevante, l'auto per tutti. La Grande Panda è il clone letterale della prima Panda, il che la rende un nuovo veicolo del segmento B che è sia conveniente che adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda dovrebbe partire da meno di € 25.000 per la versione completamente elettrica e meno di € 19.000 per la versione ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda sfrutta un'idea semplice: una piattaforma multi-energia unica nel suo genere

Video Nuova Fiat Grande Panda

Video del Canale YouTube FIAT 

OBBLIGO DELL'UTILIZZO DELLA CORSIA PIÙ LIBERA A DESTRA

Fino al 2002 il comma 6 dell’art.143 del Codice della Strada diceva che la corsia di destra era riservata ai veicoli lenti, ma questa frase è stata totalmente eliminata dal 15 gennaio 2002. Oggi, l’articolo 143 comma 5 del Codice della Strada prescrive che, salvo diversa segnalazione, sulle strade a due o più corsie per senso di marcia si deve circolare sulla corsia libera più a destra , e la corsia o le corsie di sinistra sono riservate al sorpasso.  Le sanzioni per l’inosservanza di questa legge prevedono il pagamento di una multa compresa tra 42 e 173 euro, la decurtazione di 4 punti dalla patente di guida (8 per i neopatentati) e l’addebito della responsabilità in caso di sinistro o quantomeno il concorso di colpa anche in caso di tamponamento. Il sorpasso a destra non è consentito, ma il superamento sì. Nel sorpasso è previsto il passaggio da una corsia all’altra e il ritorno su quella di origine, mentre il superamento prevede l’avanzamento del veicolo sulla stessa corsia di marci

La Nuova Abarth 600e arriverà a novembre

  Nuova Abarth 600e Scorpionissima, l’Abarth più potente di sempre, dotata di 240 CV, un differenziale meccanico a slittamento limitato e componenti racing. Accattivante è l’aggettivo perfetto per descrivere l’abitacolo della Nuova Abarth 600e Scorpionissima. Grazie alla plancia arricchita con le grafiche Abarth, all’esclusivo pattern e al distintivo ambiente nero, l’abitacolo mantiene la sua caratteristica aura impreziosita da dettagli come il simbolo dello Scorpione sul volante o le cuciture colorate. Lo spirito racing dell’Abarth 600e Scorpionissima trova espressione nei sedili dedicati e inspirati al mondo delle competizioni e nel volante sportivo con inserti in pelle e Alcantara®, valorizzando così l’essenza cool e la sportività dell’auto. Il design interno è arricchito anche da un tunnel centrale provvisto di una copertura che garantisce maggiore spazio per i propri oggetti, dalla luce ambiente per valorizzare gli interni e dalla radio NAV da 10 pollici per gestire le funzioni di

La Fiat 500 Ibrida avrà l'allestimento Torino e arriverà tra 18 mesi. Sarà prodotta a Mirafiori e il motore a Termoli

Lo storico stabilimento di Mirafiori sarà il sito produttivo della nuova Fiat 500 Ibrida, un nuovo modello ibrido Made in Italy il cui arrivo è previsto tra 18 mesi. A comunicarlo è Olivier Francois, CEO di FIAT. La nuova Fiat 500 Ibrida sarà prodotta presso lo storico stabilimento di Mirafiori a Torino. Il modello ibrido affiancherà la Fiat 500e, anch'essa progettata, ingegnerizzata, e disegnata a Mirafiori. Questa decisione sottolinea la dedizione del marchio all'innovazione e alla sostenibilità, rafforzando al contempo il profondo legame con le sue radici italiane e il forte ruolo strategico di Mirafiori. Si tratta della versione ibrida della 500e prodotta a Torino. Il motore scelto è lo stesso, ma aggiornato, delle Fiat Panda Hybrid e della 500 Hybrid prodotta in Polonia e appena uscita di produzione. Si tratta del tre cilindri 1.0 FireFly con cambio manuale. Il motore tre cilindri N3 Firefly sarà prodotto a Termoli, mentre il cambio verrà realizzato a Mirafiori, dove nasce

La Fiat 126p torna nel reparto assemblaggio dello stabilimento di Tychy

La Grande Spedizione dei Bambini visita la fabbrica di Tychy. 80 vetture Fiat 126p sono partite per sostenere i bambini feriti in incidenti. Un incontro unico e una tappa speciale presso lo stabilimento di Tychy.   La Grande Spedizione dei Bambini è partita da Varsavia a Monte Cassino il 5 luglio per raccogliere fondi per i bambini feriti in incidenti stradali. Nell'ambito di questa grande campagna benefica, 80 vetture Fiat 126p percorreranno oltre 3.000 chilometri per attirare l'attenzione sul problema della sicurezza stradale, ma, cosa altrettanto importante, per insegnare alle giovani generazioni come partecipare consapevolmente alla circolazione stradale. La prima tappa del percorso della spedizione è stata lo stabilimento di autovetture Stellantis di Tychy, erede di FCA Polonia, produttore della Fiat 126p. 80 squadre partenti, tra cui vere e proprie leggende automobilistiche, in rappresentanza di diverse generazioni di campioni polacchi dello sterzo, come il pilota Longin

Numeri di immatricolazione a giugno: la Fiat resta numero 1 nel segmento A in Germania

Fiat 500 Elettrica è stato il bestseller tra i veicoli elettrici a batteria (BEV) nel segmento mini con una quota di mercato del 36%. Con una quota del 24,5%, la Fiat 500 ha conquistato nella prima metà dell'anno il primo posto nell'intero segmento Mini.  Anche la Fiat 500 Elettrica e la Fiat 500 sono state in testa alle rispettive statistiche di giugno. Le ultime statistiche dell'Autorità federale dei trasporti automobilistici (KBA) confermano: il marchio FIAT rimane leader di mercato per i veicoli piccoli ed economici in Germania. Nel primo semestre 2024 la Fiat 500 Elettrica ha dichiarato al primo posto nelle immatricolazioni tra le piccole auto con trazione elettrica a batteria. Circa un acquirente su tre (quota di mercato del 36%) nel segmento mini BEV ha scelto la city car tecnologicamente innovativa e stilisticamente unica del marchio italiano. Solo nel mese di giugno la quota di mercato è salita addirittura al 60,5%. Tra gennaio e giugno la Fiat 500 è stata ancora u